19.05.2020

RISPOSTE AI LETTORI CENTOSESSANTAQUATTRO

Autore: Elena Lasagna

19/05/2020

 

Alcuni giorni fa una mia conoscente mi ha detto:  al giorno d’oggi se una famiglia vuole costruirsi una casa deve pagare una tassa molto alta al comune,  poi  dipende da dove è posizionato il terreno,  può capitare che dal tuo terreno venga espropriata un’area adibita al parcheggio che  diventerà ad uso pubblico,  ma ti sembra giusto?  Ma io che debba pagare il parcheggio agli altri?  Chi lo fa non è a posto con la testa!  Se le cose resteranno così,  non acquisterò mai nemmeno una casa già costruita, ci sono troppe tasse da pagare!

 

Federica

 

Non so se sia un proverbio o una dritta,  quello che esprime:  ”  la madre degli imbecilli è sempre in cinta!”  Sentire gente di quarant’anni circa che dice queste cose fa cadere le braccia!  Sai quante tasse lascia e quanti parcheggi paga in dieci anni di affitto?  In venti paga la casa al proprietario e a lei non resterà un bel nulla!  E poi,  non ci sarà mai dialogo con una che pensa in questa maniera!

 

Elena Lasagna

 

20/05/2020

 

Non ti ho detto ancora nulla in confronto  … Senti questa:  due comari madri, una di un figlio maschio e l’altra di una femmina,  ora che hanno i figli grandi più o meno coetanei non sopportano la sera ragazzine e ragazzini che giocano in cortile e sulla strada,  hanno detto queste parole:  non se ne può più,  le femmine di qui sono ignoranti mentre i maschi sono intelligenti;  poi hanno incolpato te dicendo che sei tu che non sopporta i bambini giocare.

Federica

 

Sai cosa c’è?  Che non me ne frega più niente!  Sono loro i falsari che portano odio dentro.  Per me non esiste nulla di più bello che sentire gli schiamazzi dei bambini che giocano e il canto degli uccelli;  mi dispiace per loro perché hanno dei genitori così falsi che dipingono di nero tutto ciò che  c’è di bello in giro,  con quegli sguardi e sorrisi falsi,  mi fanno senso.  Uno di loro tempo fa per telefono mi disse che nel paese dove abito non  mi  voleva più vedere nessuno,  mi disse testuali parole:  sa che a Codisotto la odiano tutti?  Invece la gente mi stima e quando vado in paese mi trattengono a parlare,  ci scambiamo idee e battute felici.  Tre anni fa glielo rammentai e lui disse che non aveva mai detto una cosa del genere.  Il loro scopo era quello di farci andare via in fretta dalla nostra casa,  tutti d’accordo,  abbiamo capito chi c’è dietro a tutto questo!  Che schifo!

 

Elena Lasagna

 

31/05/2020

 

Cosa pensi di quelle persone che si vantano di essere furbe?  Lo saranno davvero?

 

M.T

 

Può darsi,  ma io credo che nella vita non si è mai furbi abbastanza!  C’è sempre qualcuno più furbo-a di chi si crede infallibile!  Certo che non si può chiamare furbo qualcuno che fa del male al prossimo;  quello è un deficiente!

 

Elena  Lasagna

 

01/06/2020

 

Conosco dei ladri che si credono persone furbe.

 

Marco anni 13

 

No Marco,  non crederci, le persone furbe sono intelligenti e i ladri non lo sono e non lo saranno mai,  se lo fossero non avrebbero bisogno di rubare!

 

Elena  Lasagna

 

01/06/2020

 

Mi sono accorta di avere un padre deficiente,  cosa posso fare?

 

Gloria

 

  Gloria tieni duro,  appena raggiungerai la maggiore età lo potrai cambiare!  Cambierai padre e  cognome.

 

Elena  Lasagna

 

 

 

 

15/05/2020

 

 

 

Se una persona è affetta da fibrillazione,  che cosa si deve aspettare?  Grazie!

 

N.

 

La fibrillazione è un’alterazione della contrattilità dei muscoli,  di tutti i muscoli e ovviamente il cuore.  È un fenomeno caratterizzato dalla contrazione irregolare di singole fibre dei muscoli scheletrici,  che avviene quando si danneggia o si distrugge la loro innervazione motoria.  La fibrillazione è un’aumentata sensibilità del muscolo dovuta all’azione dell’acetilcolina,  che anche se in assenza di attività nervosa può formarsi localmente,  oppure essere trasportata in piccole quantità nel distretto denervato attraverso il flusso circolatorio.  La fibrillazione cardiaca invece è una contrazione anomala della muscolatura atriale o ventricolare che altera la regolarità del ritmo cardiaco.  Nella fibrillazione atriale viene sostituito il normale ritmo del cuore da una serie di contrazioni atriali anomale ad altissima frequenza e a tale frequenza gli atrii non sono più in grado di funzionare regolarmente perché le loro pareti sono animate da minuscole vibrazioni vermicolari che risultano inefficienti dal punto di vista  emodinamico. I sintomi della fibrillazione atriale si manifestano in modo soggettivo sotto forma di angoscia, di oppressione retrosternale e di cardiopalmo.  Si hanno obbiettivamente caratteristiche alterazioni dell’elettrocardiogramma, rappresentate da aritmia ventricolare e dalla mancanza dell’onda P, sostituita da altre piccole onde di fibrillazione. I fattori responsabili che portano alla fibrillazione atriale,  le malattie valvolari soprattutto la valvupatia mitralica,  i disturbi alle coronarie,  l’ipertensione,  l’ipertiroidismo ecc.

