20/08/2013

… CON  LE  ERBE

ERBE DELLA SALUTE

La Salsapariglia scientificamente  Smilax Medica è originaria delle Americhe. Contiene Esmelacina, è depurativa e aumenta la sudorazione favorendo l’eliminazione di impurità organiche e di sostanze tossiche. Si usa nel bagno Temazcatl  per il trattamento dell’obesità e della cellulite,  in forma di cataplasmi sugli insediamenti cellulitici più evidenti,  concludendo con un massaggio della zona e di tutto il corpo.

Anche la Coda caballina, o Coda de Caballo il suo nome scientifico Equisetum Robustum originaria del Messico e del Centro America, per le sue proprietà depurative astringenti e diuretiche è usato molto nel Temazcatl,  contiene inoltre silice indispensabile per l’organismo.  Anche la Pinguica  scientificamente Arctostaphylo Pungens ricca di tannino, di acido gelico, resina e di un glucide detto Arbutina, con proprietà altamente diuretiche e astringenti, è usata nel Tamazcatl per favorire la sudorazione e rassodare i tessuti.

 Anticamente i pazienti venivano trattati con queste piante battendo le zone da trattare con le fronde di queste piante, oggi è usato molto  anche lo Zapote Bianco conosciuto scientificamente come Casimiroa Edulis, questa tecnica è stata modificata.  Questa pianta contiene Ossolato di Calcio, Solfato e Cloruro di Potassio, Silicato di Sodio, sostanze grasse e zuccheri. Quando la persone si trova nel Temazcatl , ogni 5 minuti riceve un asciugamano bianco intriso di un infuso fatto con le foglie dello Zapote Bianco, perché soffreghi il corpo,  così in maniera naturale. Lo scopo è anche quello di ottenere una maggior sudorazione avendo questa pianta proprietà diuretiche e sudorifere. Inoltre favorisce notevolmente la circolazione e combatte l’insonnia. Nei trattamenti è usata per i suoi effetti rassodanti, rilassanti, idratanti e disintossicanti. Così anche per il Girasole scientificamente  Encelia  Mexicana, contiene oli rassodanti e moltissimo olio essenziale, astringenti viene utilizzato nel Temazcatl  per calmare i dolori muscolari e per massaggi diuretici.

Ed è ancora molto lunga l’itinerario da percorrere questo mondo meraviglioso della natura, pieno di possibilità per la nostra salute e bellezza. Una natura che sembra quasi in attesa che l’uomo si serva delle sue generose proprietà e che tutti gli uomini della terra possano rispettarla sempre di più. Solo rispettando queste meraviglie ci ricorderemo come sia importante rimanere legati alle nostre origini, a quella natura generosa e benefica!

Vorrei incominciare a parlare del fascino del mare di quello che ci offre per la nostra salute e bellezza! Sono le ALGHE.

Quando si parla di Alghe marine, non possiamo fare a meno di pensare alle spiaggie sabbiose, ricoperte da questi vegetali, spinti a riva dal mare. Le Alghe sono di colore marrone, verdi, verdissime o brunastre, ma immancabilmente tutte le volte restiamo colpiti dal caratteristico odore di salsedine e di iodio che ci penetra dentro per molti giorni ancora.

Poche volte ci siamo soffermati ad uno studio più attento e approfondito di questi vegetali.  Essi nascondono tra le loro foglie tesori insospettati, e rappresentano secondo alcuni studiosi ” La prima forma vivente sul nostro pianeta”   Differenti e molteplici sono le varietà di Alghe: dalle unicellulari e microscopiche che formano il Fitoplancton, alle enormi lacrocistis delle coste del Pacifico che misurano anche 130-150 metri di altezza.  Tutte possiedono nelle loro cellule, caratteristiche e proprietà tali che fin dall’antichità esse sono entrate a far parte dell’alimentazione e della terapeutica di molti popoli.

Con il trascorrere dei secoli infatti si è passati da una utilizzazione empirica, ad un consumo razionale e scientifico.

Ma per poterci addentrare nella materia è utile distinguere ed evidenziare le caratteristiche peculiari dei vari tipi di Alghe.

Quando parliamo di Alghe unicellulari,  ci riferiamo a quelle microscopiche Alghe che fanno parte del Plancton ( Il plancton è formato da Fitoplancton ( Alghe) e Zooplancton  (Animali).  Questo è il primo stadio della catena alimentare; buona parte degli animali marini si nutre di Plancton.

23/08/2013

L’Alga quale organismo vegetale pluricellulare, è situata a diverse profondità: troviamo in superficie le Alghe verdi,  successivamente le Alghe brune, e ancora più sotto  le Alghe rosse.

A) Del gruppo delle Alghe verdi, le più conosciute sono: ( VAUCTERIA,  ULVA  LACTUGA o lattuga di mare, usata dai popoli Scandinavi come insalata nei loro pasti),  OEDOGONICO ENTEROMORPHA COMPRESSA , CLADOPHORA).

B) Del gruppo delle Alghe brune fanno per te: (FUCUS  VESICOLOSUS, FUCUS SERATUS, FUCUS ASCOPHILLUM, FUCUS SPIRALIS). CI SONO POI LE LAMINARIE ( leggermente più lunghe e robuste, che vivono in una fascia ancora più profonda)  LAMINARIA  SACHARINA, LAMINARIA DIGITATA.

Questi tipi di Alghe brune vivono in tutti gli oceani, in Europa, le coste Atlantiche, in particolare quelle della Gran Bretagna ne sono particolarmente ricche; favorite da maree e correnti che apportano continuamente sostanze nutritive.

C) Del gruppo delle Alghe rosse ricordiamo le ( CHONDRUSCISPUS o CARRANGHEEN, RODEMENIA PALMATA, GELIDIUM CORNEUM ( da cui si estrae l’Agar Agar, utilizzato nell’industria alimentare e farmaceutica come gelatinizzante), CORALLINA OFFICINALIS o ALSIDIUM).

Veri e propri sintetizzatori, le Alghe attingono dal mare le sostanze che vi sono disciolte, accumulandole nei loro tessuti. Secondo alcuni scienziati esse hanno mplte proprietà:

1) Stimolanti dei ricambi di ghiandole endocrine

2) Contro l’invecchiamento

3) Riequilibranti  generali ” correttori del terreno organico”

4) Rinforzano le difese naturali

5) Rimineralizzanti

6)  Stimolanti circolatori (varici)

7) Dimagranti ( per gli obesi, in quantoriequilibriano il terreno organico)

8)  Antiscrofulosi

9) Antigottose

10) Antireumatiche

11) Anti infettive

Oltre a  tutte queste  proprietà scientificamente provate, le Alghe si sono rivelate provviste di un’eccezionale ricchezza di oligoelementi, di vitamine, di enzimi ecc., fondamentali per il mantenimento della salute e della bellezza.

Non sempre gli antichi hanno preso in considerazione questi vegetali, cantandone i benefici, ma esse sono sempre servite fin dai tempi più remoti all’uomo.  Plinio il vecchio citava i  FUCUS per la composizione di rossi per le labbra, e i medici Cinesi prescrivevano le Alghe nei trattamenti del gozzo.

La scienza in segiuto ci ha permesso di frantumare l’Alga e di selezionere i numerosi costituenti che presentano un interesse industriale. Lo iodio e gli alginati delle Alghe brune, l’AGAR e il CARRAGHEN delle Alghe rosse.

Altri costituenti sono oggetto di ricerche costanti, e presentano molti aspetti interessanti: l’industria farmaceutica ad esempio si orienta verso alcune sostanze anticoagulanti ( Fucoidina, Laminarina); l’agricoltura ha scoperto nelle Alghe gli ormoni di crescita ( Citochinine, Gibberelline), e le utilizza largamente per la polverizzazione fogliare. Negli USA hanno studiato un progetto per ottenere energia dalle MACROCISTIS PIRIFERA.

 L’ALGOLOGIA

27/08/2013

Grazie al miglioramento delle tecniche di lavorazione e di conservazione, le Alghe sono ormai alla portata di tutti. Fino a pochi decenni fa, il meccanismo di azione delle Alghe era poco conosciuto, ma oggi un certo numero di ricercatori e studiosi, hanno realizzato esperimenti sugli esseri viventi con l’aiuto di tecniche sofisticate (tracciatori radioattivi). Lo studio è convalidato da esperimenti che consentono di immergere un piccolo topo in una soluzione contenente un estratto idrosolubile d’Alghe: oppure alghe e una piccola quantità Di Iodio radioattivo. Dopo poco tempo il topo viene sacrificato, e lo iodio radioattivo fissatosi sulla sua pelle e nel corpo, viene misurato con l’aiuto di un contatore interchimico Gamma.