 

La fibrillazione ventricolare è una grave aritmia cardiaca, che dà contrazioni ventricolari di elevata frequenza,  incoordinate e irregolari sia nel tempo che nell’intensità.  Questa aritmia  è data dalla conseguenza di alterazioni spesso definitive del miocardio ventricolare spesso legate a infarto a intossicazioni acute e massive con la digitale,  cloroformio ecc.  La tachicardia forte compromette la gittata cardiaca con collasso e anossia periferica.  Alla visione dell’elettrocardiogramma si può notare una serie ininterrotta di ondulazioni completamente irregolari,  anomale con frequenti pause elettriche assolute.  La fibrillazione ventricolare è una patologia molto grave,  anche se nei casi meno disperati dove non c’è il defibrillatore può essere utile il massaggio tempestivo manuale del cuore.

 

Elena Lasagna

 

15/05/2020

 

Che cosa s’intende per te una “persona di poco conto”?

 

Dottor Robert e Linda

 

Per me una persona  è ordinaria quando fa del male agli altri e poi getta la colpa su altre persone.  Anche quando ha quell’insistenza nel travisare e mentire sempre per cattiveria e invidia,  con quell’accanimento maniacale a fare dispetti,  nonostante siano persone adulte e genitori;  qui siamo sulla strada della psicopatia e quindi è dovere dello psichiatra curare  queste persone perché se invecchieranno saranno sicuramente da internare in una casa psichiatrica.

Elena  Lasagna

 

19/05/2020

 

Che cos’è esattamente un nodulo? Come si distingue un nodulo da un brufolo?

D.

 

Un nodulo è un agglomerato di elementi cellulari o di altra natura, con una struttura propria che lo distingue dal tessuto circostante.  Ci sono anche noduli microscopici e più grandi,  come ad esempio il nodulo di Aschoff  che fa parte della malattia reumatica;  la denominazione è usata sia per formazioni normali che patologiche. Formazione circoscritta di consistenza dura,  che può avere forma e dimensioni varie, e si sviluppa nel derma superficiale e profondo o nell’ipoderma,  che caratterizza diverse formazioni morbose. come il nodulo di Meynet,  tipico nella poliartrite cronica primaria. I brufoli sono foruncoli,  vale a dire una flogosi cutanea acuta circoscritta che ha origine nell’apparato pilo-sebaceo,  sostenuta dallo stafilococco aureo.  Si manifesta come una pustola con una escara nera centrale e con un alone periferico rosso,  di consistenza dura e dolorosa.  Le localizzazioni più importanti sono al viso, come ad esempio l’acne, spesso al labbro superiore, per la possibilità di trombosi settica del seno cavernoso, mediante comunicazione con le vene facciale e oftalmica,  di meningite,  di ascesso cerebrale, di setticemia.  Un’altra localizzazione frequente è il condotto uditivo esterno,  dove provoca dolore intenso,  rumori auricolari,   ipoacusia,  a volte provoca anche febbre e complicazioni come la linfadenite,  linfangite, tromboflebiti ecc.

 

Elena  Lasagna

 

21/05/2020

 

Avere la glicemia alta o iperglicemia può portare al diabete,  è vero che l’ ipoglicemia,  può portare a complicazioni serie?

 

L.

 

Sì,  essendo una diminuzione del tasso ematico di glucosio al di sotto dei valori normali,  se è spontanea può essere preoccupante.  Questo tipo di ipoglicemia s’instaura per cause organiche come ad esempio:  tumori, o iperplasia delle isole pancreatiche,  insufficienza epatica,  glicogenosi epatica,  diabete renale,  ecc.  O per cause funzionali,  come ad esempio: allattamento, gravidanza, sforzi muscolari,  ecc.  Può manifestarsi non solo con grande senso di fame e astenia,  ma con lipotimie,  convulsioni dopo breve digiuno o dopo sforzi fisici,  con irrequietezza,  nervosismo tachicardia ecc. ;  magrezza anche con l’alimentazione abbondante.  L’ipoglicemia può verificarsi anche nel corso di terapia insulinica del diabete mellito   (se il dosaggio fosse eccessivo)  questa si chiama ipoglicemia provocata.

 

Elena Lasagna

 

25/05/2020

 

Mi hanno riscontrato che ho una particolare predisposizione dell’organismo a reagire in modo anomalo alla stimolazione fisiologica con manifestazioni più o meno a dir poco patologico.  Vi puoi dire a che cosa vado incontro,  sono grave?

 

V.

V.,  queste forme non sono rare,  in relazione alle varie manifestazioni e all’età si differenziano alcune forme di questo disturbo o patologia;  il termine giusto lasciamolo pronunciare dal tuo medico.  Si può manifestare con reazioni patologiche che possono riguardare il ricambio, la gotta per esempio,  ecc.) :  La pelle,  con eczemi,  pruriti, ecc.  I muscoli, con eccitabilità e l’apparato circolatorio.  Può comparire in soggetti di costituzione differente con prevalenza di manifestazioni nervose e con facile esaurimento neuromuscolare in certi soggetti.  Poi ci sono alcune patologie dettate da condizioni costituzionali che si estrinseca,  nella prima infanzia,  con un’esagerata tendenza alle infiammazioni  della cute e della mucosa.  I segni clinici riconosciuti sono:  intertrigine, predisposizione ai processi suppurativi in genere,  tendenza all’angina,  alle bronchiti, ecc.  Anche il timo,  le tonsille, la milza e i vari organi linfatici reagiscono con stati infiammatori cronici e successivamente ipertrofia.  La patologia allergica comprende diverse forme di aumentata sensibilità organica a sostanze  dotate o no di caratteristiche antigieniche.  Gli individui con queste patologie presentano segni di ipersensibilità che si manifestano con alterazioni cutanee, asma, edemi ecc.