Le esperienze confermano naturalmente la penetrazione degli ioni ma essi aggiungono che la penetrazione avviene in modo massiccio dopo il bagno; di conseguenza la persona che ha fatto un bagno con le Alghe ha interesse a non asciugarsi, o perlomeno a conservare il più a lungo possibile il contatto con le Alghe sulla pelle.

Per molto tempo la pelle è stata considerata come un rivestimento di protezione contro gli elementi esterni e di eliminazione del sudore. Ma da parecchi anni essa è stata utilizzata come mezzo di penetrazione delle medicine nei trattamenti di certe affezioni cutanee o nel trattamento interno di affezioni generali.  Questo suo ruolo era ben conosciuto,  ad esempio il mercurio. Si sapeva che una perdita importante di acqua nei soggetti ustionati,  può comportare in certe condizioni, uno squilibrio umorale anche irreversibile, ma si ignorava almeno fino a questi ultimi decenni, il ruolo permanente che la pelle può avere nel mantenimento dell’equilibrio ionico generale. Oggi grazie ai lavori di alcune facoltà è stata provata la penetrazione degli ioni marini e questo con una certa selettività, una certa discriminazione qualitativa e quantitativa.

Questi progressi scientifici hanno permesso di considerare la pelle come un vettore terapeutico importante nella prevenzione e nei trattamenti non soltanto di certe affezioni cutanee, ma anche come equilibratrice dello stato interno. Continua nel prossimo articolo…

Elena  Lasagna

16.08.2013

LE RICETTE DI CASA MIA NOVANTADUESIMA PARTE

Autore: admin-ele

19/08/2013

IN  CUCINA  CON  FEDERICA

FEDERICA  Oggi mi piacerebbe sapere come si conservano la salvia e il rosmarino, le due erbe sovrane della cultura culinaria e non solo.

ROSMARINO

ROSMARINO  FAM. LABIATE

ELENA   Il rosmarino è una pianta perenne, di conseguenza lo potrai avere fresco per tutto il periodo dell’anno. Per la conservazione: si raccolgono i rametti giovani in primavera, evitando le parti lignificate.  I rametti si essicano all’ombra disposti in strati sottili o riuniti in mazzi non molto serrati; si conservano in recipienti di vetro o di porcellana.

LA  SALVIA

SALVIA  FAM  LABIATE

ELENA   Anche la salvia come il rosmarino è una pianta perenne. Le foglie si raccolgono ben sviluppate, da aprile  a luglio, le sommità fiorite in maggio-agosto, tagliando i fusti da 10-20 cm al di sotto dei fiori, così la pianta si rinnoverà. Sia le foglie che le sommità fiorite si essicano all’ombra e si conservano in sacchetti di tela.

FEDERICA  Tutto questo è davvero affascinante!

ELENA  Affascinante è dir poco! Comunque queste  piante sono impiegate molto in cucina  sia per insaporire  gli arrosti che gli stufati .

Come saprai  le patate fritte  insaporite al rosmarino sono una delizia!

FEDERICA   E se qualcuno non può sopportare il fritto?

FEDERICA   Si possono fare anche le verdure lessate condite con salvia e rosmarino, anche le patate  condite così sono buonissime!

ELENA   Adesso ti detto una ricetta di spiedini con verdure e pesce.

SPIEDINI  DI VERDURE  MISTE E  PESCE

Ingredienti: dentice, gallinella, mazzancolle e calamari. Cipollotti tropea, patate, peperoni verdi e rossi, zucchine, melanzane, olio extra v. d’ol., sale, pepe, prezzemolo, aglio, rosmarino, salvia.

Esecuzione: laviamo, puliamo e tagliamo il pesce a piccoli pezzi, così pure le verdure. Mettiamo le cozze in casseruola, poi, le infiliamo negli stecchini alternandole con gli altri pesci e verdure. Facciamo un trito di aglio rosmarino e salvia aggiungeremo l’olio che servirà per insaporire lo spiedo. Curiamo bene la cottura che non dovrà essere troppo al dente né troppo cotta, ma deve assumere quel colore dorato, invitante.  Tenendo d’occhio lo spiedo prepariamo del pane toscano, taglieremo delle fettine sottili, le tostiamo, poi, le spalmeremo con un velo di burro fresco. Quando gli spiedini saranno pronti prendiamo un grande piatto da portata e li adageremo tutti in fila, decoreremo il centro con una fetta di pane e dei pomodorini secchi.

FEDERICA   Che meraviglia e non dico altro perché già posso immaginare la loro bontà.

ELENA   Ed ora ho preparato una ricetta di una nuova torta ai cachi, l’ho provata l’autunno scorso, proprio prima della fine della stagione di questa frutta. L’ho assaggiata e sono sicura che come dolce piacerà a molte persone.

TORTA  NUOVA  AI  CACHI

I CACHI ROMAGNOLI

Ingredienti per la base: 220 g di zucchero semolato, 3 uova, 300 g di farina doppio zero mescolata ad una bustina di lievito per dolci, 80 g di olio di mais, latte di mandorle q. b., stecca di vaniglia, o vanillina, una grattugiata di zenzero. Questo dosaggio è per una teglia dal diam di 20-22 cm.

Ingredienti per il ripieno:  300 g di  mascarpone , 500 g di purea di cachi, zucchero a velo, due uova, cioccolato fondente per la copertura, ribes nero, bianco e rosso. Liquore strega, mandorle tostate, pezzetti di cachi caramellati.

Esecuzione:  con la frusta elettrica sbattiamo le uova con lo zucchero, aggiungiamo l’olio a filo, lo zenzero, il latte di mandorle alternato alla farina fino a raggiungere un impasto liscio e non troppo molle o troppo sodo. Inforniamo a 180 g° per 40-50 min. Poi lasciamo raffreddare il dolce e nel frattempo faremo le creme mescolando il mascarpone con lo zucchero, dolce al punto giusto, poi  lo divideremo a metà e incorporiamo un poco di cacao dolce,  fino ad ottenere un colore non troppo scuro né troppo denso; all’altra metà aggiungeremo uno sciroppo alla mandorla. Ora dividiamo la torta in tre dischi sottili e facciamo gli strati con le creme sopra descritte. lasciamo riposare in frigorifero per circa mezz’oretta. Intanto facciamo sciogliere il cioccolato a bagnomaria, e decoreremo tutta la torta. A lavoro ultimato grattugeremo ancora un  po’ di cioccolato da cospargere su tutta la superficie, e mettiamo dei ciuffetti di ribes nero, bianco e rosso ai bordi e al centro, infine le fettine di cachi caramellate e le mandorle tostate. Lasciamo riposare due ore circa prima del consumo.

FEDERICA  Io lo trovo sublime! Mi ricordo , l’ho visto decorato era una cosa! Peccato però che non l’abbia potuto assaggiare perché io a quella festa non c’ero. Per ringraziarti di dedico una canzone degli anni sessanta è di Orietta Berti ed è Io  Tu e le Rose, la dedico a Te e alla persona che ami.

ELENA   Grazie della tua musica è sempre bellissima!

20/08/2013

ELENA   Ora basta per un po’ pensare ai dolci, altrimenti come dici tu ci verrà l’iperglicemia solo a pensarli e crearli!

FEDERICA   Ma non si potrebbero fare con i dolcificanti?

ELENA   Si potrebbe fare di tutto, ma una volta che mangio il dolce vado fino in fondo,  lo assaggerò soltanto ma ne vale la pena! Ovviamente il dolce non andrebbe mangiato dopo i pasti, ma per una volta si può fare, sempre che tu non abbia mangiato cose fritte e molti carboidrati. Oggi stiamo nelle regole, faremo dei fagiolini e mazzancolle in crema di porri e zucchine.

MAZZANCOLLE   IN  CREMA  DI PORRI  E ZUCCHINE

Ingredienti: mazzancolle q.b., limone, mentuccia, pepe, sale q.b., olio extra v. d’ol. porri zucchine, salvia, fagiolini, uova.

Esecuzione: lavare, pulire le mazzancolle, vanno spruzzate con un po’ di succo di limone, pennellate leggermente con olio e messe sulla piastra girandole per avere la cottura giusta ma non secca. Prima abbiamo lessato i porri e le zucchine,  li abbiamo messi nel passaverdura, e nella purea ricavata abbiamo aggiunto qualche foglia di salvia, un cucchiaino di pecorino e un cucchiaino di olio ( questo dosaggio è per ogni persona ), I fagiolini sono pronti, cotti a vapore, poi li abbiamo conditi con olio, aceto e un uovo sodo sbriciolato. Ora impiattiamo prima la crema di zucchine e porri, ai margini del piattone ci abbiamo messo tutte le mazzancolle pronte da servire conn i fagiolini. Questo piatto è adatto per tutte le persone compresi i bambini.

FEDERICA   Piacerà a tutti vedrai!

ELENA   A tutti non credo! ma sono d’accordo con te a molti!  Ed ora per finire l’articolo faremo un altro piatto unico.