 

Elena  Lasagna

 

26/05/2020

 

Con il tetano si muore?   Grazie!

 

S. A.

 

Dipende!  Il tetano è una malattia infettiva,  la penetrazione del germe avviene attraverso le ferite nelle quali si moltiplica diffondendo un’esotossina che possiede un elettivo tropismo per il sistema nervoso.  Dopo un periodo di incubazione di 5-a 20 giorni,  a volte più lungo come avviene nella forma cronica,  il tetano esordisce bruscamente con contratture dolorose ai muscoli della faccia che lascia una chiusura forzata ai muscoli della bocca:  gli spasmi muscolari si  estendono alla nuca e al dorso,  determinando un’estensione forzata del capo e della colonna dorsale. Quando vengono interessati i muscoli flessori del tronco,  quelli laterali  e tutta la muscolatura si può avere asfissia per spasmo del diaframma e dei muscoli respiratori.  L’interessamento degli sfinteri ostacola l’emissione delle feci e delle urine, la temperatura corporea è quasi sempre normale all’inizio,  poi nel periodo preagonico può raggiungere  oltre i 40 c°.  La mortalità avviene più di rado che negli anni passati come negli anni 60-80 -90.  La diagnosi si basa sull’obbiettività clinica e anche sulla ricerca del bacillo responsabile del Costridium tetani.  la vaccinazione garantisce un’immunità di lunga durata.  È possibile anche a distanza di diversi anni,  ripristinare rapidamente le difese immunitarie specifiche dell’organismo attraverso una sola somministrazione di vaccino.

 

Elena  Lasagna

07.05.2020

AUGURI A TUTTE LE MAMME

Autore: Elena Lasagna

07/05/2020

 

A DUE DONNE MERAVIGLIOSE

 

 

 

A TE MAMMA E A TE NONNA PER

 

SEMPRE

 

Elena  Lasagna

 

 

03.05.2020

LE RICETTE DI CASA MIA DUECENTOSETTANTATRESIMA PARTE

Autore: Elena Lasagna

03/05/2020

 

 

IN CUCINA CON AMORE E CON

 

FEDERICA

 

Elena    Alcune persone mi hanno domandato cosa ne penso del lievito madre,  è vero che è solo una perdita di tempo?  Perché cucinare con il lievito madre comporta una grande perdita di tempo,  ma questo tempo poi ci ripaga in salute?  Io ho risposto che il lievito madre per me è un “miracolo” !  Senza abolire tutti gli altri lieviti come quello istantaneo,  quello a lievitazione di due ore  ecc.  Tutti questi lieviti non danno nemmeno la metà di leggerezza,  di salute,  di sofficità e genuinità del lievito madre.  Anch’io a volte per impiegare minor tempo uso tutti gli altri,  ma  non sono niente in confronto,  anche se apparentemente la lievitazione è riuscita,  ma il resto lievita nello stomaco e questo non va bene.  Se i grandi panificatori,  i maestri pasticcieri, e i maestri pizzaioli usano da sempre il lievito madre ci sarà un motivo valido.  Sono diverse le pizze a lunga lievitazione,  sono migliori in tutto,  le altre lievitazioni alla fine risultano un po’ gnucche.  Evviva il lievito madre e chi l’ha inventato! Ho voluto fare una torta con il lievito madre,   avessi incominciato prima!  Sapeste quanto è leggera!  Eccola!

 

TORTA ALLA CREMA DI

 

MANDORLE E ANANAS

 

 

Ingredienti:  trecento g di lievito madre,  tre uova,  duecentocinquanta g di zucchero,  aroma vaniglia,  quattrocento g di farina “00”,  cento g di margarina senza grassi idrogenati,  o burro,  trecento cinquanta g di ananas tagliato a pezzetti e asciugato dal suo succo,  trecento g di crema alle mandorle fatta con latte di mandorla e pasta di mandorle.

 

Esecuzione:  impastiamo il lievito madre e le uova sbattute  con lo zucchero,  incorporiamo la margarina o il burro a temperatura ambiente,  aggiungiamo poi metà della farina e lasciamo lievitare  fino a sera,  poi aggiungeremo l’altra metà e lasceremo riposare per due giorni interi coperta da un canovaccio in lino.  A lievitazione ultimata prepareremo l’ananas,  la crema  e in una teglia con la cerniera adageremo la torta,  sopra la crema e sopra ancora i pezzetti di ananas.  Inforniamo a 175° per quaranta minuti. Eccola nella foto in alto.

 

Federica   Posso dire che questa torta è leggerissima e gustosissima,  meravigliosa!

 

06/05/2020

 

Elena  Ho inventato un pesto nuovo molto gustoso,  è il pesto al tanaceto.  Il tanaceto è un’erba dalle molteplici proprietà,  ma non bisogna abusarne perché potrebbe diventare tossica. Il tanaceto è una pianta dai fiori gialli dalle proprietà digestive,  antiparassitarie e antivirali ma allo stesso tempo è anche molto aromatica e salutare,  dona ai piatti quel gusto in più che spesso andiamo cercando.

 

 

TAGLIOLINI AL PESTO DI

 

TANACETO

 

 

Ingredienti: un uovo per ogni 100 g di farine,  che possono essere di tipo “0” per pasta fresca oppure di semola di grano duro.  Per il pesto occorrono 150 g di gherigli di noci,  10 foglie di tanaceto,  un mazzetto di erba cipollina,  e 50 g di parmigiano reggiano,  sale e pepe bianco e olio extra vergine d’oliva.