Scaloppine di vitello contornate da cime di rapa lessate al latte e condite con parmigiano.

SCALOPPINE  DI  VITELLO   dietetiche ALLE  CIME  DI  RAPA

Ingredienti: fettine tenere di vitello, salvia, aglio o erba cipollina, olio extra v. l’ol. Cime di rapa q.b. latte, parmigiano, pepe, un peperone.

Esecuzione: Mettiamo le scaloppine in un trito di aglio, salvia, e poco olio, sale e pepe, e un peperone tagliato a tocchetti. La carne dovrà essere insaporita per almeno un’ora; dopo di che si toglie dal macero, e si mette in una casseruola precedentemente riscaldata. Le cime di rapa sono già pronte, le mettiamo nel piatto da portata insieme alle scaloppe. Se qualcuno le vorrà potrà mettere sopra la carne qualche cucchiaio di olio insaporito del macero.

FEDERICA   È davvero tutto molto gustoso e rispetta i canoni della salute. Senti, perché a volte sulle ricette non metti il sale?

ELENA   Perché il sale è scontato  nell’esecuzione  non ci si dimentica mai!

FEDERICA   Sì, però per certe persone sarebbe meglio metterlo anche sulle ricette. La mia musica del giorno è un valzer viennese e un valzer romagnolo! Ho indovinato? Dedicato a te!

ELENA   Sì, mi piace molto il valzer! Grazie!

13.08.2013

LE RICETTE DI CASA MIA NOVANTUNESIMA PARTE

Autore: admin-ele

16/8/2013

IN  CUCINA  CON  FEDERICA

FEDERICA   Mi piacerebbe conservare il basilico e l’origano per l’inverno però non saprei da dove incominciare. Grazie!

BASILICO  E  ORIGANO

BASILICO E ORIGANO

ELENA   Per uso gastronomico il basilico si taglia prima della fioritura nel bel mezzo dello sviluppo delle foglie, perché man mano che la pianta raggiunge la fioritura le foglie dimezzano la loro dimensione e l’aroma tende a concentrarsi sulla fioritura.  Si staccano le foglie sotto la seconda ascella, dove hanno germogliato già le piccole foglie per prendere il posto a queste.

Per la conservazione nel freezer: si lavano ben bene le foglie,   si staccano   una ad una, si lasciano asciugare sopra un asse di legno, poi si mettono in una scatola  , oppure in un sacchetto per surgelati; il basilico si conserverà  senza perdere il suo aroma fino alla primavera o fino al nuovo raccolto.

L’origano invece va tagliato nel bel mezzo della fioritura, va spazzolato, raccolto in mazzetti e messo in un luogo asciutto privo di polvere e capovolto (con i gambi all’aria). Si essicherà in maniera naturale senza perdere il suo aroma.

FEDERICA   Meraviglioso! È più facile di quanto pensassi! E per la lavanda? A proposito come si usa?

  LAVANDA

LAVANDA

ELENA   Ovviamente in questo articolo parliamo delle erbe per uso gastonomico e della loro conservazione. In gastronomia la lavanda si usa come aromatizzante le macedonie, le insalate  anche i primi e secondi piatti; con parsimonia perché il suo aroma è molto invadente. Per la sua conservazione si raccoglie la pianta per intero ( lo stelo e le sommità fiorite ) poi, si conserva esattamente come l’origano, mantiene il suo aroma fino al prossimo raccolto.

FEDERICA   Va bene, grazie! Per oggi mi bastano queste.

Però mi piacerebbe fare il gelato ai fichi con il cioccolato. Sai? Ti confesso che sono pentita di avere acquistato la gelatiera, perché la gelatiera richiede anche la panna  e, o il latte, mentre so che per il gelato alla frutta serve solo acqua, zucchero e frutta in quantità uguale.

ELENA   Quello che mi stai descrivendo si fa benissimo anche con la tua gelatiera, perché non è un gelato ma un sorbetto e si possono fare  così anche al cioccolato, e in tutte le versioni che vuoi, con una buona e giusta mantecatura potrai fare tutti i sorbetti o come li chiami tu:  gelati alla frutta. La base di un buon gelato è il latte o la panna.

FEDERICA   Mi sono risollevata!

ELENA   Il gelato con i fichi e il cioccolato si può fare,   diventerà una squisitezza ed è anche molto salutare perché useremo la frutta di questa stagione.

FICHI  CHIARI

GELATO  AI  FICHI  E  CIOCCOLATO  FONDENTE

Ingredienti: purea di fichi freschi 200 g, 70 g di cioccolato fondente dolce, 50 g di zucchero, vanillina, 170 g o ml  di latte, 150 g di panna. Ingredienti per  decorare :5-6 fichi caramellati con la zucchero, e 30 gr. di cioccolato bianco ridotto a scaglie.

 Esecuzione: uniamo alla purea di fichi lo zucchero, il latte, la vanillina, e il cioccolato sciolto a bagnomaria nella panna, mettiamo anche il cioccolato bianco in scaglie non troppo piccole. Versiamo il tutto nel cestello della gelatiera, dopo 40 min il gelato sarà pronto da decorare con i fichi caramellati tagliati a spicchi.

FEDERICA   Caspita! Io che adoro i fichi con il cioccolato per me sarà come andare in paradiso!

ELENA   E adesso ti andrebbe di fare delle crocchette leccorniose?

FEDERICA   Sentiamo! Sono curiosa perché lo dici con un’aria  misteriosa!

CROCCHETTE  ALLA CARNE  E  SALSICCIA

Ingredienti: acquistiamo 600 g di ritagli di carne di maiale ,  3 salsicce rosmarino, salvia alloro, pepe sale, olio di arachidi, carota, cipolla, sedano, chiodo di garofano, vino rosato, brodo vegetale. Uova, farina, pangrattato e parmigiano grattugiato, un cipollotto tropea, spezie, olio per la frittura.

Esecuzione: mettiamo la carne a stufare con la cipolla tagliata fine, la carota, il sedano 2 chiodi di garofano, spezie miste, vino, e brodo. Portiamo la carne a metà cottura, nel frattempo griglieremo le slsicce, poi le aggiungeremo allo stufato. Lasciamo raffreddare il tutto, togliamo le carni dal liquido, che dovrebbe essersi  assorbito  quasi tutto. Adesso taglieremo ben bene tutta la carne, la mettiamo in una zuppiera, incorporiamo un trito di rosmarino, salvia, cipollotto, parmigiano grattugiato, se occorre sale e pepe. Sbattiamo le uova con lo sbattitore, prepariamo la farina doppio zero,  e il pangrattato, faremo poi, delle polpettine che passeremo nella farina, nelle uova sbattute, infine nel pangrattato.  Faremo una frittura dorata in abbondante olio curandoci di trovare e mantenere il punto di fumo ideale. Abbiamo preparato un bel piattone largo  foderato di assorbente dove adageremo una ad una le nostre  squisite crocchette.

FEDERICA   Mai fatte e mai mangiate in vita mia! Devono essere di un buono!

ELENA   Adesso però pensiamo anche a chi ha problemi di colesterolo, facciamoci trovare una bella e buona pasta e fagioli.

FEDERICA   Ma nella pasta e fagioli non ci vanno anche le cotiche o la pancetta?

ELENA   Sì, ma noi facciamo senza, perché la faremo diventare di un gusto che gli appassionati di pancetta se ne dimenticheranno!

UN ‘  ALTRA  MIA  VERSIONE  DI  PASTA  E  FAGIOLI

Ingredienti:  300 g di fagioli secchi e 150 g di fagioli freschi, qualche ago di rosmarino, sugo di pomodoro fresco, origano, sale, pepe, peperoncino, 3 chiodi di garofano,  brodo, basilico, timo, cipolle dorate, un bicchiere di rosatello delle nostre zone, olio ex.v. d’oliva, funghi porcini tritati, olio tartufato.

Esecuzione: mettere in ammollo i fagioli secchi, lessarli  al dente, mettere i fagioli freschi a cuocere nel brodo, dopo avere fatto un soffritto con la cipolla rosata intera, aggiungiamo le erbe, il sale e portiamo a metà cottura. Incorporare i fagioli secchi cotti a vapore conservando un po’ dell’acqua di cottura. Aggiungiamo ancora delle erbe: timo, basilico, sugo al pomodoro, i porcini frammentati, l’origano, i chiodi di garofano. Lasciamo cuocere lentamente fino alla cottura, poi passeremo la metà dello stufato nel passaverdura, aggiustando di sale, pepe e peperoncino. Quando la minestra sarà pronta bella corposa e profumata metteremo qualche cucchiaio di parmigiano grattugiato , un po’ di olio e anche qualche goccia di olio tartufato. Siamo pronti per impiattare e gustare con del pane croccante.

FEDERICA Che bella ricetta sana! E anche di una gusto incredibile!

ELENA   Sempre in tema della salute faremo una vellutata con le verdurine fresche e delle cozze al gratin, con pane tostato olio e aglio.

VELLUTATA  DI  CIPOLLOTTI,  PATATE  NOVELLE, ZUCCHINE, SALVIA E PREZZEMOLO

Ingredienti:  kg di zucchine fresche, 5-6 fiori di zucca, un ciuffo di odori: salvia aglio fresco, prezzemolo, sale, due patate, tre cipollotti di media grandezza, latte, parmigiano grattugiato, brodo vegetale. Pane tostato , in olio ex. v. d’oliva e aglio. le cozze che servono preparate nella maniera tradizionale e poi passate al grattin con pane grattugiato, prezzemolo, pepe, erba di aglio,  olio.

Esecuzione : Intanto prepariamo una bella casseruola, tagliamo le patate a tocchetti, lavate e sbucciate, aggiungiamo i cipollotti lavati e ridotti in piccole rondelle, mettiamo il brodo vegetale e portiamo a metà cottura. Poi, mettiamo le zucchine tagliate a piccoli tocchetti precedentemente lavate e mondate, la salvia, l’aglio, i fiori di zucca tagliati sottili, aggiustiamo di sale, un po’ di prezzemolo tritato e portiamo a fine cottura. Lasciamo intiepidire, passiamo il tutto nel passaverdura, formando cosi una purea non troppo densa. Aggiungeremo anche il latte q.b. , il parmigiano e qualche goccia di olio. Serviamo nelle ciotole decorando il piatto con foglie di salvia fresche. Nel frattempo abbiamo pulito e passato le cozze in casseruola, poi le abbiamo gratinate al punto giusto per gustarle tenere, il pane lo abbiamo messo in forno , e  passato con l’erba di aglio e l’olio. Questo è un pranzo completo.

FEDERICA   E che pranzo! Ma adesso voglio dedicarti tutte le canzoni dei ” Matia  Bazar ” specialmente ” Vacanze Romane e  Messaggio D’Amore “.

ELENA   Che meraviglia! Grazie!

12.08.2013

LE RICETTE DI CASA MIA NOVANTESIMA PARTE

Autore: admin-ele

12/08/2013

IN  CUCINA  CON  FEDERICA

FEDERICA   Ho mantenuto la promessa, ti ho portato la ricetta di una torta alla frutta, l’ho fatta due volte, adesso credo che sia perfetta. È una torta farcita alla frutta.  Sai ? Non credevo ai miei occhi e al palato, è proprio la torta fresca per brindare a Ferragosto!

TORTA  DI  FRUTTA

Ingredienti per un pan di spagna soffice: 3 uova 250 g di fecola, una grattugiata di arancia, 17o g di zucchero, un bicchierino di spumante, 50 g di olio di mais, una bustina di lievito e una vanillina.

Ingredienti per il ripieno: 500 g di fragoline di bosco o fragole più 100 g per la decorazione  200 g di zucchero, crema pasticcera fatta a bagnomaria con il rum, e panna da montare per la decorazione.

Esecuzione: Facciamo il pan di spagna, rompendo le uova e le montiamo con la frusta elettrica fino ad ottenere una spuma. Incorporiamo poi l’olio, lo spumante, la buccia d’arancia grattugiata, la vanillina, e la fecola miscelata con il lievito. Per la buona riuscita della torta è necessario mescolare in continuazione con la frusta elettrica, poi,  infornare a 170 ° per 50 min. circa. Lasciamo raffreddare e divideremo la torta in due cerchi uguali,  di circa 1.50 cm per parte. Nel frattempo abbiamo fatto la composta di fragole e le abbiamo pastorizzate;   la crema pasticcera è riuscita soffice e vellutata. Stendiamo sopra un disco le fragole con il loro sugo, sull’altra metà della torta stenderemo la crema. La panna è già montata, abbiamo coperto la torta con le ultime fragole, abbiamo messo il dolce in frigorifero per farlo rapprendere un po’,  poi,  l’abbiamo decorato tutt’intorno e qualche striscia sul mezzo con la panna montata ben soda,  infine abbiamo messo delle fragoline per  finire la decorazione. L’abbiamo servita con una deliziosa coppetta di crema all’arancia.

ELENA   È  raffinata e molto ma molto leggera, come torta da forno estiva ti do un bel 10.

 ELENA   Ed ora passiamo al piatto unico di ferragosto, eccolo nella foto sotto:

PIATTO  UNICO  DI  FERRAGOSTO

PIATTO  UNICO  DI  FERRAGOSTO

Si tratta di un piatto anticolesterolo a base di verdure al forno ripiene e altre solo gratinate, con dei tranci di pesce misto arrosto.

Ingredienti: pomodori, peperoni, zucchine, cipolle, patate novelle, pane grattugiato fine, prezzemolo, rosmarino, salvia, basilico, cipollotti, qualche sottiletta, pepe, poco sale, dragoncello, spezie miste, vino bianco frizzantino delle nostre zone, olio ex. v. d’ol., alici.

Esecuzione: laviamo bene e sfilettiamo il pesce, lo mettiamo in olio e limone per poco  tempo, quello necessario per preparare le verdure. Pulire e svuotare q. b. le verdure, laviamo tutte le erbe, grattugiamo  il pane, mettiamo le alici passate con un filo di olio  e pepe  sulla piastra, poi, faremo un trito di cipollotto, erbe, e alici. Nel fondo di ogni verdura infileremo un pezzetto di sottiletta, poi il ripieno e le pennelliamo lievemente con l’olio. Le mettiamo nella teglia grande sulla carta da forno insieme al pesce, a fuoco moderato o basso   spruzziamo con un poco di brodo, controllare la cottura. A cottura ultimata le disporremo nel piatto da portata così, vedi sopra.

FEDERICA   Ho già capito che sei la giusta cuoca per il mio ristorante!

ELENA   Che stai scherzando? Per me è solo un gioco, il mio lavoro è tutt’altra cosa! Tu invece diventerai la migliore!

FEDERICA   Ti voglio dedicare una canzone di Al Bano Carrisi e Romina P.  ”  Ci Sarà”  perché sono contenta per te.

13/08/2013

ELENA   Ancora pesce per il ferragosto, ovviamente pesce fresco e scelto, facciamo cernia mitili  alla cacciatora, vedrai che gusto!

CERNIA   ALLA  CACCIATORA

Ingredienti: fette di pane toscano o integrale o ecc. , tranci di cernia, cozze giganti freschissime, prezzemolo, creen, peperoncino, peperone verde, pomodoro fresco, una cipolla rosata, due chiodi di garofano, un bicchierino di vino rosatello delle zone, sale, brodo vegetale, due foglie di mentuccia, un piccolo pizzico di origano e maggiorana, olio extra v. d’ol. farina di riso.

Esecuzione: come sempre laviamo accuratamente e puliamo il pesce,  mettiamo i tranci in una casseruola  dal doppio fondo e lo facciamo dorare. In una casseruola a parte faremo ben bene le cozze; quindi entra in ballo una terza casseruola dove prepareremo la cacciatora. Facciamo dorare la cipolla in un cucchiaio d’olio, mettiamo le verdure e le erbe tagliate a pezzettini, aggiustiamo di sale e diamo inizio alla cottura. Quando le verdure saranno a metà cottura, aggiungeremo i tranci di cernia e dopo 5 min i mitili. Portiamo il tutto a fine cottura:basteranno pochi min, il sugo si è densificato, se è troppo liquido aggiungeremo un cucchiaino di farina di riso. Mettiamo ora un pizzico di creen, peperoncino un altro po’ di prezzemolo e erbe fresche, infine l’olio. Ora la cacciatora di pesce diversa da quella di sempre, risulterà molto ma molto leggera e gustosa, pronta da gustare con le fette di pane abbrustolito con olio e aglio.

FEDERICA   Come dirti che tu mi hai fatto amare il pesce? Mi piacerà moltissimo!

ELENA   Ho una torta di ferragosto sempre da forno ma leggera, è la torta di pesche e cedro, è senza grassi, quindi è adatta a tutte le persone che soffrono di ipercolesterolemia.

TORTA  DI  PESCHE  E CEDRO

Ingredienti: 5 pesche gialle, un cedro non trattato, tre uova, 230 g di zucchero semolato, 50 g di amido di mais, 200 g di farina doppio zero, una bustina di lievito per dolci, mezzo bicchierino di Gran Marnier, latte q.b. Se le pesche non dovessero essere abbastanza dolci, a fine cottura spolverizziamo il dolce con zucchero a velo.