 

Federica   Anche questo piatto è da provare,  è gustosissimo e poi ci mantiene in salute. Grazie!

 

12/05/2020

 

Federica   perché non metti la foto del gelato che hai fatto per noi?

 

Elena  Questo gelato l’ho fatto per voi,  quindi anche la foto vi appartiene,  ma se sei tu a chiedermelo allora,  eccola.

 

GELATO ALLA ZUCCA VANIGLIA

 

 

CIOCCOLATO  ALL’AMARETTO

 

 

Ingredienti: gelato alla crema di zucca:  200 ml di latte intero,  150 g di zucchero,  120 g di panna fresca,  una stecca di vaniglia.  Per il gelato alla vaniglia: duecento g di panna fresca, 150 g di zucchero, crema di vaniglia,  125 g di latte intero.  Per il gelato all’amaretto:  15 amaretti,  tre cucchiai rasi di cacao amaro,  150 g di zucchero 150 g di panna e 150 g di latte intero,  100 g di cioccolato fondente sciolto in un bicchiere di latte.

 

Esecuzione: sciogliamo lo zucchero nel latte e la vaniglia,  aggiungiamo la panna  e la purea di zucca,  amalgamiamo poi versiamo il tutto nella gelatiera già portata a temperatura. Dopo trenta minuti il gelato sarà pronto. Lo stesso procedimento vale anche per gli altri due gusti.

 

Federica  Sinceramente era squisito,  questi tre gusti insieme si rafforzano.

 

17/05/2020

 

Elena  Ti è piaciuta la crostata di limone e fragole?

 

Federica   Era assolutamente squisita!  Le tue ricette sono belle,  ma sono ancora più buone.

 

CROSTATA DI FRAGOLE E

 

LIMONE

 

Ingredienti: due tuorli e un uovo intero,  200 g di burro,  200 g di zucchero,   450 g di farina “00” un cucchiaino di lievito per dolci,   un cucchiaino di crema di vaniglia, trecento g di ricotta vaccina,  composta di limoni,  composta di fragole,  zucchero a velo.

 

Esecuzione: uniamo lo zucchero alle uova fino ad ottenere una crema liscia,  aggiungere la vaniglia,  la farina, il lievito e amalgamare,  in ultimo incorporare il burro sciolto a temperatura ambiente.  Prima di mettere la crostata nella teglia,  assicurarsi che questa sia ben fredda.  Stendere la pasta,  poi la crema di ricotta e limone,  e sopra stendere la composta di fragole;  fare le liste e coprire poi infornare a 180 ° per trenta minuti.  la crostata risulterà friabile e squisita.

 

20/05/2020

 

Elena  Oggi però dettiamo una ricetta salata,  un piatto squisito con carne di manzo.  Questa volta nella scelta sono stata fortunata,  perché ho trovato un paio di bistecche tenere,  e l’ho trasformata in  involtini squisiti,  burrosi e succosi.

 

INVOLTINO NUOVO DI MANZO

 

 

Ingredienti:  bistecche possibilmente tenere,  prosciutto cotto,  (una fettina per ogni involtino) una fettina molto sottile di formaggio,  un trito di rosmarino,  aglio,  salvia,  erba cipollina,  tanaceto,  spezie;  vino bianco,  salsa preferita,  olio, verdure crude condite.

 

Esecuzione:  per prima cosa mettiamo le fettine a marinare con olio, vino,  sale, e spezie miste.  Poi le faremo grigliare per un solo minuto in modo che prendano colore,  poi facciamo delle pallotte con il cotto,  le erbe, e la fettina di formaggio.  Prendiamo le pallotte e facciamo un involtino con la carne.  A questo punto faremo rosolare ancora gli involtini nel soffritto fatto con cipolla,  e olio,  poi spruzziamo del vino sugli involtini facendolo evaporare girandoli e rigirandoli;  ed ecco che la carne risulterà tenera e molto gustosa.  Ho ricevuto una boccetta di aceto balsamico vero di Modena ( me l’ha da dato una signora di Codisotto a cui avevo fatto un favore gratuito)  lei è stata di una gentilezza infinita,  l’ho provato sulla carne ed è meraviglioso!  Non ha nulla a che fare con quelle salse che lo imitano.  L’aceto balsamico di Modena è un gioiello italiano come il parmigiano reggiano.

 

Federica   Vorrei assaggiare anche quello,  sono troppo golosa!

 

Elena  Quando sarà finita la prigionia del covid-19 ci ritroveremo ancora da me o nel tuo ristorante.

 

22/05/2020

 

Elena  Oggi ti mostro un piatto semplice,  divertente e gustoso:  un fritto,  ogni tanto non fa male a nessuno;  facciamo le frittelle a modo mio,  ti scrivo la ricetta per filo e per segno,  non puoi sbagliare.

 

FRITTELLE AI TAGLIOLINI

 

FRESCHI

 

 

Ingredienti:  500 ml di brodo vegetale o di carne,  150 g di tagliolini freschi all’uovo,  spezie miste miscelate,  un bicchiere e mezzo di acqua minerale frizzante,  100 g di pangrattato fine,  farina doppio zero q.b. per realizzare un impasto omogeneo ma non troppo sodo ( sul cucchiaio non deve risultare duro come polenta ma deve scivolare, rosmarino,  un cucchiaio di parmigiano grattugiato,  aggiustare di sale e un po’ di pepe;  olio per friggere e carta assorbente.