Esecuzione: Iniziamo con sbattere le uova  e lo zucchero, poi uniremo il liquore, le farine mescolate perfettamente  al lievito, la scorza grattugiata del cedro, infine mettiamo un po’ di latte  e continuando a mescolare mettiamo il composto nella teglia di 20-22  cm di diametro. Precedentemente abbiamo lavato e tolto la pellicina e il nocciolo alle pesche, le abbiamo tagliate a fettine di un cm scarso (come si fa con le mele), abbiamo coperto il dolce in maniera perfetta da sembrare dipinte, poi, abbiamo infornato a 170-80 ° per 40 min circa. Una volta raffreddata cospargere zucchero a velo e servire con una crema al cedro.

FEDERICA   Sono rimasta così con la bocca aperta! Senti, facciamo anche quella di zucca? Quella che abbiamo fatto quest’inverno e poi ci è sfuggita dalla mente.

ELENA   Sì, ottima idea, presto ci saranno le zucche nostrane, quindi diventerà una torta  con frutta di stagione.

TORTA  DI  ZUCCA

Ingredienti: due uova, 250 gr di zucchero semolato, una fiala di vaniglia, 150 g di amido di mais,  700 g di latte, 600 g di polpa di zucca, due cucchiai di  liquore all’amaretto, 10 amaretti, panna da montare 200 g, la scorza di due limoni non trattati, pere williams per la guarnizione 100 g di cioccolato fondente dolce.

Esecuzione: abbiamo cotto al forno o a vapore la zucca, l’abbiamo setacciata in modo da formare una crema omogenea. Ora facciamo una crema con l’amido di mais e il latte. Incorporiamo la zucca, lo zucchero, il limone grattugiato, la vaniglia, il liquore, e ancora latte un bicchiere circa, Mescolare bene il tutto, farlo  addensare sulla fiamma, poi, metterlo in uno stampo leggermente bagnato. Lasciare raffreddare e metterlo in frigorifero per tre ore prima della decorazione. Intanto montiamo la panna con un poco di zucchero a velo, e quando sarà trascorso il tempo del rafffreddamento faremo un decoro con la siringa o il sacco per dolci. Metteremo tutt’intorno anche degli amaretti meglio se fatti in casa con le mandorle, e le fettine di pere passate nella colata di cioccolato fondente . Ti piace, lo so!

FEDERICA   Questa la devo fare io, mi attirano gli ingredienti, i sapori e anche la decorazione, è bellissima! Oggi ti dedico una canzone di Riccardo Fogli,  ” Storie Di  Tutti  I  Giorni “.

ELENA   Bella! Bellissima, come del resto tutte le sue canzoni.  Grazie!

08/08/2013

DIMMI  COME  SCRIVI  E  TI  DIRO’  CHI  SEI

A  RICORDO  GRAZIE

SCRITTURA  CON  SPAZI  LARGHI  E  STRETTI

TRA  UNA  PAROLA  E  L’ALTRA

Se il soggetto ha una scrittura con spazi larghi tra una parola e l’altra, denota lungimiranza, senso critico, visione panoramica della realtà, capacità scientifiche, attitudini critiche nei settori artistici, realismo , autocontrollo, senso di responsabilità, incapacità di entusiasmarsi.

Se il soggetto ha una scrittura con spazi stretti tra una parola e l’altra, denota visione ristretta, scarso senso critico, imprudenza, impulsività, infantilismo.

 Nota : La scrittura è stretta fra parole, se lo spazio esistente tra una parola e l’altra è inferiore alla larghezza di 3 occhielli. Se tale larghezza supera quella di 3 occhielli, allora la scrittura è larga tra parole.  Per stabilire se una scrittura è larga o stretta, occorre misurare lo spazio esistente tra una parola e l’altra per diverse righe  e poi considerare il valore medio.

SCRITTURA   CON INTERLETTERE  MEDIE  ,  STRETTE,  LARGHE

Se il soggetto ha una scrittura con le interlettere larghe, denota amore per le compagtnie rumorose e chiassose, ottimismo, altruismo, autocritica accentuata, ingenuità, un certo disamore per la famiglia, tendenza agli sprechi, spinta eccessiva per l’azione.

Se il soggetto ha una scrittura con le interlettere strette, denota un certo egocentrismo,  scarsa autocritica, sfiducia negli altri, introversione, riservatezza,  fedeltà ai vincoli amorosi,  orgoglio, cura delle proprie cose e di quelle altrui avute in custodia, prudenza nell’azione,  idiosincrasia per i debiti,  tendenza all’economia.

Se il soggetto ha una scrittura con le interlettere medie o giuste, rivela realismo, concretezza,  obiettività,  senso della giustizia,  buone capacità di amministrare,  equilibrio tra gli affetti familiari  e apertura verso il prossimo, capacità di autocritica,  di azione meditata, equilibrio psichico.

Nota: L’interlettera è lo spazio che si trova tra una lettera e l’altra.  Se tale spazio supera la larghezza media degli occhielli nella scrittura del soggetto preso in esame, allora si parla di  ” interlettera ” larga.  L’interlettera è stretta,  quando risulta inferiore alla larghezza di un occhiello.  L’interlettera risulta media o giusta,  quando è uguale all’incirca ad un occhiello.

SCRITTURA  ASCENDENTE  DISCENDENTE  E  DRITTA

Se le righe tendono a scendere, lo scrivente denota pessimismo,  depressione,  insicurezza,  conformismo,  rassegnazione,  scarsa fantasia, tendenza a subire i condizionamenti dell’ambiente, inettitudine al comando, inclinazione per un lavoro subalterno e tranquillo.

Se le righe tendono a salire, lo scrivente rivela ottimismo,  ambizione, fantasia fervida,  vigoria mentale, ma anche invadenza, utopismo ma anche una certa dose di velleitarismo.

Se le righe procedono essenzialmente dritte senza spinte neé ascendenti né discendenti, lo scrivente denota equilibrio,  realismo,  buon senso pratico,  accettazione della realtà,  capacità di collaborare senza invadenze né soccombenze.

SCRITTURA  CON  PRESSIONE  FORTE  E  DEBOLE

Se la pressione della penna sulla carta risulta molto forte, lo scrivente denota tendenza ad imporre la propria volontà. Ha carattere forte e inclinazioni autoritarie.

Se la pressione della penna è accentuata, lo scrivente denota capacità di comando, personalità equilibrata, gusto per i piaceri della vita.

Se la pressione è molto debole, lo scrivente rivela tendenze gregarie, indecisione, conformismo. È adatto a lavori di tipo esecutivo e risulta amante della pace.

È pure necessario ripetere ancora una volta che questo saggio è un compendio limitato, anche perché sono stati omessi tutti quegli aspetti della scrittura che non possono essere rilevati senza complessi calcoli matematici, e senza misurazioni da attuare con particolari strumenti tecnici, ed altri chiarificabili solamente con un discorso.

Elena  Lasagna

07.08.2013

LE RICETTE DI CASA MIA OTTANTANOVESIMA PARTE

Autore: admin-ele

07/08/2013

IN  CUCINA  CON  FEDERICA

FEDERICA   Da quanto tempo  non fai il pane?

ELENA  Da un mese fa circa, l’ultimo l’ho fatto con una miscela di farine, ma è riuscito buono, molto buono.

PANE  AL FARRO

PANE  AL  FARRO

Ingredienti: farina tipo “0”, farina di grano saraceno, farina di farro, lievito madre, acqua frizzante, sale, olio extra vergine d’oliva, lievito di birra.

Esecuzione: impastiamo le tre farine in parti uguali, mettiamo il lievito madre, acqua q.b. facciamo un impasto morbido ma che non attacchi poi lo copriamo con una tovagliolo di stoffa, lo lasciamo riposare per 4 ore. Ripetiamo l’operazione aggiungendo all’impasto acqua farine e lievito di birra, lo lasciamo raddoppiare, e ripeteremo l’operazione, lo lasciamo riposare ancora per alcune ore, poi daremo la forma desiderata e lo lasciamo a lievitare per una notte intera. Al mattino di buon ora lo inforniamo a 220 g° per circa 5 min, poi portiamo il calore a 180 g° per 10 min. Il pane si presenterà profumato e  fragrante, buonissimo!

FEDERICA  Invitante! Si può fare la pizza con queste tre farine?

ELENA  Sì, l’importante è usare il lievito madre e la pizza sarà croccantissima.

FEDERICA   Vorrei cucinare un’astice ma non so da dove incominciare.

ELENA  Incomincia dal pescivendolo.

ASTICE  AI  FERRI

Ingredienti: astice q.b. , cipolla, prezzemolo, dragoncello, sale e pepe, peperoncino, olio extra vergine d’oliva, limone,  salsa maionese.

Esecuzione: pulire , lavare e incidere  l’astice trasversalmente, lasciarlo insaporire per due ore in una salsa fatta con olio, limone, e tutti gli ingredienti sopra elencati tranne la maionese. Trascorso il tempo di posa lo mettiamo sopra la piastra non troppo bollente, non deve bruciacchiarsi, ma deve essere cotto al punto giusto, infine la doratura. Il crostaceo si può gustare così oppure con salsa maionese, contornato da fagiolini o pomodori.

FEDERICA   Non mi sembra difficile.

ELENA   Niente è difficile se lo fai con amore!

FEDERICA   Che ne dici se facciamo altri ravioli?

ELENA   Potrei darti una ricetta nuova, quella fatta con il ripieno di carne ed erbe.

RAVIOLI  ALLA CARNE

Ingredienti: quaglie, vino bianco o rosato, chiodo di garofano, una stecca di sedano, una carota, salvia, cipolla, aglio, sale, pepe, estragone, basilico, timo, pomodoro, olio extra v. d’oliva, pane grattugiato fine, parmigiano. Farina di semola di grano duro, uova.

Esecuzione: lavare bene le quaglie, metterle in casseruola rosolarle senza olio né altri grassi. Sfumare con il vino, aggiungere poi tutti i sapori e spezie, portare il tutto alla cottura , togliere tutte le ossa dalla carne, passarla al tritacarne, mettere un poco di parmigiano grattugiato , e se serve anche un po’ di pane. Il pesto è fatto ed ora faremo la sfoglia per i ravioli. Nel frattempo mettiamo l’acqua a bollire e facciamo  il sugo con pomodoro e basilico, un  chiodo di garofano, un pizzico di timo, e qualche cucchiaio di sugo della carne. Condire i ravioli con questo ragù saporito, qualche cucchiaio di olio e spolverare appena con parmigiano.

FEDERICA   Ho paura che diventeranno deliziosi!

ELENA   Perché dici che hai paura?

FEDERICA   Perché se sono buonissimi non mi limito a mangiarne solo due!

ELENA   So che stai scherzando! Ti va un bel risotto leggero, raffinato ma gustoso?

FEDERICA  Altroché!

ELENA   Faremo un risotto con le ortiche, e lamponi, non ti sorprendere perché se lo farai una volta poi lo farai spesso!

RISOTTO  CON  ORTICHE  E  LAMPONI

Ingredienti: riso vialone nano, o riso per risotti. Ortiche ( vanno raccolte in un posto incontaminato), cipollotto, sale, una foglia di alloro, mezzo bicchiere di frizzantino bianco delle nostre zone, lamponi, un cucchiaio di parmigiano grattugiato ( deve sentirsi appena), un poco di panna liquida, ( se ci sono problemi di colesterolo la sostituiremo con il latte.

Esecuzione: lavare bene i lamponi e le ortiche, quest’ultime le metteremo a bagno per qualche minuto in acqua bollente salata normalmente, poi le strizziamo e le tagliamo finemente. In un’altra casseruola tostiamo il riso con un filo di olio e la cipolla tagliata molto fine, sfumiamo con il vino e aggiungeremo il brodo bollente e le ortiche.  Aggiustiamo di sale, la foglia di alloro e lo portiamo a cottura al dente. Ora aggiungiamo i lamponi e mantechiamo con la panna o il latte, a fine cottura cospargere un po’ di parmigiano ed il risotto è pronto da gustare.

FEDERICA   Credo che mi piacerà questo assemblaggio di gusti, anzi lo sento sul palato, lo voglio!

ELENA   Intanto vai ad ortiche,  mi raccomando i guanti! Io intanto ti presento un’altra ricetta, stavolta di pesce:  la sogliola.

FEDERICA   Perché quando cucino le sogliole mi vanno tutte in frantumi?

ELENA   O il pesce è vecchio oppure lo cucini con poca attenzione. La carne della sogliola è delicata, non va cucinata coperta , ma alla piastra, ai ferri, o sulla brace. Anche in padella ma devi essere veloce a girarla ovviamente sempre con delicatezza.

LA  SOGLIOLA  DI  CASA  MIA

Ingredienti: sogliole fresche, prezzemolo, origano, limone, farina tipo “0”, olio extra v. d’ol. dragoncello.

esecuzione: mettere in padella due cucchiai di olio, infarinare i filetti di sogliola adagiarli quando l’olio è a giusta temperatura. girarli delicatamente poi metterli nel piatto da portata con fettine di limone e un trito di erbe, aggiustare di sale e pepe.

Un’altra mia ricetta :

Ingredienti: sogliole q.b. olio extra v. d’ol. salsa tartara, sale e pepe.

Esecuzione: lavare accuratamente le sogliole, asciugarle, pennellarle leggermente con l’olio e metterle sulla griglia molto calda. Aspettare che il pesce cuoccia poi, girarle e ripetere il tempo di cottura e metterle nel piatto da portata dove si sfiletteranno e si cospargerà la salsa, oppure si possono gustare così al naturale con solo olio, pepe e limone.

FEDERICA   Mi sembrano due ottime ricette però tra il dire e il fare ce ne vuole!

ELENA   Sarà facile anche per te, forse ora non è periodo, o sbaglio? puoi fare anche del pesce in bianco, ad esempio delle trote sono semplicissime da fare.

TROTE  AL  FORNO

Ingredienti: trote, prezzemolo,  aglio,  pane grattugiato,  olio.

 Esecuzione: lavare bene il pesce, sviscerarlo e rilavare. ora lo passiamo nel limone e poi nel trito di aglio e prezzemolo con il pane grattugiato. Lo adagiamo nella teglia sopra la carta stagnola anch’essa pennellata con olio. Inforniamo a 160 g° dopo 20 min circa il pesce sarà pronto da sfilettare e gustare con delle buone patate al rosmarino.

FEDERICA   Anche questo piatto mi sembra ottimo per l’estate e per la salute.

ELENA   Un altro piatto estivo e molto salutare sono i legumi : i fagioli borlotti lessati a vapore per esempio,  con cipolle bianche tagliate fini, cetrioli, basilico,  conditi con olio, aceto di mele o di vino bianco e olio d’oliva.

FEDERICA   Facciamo un altro primo piatto? Hai un’altra ricetta per gli gnocchi?

ELENA  Sì, questa è nuova, fatta solo una volta te la detto in anticipo perché andrebbe fatta in autunno quando ci sono i cavolfiori bianchi e freschi. Eccoli nella foto sotto! Anche se da vedere sembrano quasi tutti uguali , noi sappiamo che non sono la stessa cosa sono sapori estremamente diversi.

GNOCCHI  DI  CAVOLO  BIANCO

GNOCCHI AL CAVOLO BIANCO

Ingredienti: cavolo bianco, noce moscata, ricotta 3 etti, parmigiano, crin, pepe,  sale paprica dolce,  un uovo intero, semola di grano duro e farina di grano saraceno. Per il sugo: pomodoro fresco, aglio, olio ex.v. d’ol., una foglia di alloro, un pizzico di maggiorana.

Esecuzione: laviamo e lessiamo il cavolo, (solo la parte bianca), lo tagliamo finemente, e lo incorporiamo alla ricotta setacciata. Un pizzico di sale e noce moscata, un po’ di pepe e un pizzico di crin, l’uovo, grattugiamo il parmigiano e  con le due farine miscelate formeremo un impasto omogeneo per fare gli  gnocchetti. Una volta buttati nell’acqua o nel brodo vegetale li scoliamo e li mantechiamo delicatamente nel sugo. A piacere una manciata di pecorino.

FEDERICA   Ma che meraviglia! Non pensavo che si potessero fare gli gnocchi anche con il cavolo. Sento già che saranno buonissimi!  Ti dedico ancora una volta la canzone ” Ghost” e tutte le musiche più belle!

ELENA   Ed io ti auguro un bellissimo fine settimana!   Al prossimo articolo. Nel frattempo inventati una ricetta, la scriverò molto volentieri!  Ciao!

07/08/2013

DIMMI  COME  SCRIVI  E  TI  DIRO’  CHI  SEI

 

UN OMAGGIO IN RICORDO

 

 Negli ultimi decenni quella branca dello scibile che prende in esame i rapporti tra la scrittura di un soggetto e le sue caratterisctiche psico-sociologiche,  ha assunto un ruolo piuttosto importante.  Essa prende il nome di ” grafologia ” ( dalle parole greche ” graphé ” = scrittura e ” logos ” = discorso, ragionamento) e grafopsicologia o psicologia della scrittura.  Il più illustre e studioso del primo indirizzo è stato ” Padre  Moretti “.

La metodologia, i sistemi, le leggi della ” psicologia della scrittura ” , sono opera del professor Marco Marchesan, che da vari anni fu coadiuvato dal figlio, prof. Rolando.

Sarebbe arduo e dispersivo per la gente che mi segue seguire le dialettiche dei due indirizzi e l’analisi delle ragioni per cui sia preferibile  attenersi all’uno o all’altro. Personalmente reputo più solida, più articolata e più interessante la ” Psicologia della scrittura  ” e proprio per queste ragioni ho frequentato, tempo fa, un corso con i Professori presso l’Istituto di ingagini Psicologiche di Milano.