 

Esecuzione:  cuocere i tagliolini nel brodo, lasciare raffreddare e scolare il brodo.  Aggiungere l’acqua minerale,  le spezie miste,  il parmigiano,  il pangrattato,  e la farina,  amalgamare il tutto e preparare ‘olio ad alta temperatura ( quella giusta)   lasciare cadere un cucchiaio di impasto nell’olio bollente,  aspettare che si rapprendano un po’ poi girarle subito e premerle con il cucchiaio rovesciato in modo di assottigliarle.  Una volta fritte bene adagiare le frittelle sulla carta assorbente e poi nel piatto da portata e cospargere di aghi di rosmarino.  Se la frittura è fatta bene si possono introdurre anche in una festa in mezzo agli antipasti.  Sono davvero squisite! I bambini ne vanno matti.

 

25/05/2020

 

Elena   Oggi facciamo una ricetta raffinata ma molto gustosa,  si tratta di una ricetta di pesce di  acqua dolce: la trota salmonata.

 

 

TROTA SALMONATA SCALOPPATA

 

 

 

Ingredienti:  Filetti di trota salmonata q.b., stufato di piselli,  rosmarino,  origano,  erba cipollina, sale,  pepe, limone,  menta crema di liquore allo cherry. olio extra vergine d’oliva gentile.

 

Esecuzione:  laviamo e puliamo il pesce,  lo scaloppiamo,  poi lo metteremo in marinatura con l’erba cipollina,  menta,  sale,  pepe, rosmarino,  limone, origano fresco e un filo di olio.  lasciamo riposare per due ore circa,  poi mettiamo i filetti di pesce sulla griglia e li adageremo nel piatto con la salsa allo cherry e pisellini freschi stufati.

 

Federica   è un piatto raffinato ma con gusto,  mi piace!  Anche perché la tua salsa allo cherry è buonissima.

Federica  È da tempo ormai che vorrei chiederti una cosa,  poi va sempre a finire che me ne dimentico.  Secondo te è meglio la frutta fresca o sciroppata per fare le crostate o torte alla frutta?  Grazie!

 

Elena  Io uso da sempre la frutta fresca,  non verrà tutta perfettina ma è molto più saporita, poi lo sai è vero che anche l’occhio vuole la sua parte,  ma io preferisco la genuinità delle cose fresche e naturali. ma soprattutto i sapori veri!  Più che sciroppata certi tipi di frutta si può surgelare come  ad esempio i frutti di bosco,  le fragole,  le pesche ecc. , se si rispettano i tempi quando la userai sembra appena raccolta e i valori nutritivi comprese le vitamine restano intatte;  ho avuto modo di assaggiare la frutta inscatolata,  è  insipida come slavata.

Le ricette nuove continuano nell’articolo 272.

 

 

 

 

29.04.2020

GRAZIE PER TUTTO QUELLO CHE CI HAI DATO

Autore: Elena Lasagna

29/04/2020

 

Grazie per esserci stata sempre quando avevamo più bisogno di te,  non c’è stato mai un momento del giorno e della notte in cui tu abbia rifiutato di ascoltare i nostri problemi, anche quando eri afflitta da cose personali.  Sei sempre immersa nella luce per aiutare il prossimo;  sei un vortice di generosità che non si arresta.  Sei sempre pronta ad accogliere,  ricevere e a sentire senza mai essere sgarbata.  Grazie davvero!

 

Federica e Alessandro

 

Grazie a voi.  Non sono mai stata capace di chiudere le porte del cuore,  specialmente a chi voglio bene,  per me è una cosa facile,  ecco perché  dico grazie anche a voi. Sono consapevole di tutte quelle sensazioni interiori che ci fanno soffrire,  basta un poco per fare felice qualcuno,  ed è gioia.  Così facendo si fa del bene a se stessi non solo agli altri,  s’impara a distinguere  gli stati d’animo senza lasciarsi confondere,  in modo che tutte le emozioni non rimangano soffocate,  diventando così duttili con la capacità non solo di parola ma di agire in modo disinvolto e soddisfatta per aver dato sollievo a qualcuno.  Ci sono diverse forme di voler bene:  una è proprio quella di sapere  ascoltare  così non resterà nulla di sospeso tra il concreto e il sogno,  tutto questo  dà respiro.

 

Elena Lasagna

25.03.2020

PORNOGRAFIA NO

Autore: Elena Lasagna

25/03/2020

 

Per te e per la tua pazienza ti pensiamo sempre e ci domandiamo:  quando sarai libera da questo incubo?

 

Federica e Alessandro

 

Grazie di cuore,  non preoccupatevi per me,  perché verrà il giorno che qualcuno metterà fine a tutto questo;  non è lontano aspettiamo solo di sbloccare la situazione “corona virus”.  Gli autori di queste schifezze infelici verranno smascherati e se adesso fingono di essere sordi,  fra non molto capiranno che avrebbero fatto la cosa giusta se ci avessero dato retta;  anche perché di tempo per riflettere ne hanno avuto abbastanza.  Nel frattempo preparerò le ricette che inventerò ogni giorno,  poesie  e tutto quello che mi passa per la testa;  studierò sempre   per essere migliore e per rispondere a tutti i requisiti che servono per sentirmi sempre più all’altezza. Ciao!  Ritornerò presto!

 

Elena  Lasagna

 

02/04/2020

 

Rispondo a certe persone che mi seguono sempre perché vorrebbero sapere se è vero che io voglio uscire da Facebook per il semplice motivo che non sopporto più di comunicare con le altre Elena Lasagna.  Io rispondo che non corrisponde a verità perché io non mi sono mai iscritta a Facebook,  ma ho notato che nei risultati di ricerca Google in Facebook elenalasagna.it  c’è il mio sito,  sicuramente è sempre lo psicopatico del Web e il suo complice che cerca di metterci una contro l’altra.  Io  delle mie omonime non ho nulla da dire,  non sono antipatiche,  ma non sono iscritta a Facebook.