I corsi della psicologia della scrittura sono seguiti da medici, psicologi, sociologi, professori, teologi e da altre categorie professionali.

Grazie all’opera di sensibilizzazione condotta in Italia e in altri paesi del mondo dai professori, attraverso l’organizzazione di convegni,  conferenze, seminari di studio, ecc. , la Psicologia  della srittura ” è da tempo disciplina universitaria in varie Facoltà europee e dell’America Latina.

Come la psicologia classica, anche la  “psicologia della srittura ”  può essere uno strumento molto utile  per conoscere , a livello di inclinazioni e tendenze, la personalità della gente.

Tale discorso vale per chiunque viva  a contatto  con gli altri, proprio per la peculiarità della vita in pubblico, ed è importante essere collegati alla capacità di capire la tipologia psico-sociologica dei soggetti in cui si è a stretto contatto giornaliero.

C’è anche da osservare che una migliore conoscenza del proprio temperamento farà evitare  molti errori, dannosi per se stessi ed anche nell’ambito familiare. Le note che seguiranno in questo articolo hanno soltanto lo scopo di sensibilizzare chiunque sull’importanza della grafopsicologia e di porsi come ipotesi di lavoro per un futuro approfondimento, da realizzarsi mediante seminari, convegni o corsi di studio ad hoc.

Comunque io penso che esse possano costituire un’infinitesimale pietruzza del mosaico che ha come obiettivo la conoscenza delle persone per dialogare con loro, per aiutarle a migliorarsi, e a progredire, per capire meglio le proprie esigenze  e le esigenze altrui.

I tratti caratterologici desunti dalla grafopsicologia potranno essere utili anche per una migliore analisi psico-sociologica delle persone con cui si viene in contatto, non tanto come meccanismo selettivo oppure discriminante, ma come strumento ausiliare, usufruibile dai docenti dei corsi ai fini della personalizzazione della loro attività didattica.

In poche parole la ” grafopsicologia ” deve essere intesa al servizio dell’uomo e non per criminalizzarlo o per scoprirne i punti deboli allo scopo di colpirlo

08/08/2013

LA  SCRITTURA

Evitando di fare una disamina dei principi che sono alla base delle leggi della  ” psicologia della scrittura “, perché il discorso risulterebbe teorico, polarizzerò l’attenzione soltanto su qualche aspetto pratico, facilmente comprensibile per ogni lettore.  Seguirò la ” dottrina”  Marchesan, riservandomi di esprimere solo una sintesi semplificata di alcuni dei complessi contenuti, e con una certa libertà d’azione.

Passando a questioni tecniche, bisogna osservare che il campione della scrittura da ” leggere ” va scritto su un foglio privo di righe. Lo strumento migliore è la penna con il pennino come la vecchia stilo. La scrittura deve riempire almeno un foglio in modo da fornire all’analizzatore abbondante materiale di valutazione. Il contenuto non ha alcuna importanza. Occorre che lo scrivente si trovi in uno stato di relativa calma e non sia in balia di traumi o gravi stress.

 

SCRITTURA  CON  O  SENZA  MARGINATURA

Se il soggetto scrive senza lasciare margini eccessivi a sinistra o a destra del foglio, ma occupa quasi tutto lo spazio disponibile, e continua così nei righi successivi, rivela equilibrio sotto a ogni aspetto: negli affetti, nel giudicare se stesso e gli altri, nella sensibilità, nel senso del dovere e così via.

Se il soggetto lascia margini eccessivi ( a sinistra o a destra ), denota una certa tendenza ad una forte autocritica che ostacola la sua azione, alla suggestionabilità, ad una sensibilità accentuata, alla pignoleria, alla depressione, ad un attaccamento quasi morboso agli affetti, con tenue attitudine al comando.

Se il soggetto lascia tale margine solo a sinistra, denota atteggiamento ansioso verso i superiori e le tendenze descritte  per i margini a sinistra e a destra, ma con attenuazione

Se il soggetto lascia un margine eccessivo solo a destra, denota un certo imbarazzo nei rapporti interpersonali, frutto di ansietà  e le citate tendenze a dei margini, ma con attenuazione.

 

 SCRITTURA  CORTA  E  ALTA

 

Se il soggetto ha una scrittura corta nella parte superiore delle lettere che vanno verso l’alto  ( nella b,  d,  f,  h,  l,  t), denota concretezza e insensibilità per i valori culturali, religiosi e spirituali in genere. Se il soggetto ha una scrittura corta nella parte inferiore delle lettere che vanno verso il basso ( nella f,  g,  p,  q), rivela scarsa praticità, fantasia povera,  timidezza,  scarsa adattabilità agli ambienti, introversione, attaccamento agli affetti famigliari, proiezione verso la religiosità, incapacità di comando.

Se il soggetto ha una scrittura molto alta nella parte superiore, denota tendenza ad un idealismo eccessivo, esaltazione, capacità non ottimale di gustare cibi e bevande e piaceri di sesso, idealizzazione degli affetti.

Se il soggetto ha una scrittura assai alta nella parte inferiore, denota tendenza all’organizzazione, alla praticità,  amore per i viaggi, gli sport, buon senso, realismo, sottovalutazione degli ideali, accentuato attaccamento agli interessi economici.

 

SCRITTURA  ERETTA  E  PENDENTE

 

Se il soggetto denota una scrittura  essenzialmente eretta, denota controllo delle pulsioni, senso pratico,  una certa freddezza sentimentale,

capacità di godere dei piaceri della vita in maniera non forte.

Se il soggetto ha una scrittura essenzialmente pendente verso destra, denota tendenza al calore affettivo, all’amicizia e un dominio delle pulsioni non eccellente.

Se il soggetto ha una scrittura essenzialmente pendente verso sinistra, denota ostilità verso l’ambiente, freddezza negli affetti, ma fedeltà, tristezza, sensibilità religiosa accentuata, scarsa capacità di accettare i piaceri della vita.

SCRITTURA  DEBOLE, ROBUSTA, VELOCE

 

La scrittura robusta denota forti capacità di decidere e deliberare, intelligenza, capacità di comando.

Se il soggetto ha una scrittura debole, poco incisa, snervata, denota tendenza all’abulia, all’apatia, all’ironia, alla scarsa fantasia e reazioni lente.

Se il soggetto ha una scrittura fluida (che scorre veloce verso destra),   denota autostima, intelligenza, volontà forte, coraggio, dinamismo, poliedricità d’interessi, forte socialità.

 

SCRITTURA  ELEGANTE  E  INELEGANTE

 

Se il soggetto ha una scrittura elegante, denota tendenza a dare importanza alla forma,  alla ricercatezza, nel campo dell’abbigliamento, e della cura della propria persona, all’esecuzione tecnica perfetta, alla conversazione vivace, aggraziata, e anche impegnata culturalmente,, ostilità per la gente maleducata, e sprovvista di gusto, amore per le arti, per l’ordine.

Se il soggetto ha una scrittura inelegante, denota scarso gusto estetico, disinteresse per la gente, adattabilità all’ambiente, ostilità per certi ceti sociali.

 

SCRITTURA  GRANDE,  PICCOLA,  PICCOLISSIMA

 

Se il soggetto ha  una scrittura grande, denota eccessiva sicurezza in se stesso,  velleitarismo, autoritarismo,  amore per il lusso, suscettibilità,  scarsa autocritica,  visione panoramica,  difficoltà a prendere in esame i particolari.

Se il soggetto ha una scrittura piccola,  rivela disciplina, serietà, senso0 del dovere, autocritica,  rispetto degli altri, capacità d’attenzione e di concentrazione,  parsimonia nelle spese,  difficoltà nei rapporti sentimentali e in quelli d’amicizia.

Se il soggetto ha una scrittura piccolissima, rivela tendenza a nientificarsi, ed a sfuggire dalle proprie responsabilità, scarsa capacità al comando, introversione.

Nota: si ha la scrittura piccola, quando l’altezza media delle lettere (esclusa la valutazione degli allunghi verso l’alto, come nella lettera “t” o verso il basso,  come nella lettera “p”) non è inferiore agli 8 dmm.   Al di sotto di questi valori, la scrittura è piccolissima. La scrittura è piccola quando nelle donne non supera i 28 dm., e negli uomini, i 18 dmm.  Segue nel prossimo articolo…

Elena  Lasagna

07.08.2013

LE RISPOSTE AI LETTORI OTTANTUNO

Autore: admin-ele

07/08/2013

È vero che certe tendenze sadico-masochiste  od  omosessuali vengono subblimate nell’arte?