 

Elena  Lasagna

17.03.2020

AUGURI CARO PADRE

Autore: Elena Lasagna

17/03/2020

 

 

PER LA TUA FESTA

 

Ho fatto questi dolcetti pensando a te.  Sai?  Tutto quello che mi dicesti si è avverato,  chissà se a non ascoltarti ho fatto la cosa giusta?  Avevi ragione tu,  ma non sarei mai stata capace di abbandonarvi.  Non è stato del tutto negativo il mio tempo,  ma di una cosa sono certa:  posso andare a testa alta.  Ciao!

 

DOLCI ALLE MANDORLE CON

 

CREMA DI ARANCIA E

 

CIOCCOLATO

 

 

 

Ingredienti:  200 g di farina “00” 200 g di farina di mandorle,  tre tuorli,  duecento g di zucchero,   100 g di burro,  mezza bustina di lievito per dolci,  mandole tostate e zucchero a velo vanigliato per la guarnizione,  mezzo bicchiere di liquore alla mandorla o all’amaretto.  Per la farcitura occorrono mandorle tostate,  crema di arancia e cioccolato.

 

Esecuzione:  impastiamo gli ingredienti, per ultimo il burro e il lievito. L’impasto deve risultare omogeneo.   Versiamo il composto a meno della metà delle formine,  poi,  un cucchiaio di crema mista di arancia e cioccolato fuso e riempiamo con un altro cucchiaio di impasto. Mettiamo i dolci in forno per venti minuti  a 170° con il forno  preriscaldato.

 

Federica  Li ho trovati deliziosi!  Una cosa di un sapore e una fragranza meravigliosi.

Elena   Grazie della tua sincerità,  la sincerità è una cosa preziosa che va oltre,  ma molto lontano più di tutte le cose buone che ci sono.

17/03/2020

 

 

È vero che i sintomi delle extrasistoli sono più frequenti in soggetti sani che non nei malati di cardiopatia?  Se è così,  allora perché l’elettrocardiogramma risulta alterato?  Grazie!

 

Mario e Sandra

 

Sì,  le extrasistoli si possono avere in soggetti sani senza che abbiano alcuna patologia,  ma possono anche associarsi a stati di sofferenza del miocardio o a gravi malattie organiche, soprattutto se compaiono con i caratteri dell’alloritmia.  Al momento dell’extrasistole si avverte come un tuffo al cuore,  come se fosse un momento di pausa o di arresto del cuore, queste sensazioni sono dovute alla pausa compensatoria.  Ogni qualvolta che si avvertono le extrasistoli è dovere del medico curante richiedere un elettrocardiogramma e spesso in soggetti sani la morfologia risulta alterata perché l’extrasistole è un disturbo di generazione e di propagazione degli impulsi elettrici nel cuore.

 

Elena Lasagna

 

18/03/2020

 

La psicopatia può essere anche dovuta a malattie organiche?

 

Anonimi

 

Intanto la psicopatia è un termine generico per indicare qualsiasi malattia mentale. Questo termine è spesso usato in senso più ristretto per indicare persone con sintomatologie non perfettamente inquadrabili: caratterizzati da debolezza mentale anche rilevanti con scarso e quasi nullo senso morale.   Attenzione,  a differenza di altre malattie psichiche lo psicopatico sa quello che fa e cerca di convincere sempre l’interlocutore chiunque esso sia (non guarda in faccia nessuno,  nemmeno se si tratta della madre o di un familiare stretto,  prima usa metodi gentili o addirittura innocui come se a commettere reati fosse un’ altra persona e poi quando trova il momento cerca di appropriarsi della verità accusando gli altri cercando di salvare la faccia).

La psicosi che è una malattia mentale grave è caratterizzata da alterazione profonda delle funzioni psichiche,  con incapacità di valutare in modo adeguato la realtà ecc.  Ci sono diversi pareri medici al riguardo  di psicosi endogene  e psicosi esogene,    secondarie a malattie organiche causate da agenti esterni.  Il dott. Robert dice che tutto è possibile,  solo bisogna valutare il soggetto con attenzione e cura.

 

Elena  Lasagna

 

21/03/2020

 

Secondo te questo “corona virus” da dove viene?

 

I tuoi amici

 

Io?  Ma state scherzando?  Ricordate tempo fa quando scrissi che in casa di amici conobbi una persona “speciale” non in quel senso ma lo era per tutti perché sembrava una persona senza tempo sapeva tutto di tutto e tutti  noi rimanemmo esterrefatti e allo stesso tempo estasiati. Lui ci disse che  da qualche parte era scritto …  non  parlò di una data precisa ma disse che un giorno,  speriamo il più lontano possibile a causa delle armi,  i popoli si sarebbero riuniti e più avanti nel centro della terra (quella che Lui considerava Italia) sarebbe scoppiata una specie di peste e tutti i paesi del mondo ne sarebbero stati coinvolti.  Lui non è un disonesto perché non fece sua la profezia come spesso fanno i ciarlatani,  ma parlava sempre così:  qualcuno ha detto… oppure ho letto da qualche parte che…

 

Elena Lasagna

 

24/03/2020

 

Un caldo saluto ai dottori Linda,  Robert,  ai loro colleghi e a tutti quelli che si stanno adoperando per sconfiggere questa tremenda pandemia che sta cambiando il mondo.  Tutti voi siete  grandi e so che vincerete.  Ciao,  spero di abbracciarvi presto!

 

Elena  Lasagna

 

Secondo te le persone affette di artrite reumatoide che devono assumere in continuazione antiinfiammatori,  sono protette da virus come il corona virus e altri virus come quello dell’influenza? È vero che queste persone non prendono nemmeno il raffreddore?

Brunella

 

Non credo proprio che sia sufficiente assumere antiinfiammatori per debellare per sempre certi virus così potenti;  in quanto al raffreddore non corrisponde a verità!   Vedi? L’artrite reumatoide e come questa patologia ce ne sono altre, sono malattie autoimmuni,  caratterizzate da un’irregolare reattività dell’organismo verso le cellule o parti dei suoi stessi tessuti,  dovuto alla perdita di specificità da parte di determinati componenti tessutali,  i quali diventando immunologicamente eterogenei per l’organismo, oppure dalla incapacità del sistema immunitario di riconoscere tali componenti pur conservando essi i caratteri immunologici originali. Qualsiasi tipo di malattia causata da virus va trattata in maniera specifica.

 

Elena Lasagna

 

05/05/2020

 

Pensi anche tu che il coronavirus arrivi dalla Cina?

 

Dott.  Robert

 

Per me l’unica colpa che si può imputare alla Cina è quella di avere taciuto la loro epidemia pur sapendo che il virus poteva provocare una pandemia,  ed è quello che è successo.

 

Elena Lasagna

 

09/05/2020

 

Il responsabile del Coronavirus potrebbe essere la troppa tecnologia,  o i suoi rifiuti smaltiti male?  Il covid 19 sembra come i virus dei computer,  tu cosa ne pensi?

 

Marco (13 anni)

 

Ohh!  Sei intelligente,  pensi come uno scienziato!  Ma non tocchiamo la tecnologia,  altrimenti chi li sente quelli?  Comunque la tecnologia ci ha dato molte comodità e se c’è un proverbio che dice ” Non tutto il male viene per nuocere,  allora si potrebbe pensare che anche tutto il bene non dia effetti positivi,  ma ancora non lo sappiamo.

 

Elena Lasagna

 

Sono spaventata a morte perché ho due occhi gonfi che sembro una rana bue,  non mi è mai capitato prima,  sono andata di corsa a fare l’esame per vedere se sono contagiata da covid-19,  ed ora sono in ansia,  perché dagli occhi mi scende un’abbondante secrezione di muco, se mi vedessi ora ti spaventeresti.  Anche se ho piena fiducia del mio medico io sono così in ansia che vorrei sapere da te se sono grave. Grazie.

 

Sandra

 

Se non sei positiva al tampone  allora sarà uno stato infiammatorio della congiuntiva. La tua non può essere classificata una congiuntivite cronica dal momento che non hai mai avuto questa manifestazione.  Potrebbe essere causata da altri virus,  da batteri o da cause fisiche e altro,  oppure potrebbe essere causata dal bacillo Koch-weeks; come potrebbe essere una forma non batterica causata da polveri,  da cose irritanti, da luce intensa, oppure anche da allergie da polline ecc.  Prendi la cosa con calma e vedrai che tutto si risolverà.

 

Elena Lasagna

 

14/05/2020

 

Mi hanno riscontrato una scarsa funzionalità della corteccia surrenale,  come  si arriva a questo?  Non ho chiesto di più al medico perché sembra perfino che non mi fidi ma in realtà quando non si conoscono certe patologie ci si spaventa.  Grazie!

 

G.

 

Questa patologia come l’hai chiamata tu è detta “ipocorticosurrenalismo”.  Può distinguersi in primitivo e secondario.  È primitivo quando è legato a fattori patologici  legati tra loro, secondario quando è determinato da mancanza di stimolazione dell’ipofisi nel corso  di processi atrofici o destruenti.  Nella prima fase quando è primitivo acuto, è spesso determinato da emorragia nelle surrenali, specie a destra per interruzione della circolazione arteriosa o venosa ( traumi, ustioni ecc.) Una varietà clinica è la sindrome di Waterhouse Friederichsen, che invece colpisce bambini e adolescenti nel corso di gravi infezioni,  come per esempio: nella meningite cerebro-spinale,  influenza, ecc. La sintomatologia è caratterizzata da cefalea improvvisa, ipotermia,  anoressia, vomito,  diarrea e altro. Mentre invece l’ipocorticosurrenalismo cronico è provocato dalla distruzione bilaterale progressiva del corticosurrene da cause varie:  come avviene nella tubercolosi, in processi flogistici, ecc.,  come avviene nel morbo di Addison.

 

Elena Lasagna

 

 

 

 

 

15.03.2020

LE RICETTE DI CASA MIA DUECENTOSETTANTADUESIMA PARTE

Autore: Elena Lasagna

15/03/2020

 

IN CUCINA CON AMORE E CON

 

FEDERICA

 

Elena  Oggi iniziamo l’articolo con un altro dolce per salutare l’inverno,  facciamo un buonissimo strudel,  lo dedichiamo a tutte le persone che ci seguono.

 

STRUDEL DI CASA MIA

 

 

 

Ingredienti:  facciamo la pasta sfoglia con cento g di burro,  trecento g di farina,  un bicchierino di  brandy, sale  e acqua e procediamo nel solito metodo tradizionale. Per il ripieno servono 4 mele,  uvetta,  arancia e un limone grattugiati,  un bicchierino di passito,  tre cucchiai di zucchero,  una vaniglia, due cucchiai di amido di mais,  due pizzichi di cannella. Un uovo intero e zucchero a velo vanigliato.

 

Esecuzione:  Stendiamo la pasta sfoglia,  (deve essere sottile e friabile)  poi mettiamo il ripieno che abbiamo fatto tagliano le mele a fettine,  aggiungendo tutti gli ingredienti descritti sopra,  quando le mele saranno quasi cotte  asciughiamo il ripieno con due cucchiai di amido di mais.  Preferisco fare la composta di mele così la sfoglia resterà più fragrante.  Una volta distribuito il ripieno  giriamo la sfoglia formando un salame e lo sigilleremo bene perché non fuoriesca il tutto.  Spennelliamo il salame con l’uovo intero sbattuto e lo inforniamo a 180° per venticinque minuti. Una volta raffreddato lo strudel lo cospargeremo con lo zucchero a velo.

 

Federica    Chi ha mangiato il tuo strudel non ne potrà più fare a meno.

 

Elena  Grazie anche a te.

 

23/03/2020

 

Elena  ciao Federica,  ti mostro questa ricetta:  sono polpette di pesce  fritte.

 

POLPETTE DI PESCE MISTO

 

 

Ingredienti:  500 g di pesce pesato al netto Gallinella,  San Pietro,  tre alici sott’olio, nasello,  sale e peperoncino, un cucchiaio di capperi 10 olive grandi,  prezzemolo,  uno spicchio di aglio,  origano, un cucchiaio di salsa di pomodoro,  pangrattato q.b.  due cucchiai di parmigiano,  tre uova,  150 g di farina “00” e olio per friggere.

 

Esecuzione: laviamo bene il pesce,  lo mettiamo a cuocere in forno e poi lo puliamo da tutte le lische.  Adesso lo passiamo al mortaio, insieme al prezzemolo, all’aglio,  alle olive che abbiamo denocciolato,  e ai capperi;  aggiungiamo sale e peperoncino,  il pomodoro, il parmigiano, un uovo, e il pangrattato.  Formiamo un impasto ben sodo,  poi formeremo le polpette che passeremo nella farina,  nell’uovo sbattuto,  nel pangrattato e nell’olio bollente.  Ed eccole,  le ho assaggiate e sono di un leggero e di un sapore meraviglioso.

 

Federica   Immagino,  mi ricordo bene quelle fatte col baccalà.

 

29/05/2020

 

Elena   Ieri mi una signora mi ha domandato come faccio la ricotta fritta, ecco la foto e la mia ricetta.

 

RICOTTA  IN COTOLETTA

 

 

Ingredienti:  trecento g di ricotta,  spalla cotta,  erbe aromatiche,   ( rosmarino, origano,  basilico ) panco,  due uova,  farina tipo zero, olio extra vergine d’oliva,  sale e pepe,  noce moscata,  buccia di limone grattugiata.

 

Esecuzione:  prendiamo la ricotta,  se occorre l’aggiustiamo di sale,  pepe,  la buccia di limone grattugiata, la noce moscata;  amalgamiamo il tutto e la poseremo in uno stampo quadrato,  la teniamo in frigorifero per circa mezz’ora poi,  la taglieremo a fette e l’avvolgeremo in una fettina di spalla cotta (quella artigianale) poi la passeremo nella farina,  nell’uovo sbattuto  infine nel panco e in padella con olio già bollente giusto.  La metteremo sulla carta assorbente con le erbe aromatiche, e la ricotta in cotoletta è pronta da servire accompagnata da verdura cotta o crudité.

 

Federica   dev’essere buonissima!

 

Elena   sì,  lo è.

 

01/06/2020

 

Elena  ti presento la ricetta di gnocchi di patate ripieni,  sono certa che li proverai.  Il risultato è meraviglioso.

 

GNOCCHI  DI PATATE RIPIENI

 

 

 

Ingredienti:  800 g di patate,  300 g di gorgonzola piccante,  sale, pepe,  noce moscata o macis, sugo di pomodoro fresco,  basilico,  cumino,  parmigiano grattugiato,  un uovo intero, olio extra vergine d’oliva.

 

Esecuzione:  Passiamo le patate come si fa di solito per gli gnocchi,  poi facciamo dei grossi bigoli e tagliamo a pezzetti non troppo grandi.  Prendiamo un po’ di gorgonzola sul cucchiaino e cerchiamo di avvolgerlo nello gnocco;   si condiscono con un sugo di pomodoro fresco,  olio extra vergine d’oliva,  parmigiano ed erbe.

Federica   Sono sicura che saranno divini!

 

14.03.2020

LO PSICOPATICO DEL WEB COLPISCE ANCORA

Autore: Elena Lasagna

14/03/2020

 

Ieri sera i coniugi Franco e Anna mi hanno detto che mentre stavano guardando le mie ricette nei risultati di ricerca Google si sono accorti che le mie fotografie di cucina sono abbinate a fotografie pornografiche, le hanno viste anche la loro bambina di 10 anni.  È ovvio che qualcuno li paga perché tu non pubblichi sul tuo sito i tuoi articoli e le ricette che alla gente piacciono molto!  È veramente una vergogna che Google  e la polizia postale non mettano fine a questa farsa!

Lo psicopatico e i suoi complici bisognerebbe fermarli con la galera a vita! Mi raccomando non cambiare sito!  Non darla vinta a quei  mafiosi!

 

I tuoi amici

 

Io vi posso solo dire che l’invidia,  la gelosia,   l’infamità  e l’egoismo sono  i sentimenti più spregevoli che possano investire un essere umano.

 

Elena Lasagna