Gisella

A scanso di equivoci,  vorrei specificare che l’esame grafopsicologico serve soltanto ad evidenziare certe tendenze a livello temperamentale di un soggetto e non a fotografare la sua condotta.  Ad esempio tutti sanno che chi ha ricevuto un’adeguata educazione religiosa può dominare forti pulsioni. Un buongustaio di cibi e di vini,  sotto una spinta ideale o per convenienza politica, può sottoporsi a frequenti digiuni. Qualche delinquente a livello potenziale è diventato santo. Bisogna pure considerare che un segno grafopsicologico rivelatore di un aspetto negativo,  può essere annullato completamente da altri che denotano tendenze opposte.

Gli studi del mio professore hanno identificato ben 700 tratti caratteriologici.  Dunque,  le tendenze si arricchiscono di infinite sfumature,  non tutte esaminabili neppure in un voluminoso trattato. Del resto, certe caratteristiche spesso risultano positive per l’esplicazione di una certa professione o lavoro, e svantaggiose e negative per altri.  Quindi il giudizio di negatività o positività è un po’ relativo.  In un altro articolo ti darò utili informazioni per conoscere se stessi e gli altri.

Elena  Lasagna

08/08/2013

Ieri sera mi è stata fatta questa domanda, ma non mi sono stupita conoscendo la persona che vive di discriminazioni continue come se lei fosse chissà chi!

Se ti offrissero un lavoro migliore in un’altra città ma sapessi che  i proprietari dell’azienda sono Gay tu accetteresti? Io le ho risposto che non accetterei l’incarico solo  se la proprietaria fosse  come lei . Per il resto invece mi vanno bene tutte le persone di questo mondo! Anche perché non potrei vivere la vita di ogni giorno con una persona così discriminante, sarebbe come vivere in una prigione.

Elena  Lasagna

10/08/2013

Sono cambiati i tuoi pensieri riguardo l’assassino di Yara G.

DOTT. ROBERT

No, quando penso alla piccola Yara  ho sempre gli stessi pensieri: che qualcuno sappia e non parli come ad esempio Fikri. Come ha fatto l’assassino ad avere l’accesso ad una stanza nel cantiere se non conosceva nessuno di loro?

Elena  Lasagna     h 17:18

12/08/2013

Vorrei che mi dettassi una ricetta per andare d’accordo con tutti, è così difficile al giorno d’oggi!

Simona

La ricetta che tu mi stai chiedendo è già fatta da molto tempo, ma non l’ho inventata io,    è di nostro Signore e dice ” Non fare agli altri quello che non vuoi sia fatto a te “. Incomincia da qui, è un grande inizio! E poi segui i comandamenti specialmente quello che dice ” Non rubare ” funziona davvero.

 Elena  Lasagna

12/08/2013

Dimmi che sto sognando, eppure son desto! Non è possibile che ci siano ancora persone incivili che scaricano residui fognari  maleodoranti ai margini delle strade, davanti alle abitazioni altrui dove i bambini passeggiano la sera con i loro genitori, corrono e giocano, ma chi sono questi deficienti?

DOTTOR  ROBERT

Sì, le persone incivili esistono ancora, evidentemente sono esseri lontani dalla civiltà umana, persone che di cervello non ne hanno avuto mai più di tanto, dal momento che agiscono per cattiveria su persone completamente estranee perché innocenti.

Elena  Lasagna

18/08/2013

Molte delle mie pazienti mi domandano se è possibile aumentare la resistenza del seno con prodotti rassodanti, e manipolazioni, e se esistono trattamenti a base di erbe. Tu cosa risponderesti come esperta in botanica?

DOTTOR   ROBERT

Sì, esistono molti prodotti in commercio, sia a base vegetale che prodotti chimici. Massaggi con prodotti tonificanti quelli destinati specialmente al seno contengono estratti di tessuto connettivo, estratti placentari, estratti di piante con la Servia, l’Asperelle, l’Alchemilla. È possibile effettuando docce di acqua fredda, ogni mattino, efficaci come astringenti.

Si dovrà fare molta attenzione tuttavia a mettere in guardia dai getti d’acqua troppo violenti. Dal momento che nel seno non sono situati i muscoli bisognerà andarci molto cauti per non peggiorare la situazione.

In verità la fragilità  del seno è grande, essendo costituito da una ghiandola, continuamente minacciata da modificazioni ormoniche, tipiche della vita femminile,  con l’unico sostegno di una pelle, anch’essa minacciata dalla perdita di elasticità dovuta alla maternità e all’invecchiamento. Io consiglierei  a tutte di affrontare il problema con equilibrio, stimolando le indifferenti alla prevenzione, aiutando le più ossessionate a ridimensionare il problema e a risolverlo. Rimane poi fondamentale il mantenimento del tono dei muscoli pettorali e della spalla: l’esercizio fisico,  la ginnastica  respiratoria e lo sport, non saranno mai raccomandati inutilmente. Come sono andata?

Elena  Lasagna

Più che soddisfacente…  DOTT.  ROBERT

18/08/2013

Sono andata al mare e sono ritornata con i funghi sono tutta chiazzata, dici che guarirò?

Franca

Da quel che ho capito hai la pitiriasi versicolor meglio conosciuta come il “ Fungo di Mare”.

È una dermatosi molto diffusa che si evidenzia soprattutto durante la stagione estiva, è sostenuta dal fungo “Malassenzia Eurfur” che si insedia nel primo strato della pelle, cioè lo strato corneo.

Tale fungo presente come ospite abituale sulla pelle di tutte le persone, in certe condizioni si virulenta e da ospite abituale della cute si trasforma in parassita provocando la malattia.

Le lesioni sono rappresentate da chiazze di colorito rosa o colore caffè-latte, di forma varia, rotonde od ovali, isolate talora confluenti in ampie aree a superficie desquamante; le squame possono essere distaccate dalle lesioni con una semplice raschiatura.

Le sedi di localizzazione di tale dermatosi sono elettivamente il tronco, gli arti superiori e il collo, molto raramente colpisce il viso.  Dopo l’esposizione solare le aree dove si è insidiato il fungo non si pigmentano, in netto contrasto quindi con la restante pelle sana.

Molto probabilmente la depigmentazione è in relazione ad una interferenza del micete nella sintesi della melanina.

Come cause predisponenti possono essere considerate, la malnutrizione, l’avitaminosi, le diete, le infezioni croniche, i trattamenti corticosteroidei protratti, la somministrazione di alcuni medicamenti;  ma c’è da dire che esiste una forte predisposizione individuale , per cui  ci sono alcuni individui che tenderanno ad avere tale  dermatosi, mentre altri non saranno mai interessati da tale malattia cutanea.

Tra i fattori scatenanti,  il sudore è uno dei più importanti; infatti la sudorazione porta ad un innalzamento del PH film idrolipidico che normalmente ricopre la superficie cutanea. Tale variazione fa venire meno la difesa naturale che il film idrolipidico con il suo PH acido svolge nei confronti dei microbi e dei miceti.

Da quanto detto è abbastanza evidente come sia difficile il contagio dal malato al sano per la necessità della presenza di fattori predisponenti o scatenanti.

Per quanto riguarda il trattamento, nonostante esistono dei medicamenti tipici efficacissimi, le recidive purtroppo sono sempre molto frequenti.  Per cercare di prevenire le recidive, un consiglio molto importante che si può dare è quello di usare,  durante le stagioni in cui notoriamente la sudorazione aumenta (primavera ed estate) dei saponi a PH acido che servono a mantenere il film idrolipidico che ricopre la pelle sempre allo stesso PH acido fisiologico.

Elena  Lasagna

19/08/2013

Sono curiosa di sapere qual è il tipo di musica che non ti piace.

Dirce

Amo molto la musica, tutta! Se prima avevo delle preferenze, o un certo tipo di musica che non mi piaceva troppo, ora ho capito che non era la musica ad essere  meno bella, ma ero io che non sapevo ascoltarla.

Elena  Lasagna

19/08/2013

Ci sono bambini che hanno tutto, ma sono cattivi, perché ?

Elisa

Io credo che nessun bambino sia cattivo, tranne eccezione, ma è l’ambiente in cui vive  , la famiglia che determina  la sua educazione.

Elena  Lasagna

23/08/2013

Che cos’è per te la femminilità, conta il vestito per accentuarla?

DOTT.  ROBERT

Io credo che la femminilità sia una cosa innata, proprio come lo Charme. È un qualcosa che sprizza da tutti i pori; non sempre una bella donna è altrettanto femminile. In quanto al vestito, qui da noi si dice che ” l’abito non fa il monaco” credo che questo proverbio sia conosciuto in quasi tutto il mondo. Ci sono donne con una forte femminilità ne cito una sola a caso perché di bellezze femminili in Italia ne abbiamo molte tipo Valeria Marini, Edwige Fenech, quest’ultima ha una femminilità incredibile, anche se si veste con un saio da frate, o un vestito da uomo;  risalta ancora di più il suo charme femminile.  Sono d’accordo per le minigonne, per le scollature audaci, ma se non c’è quella femminilità vera,  una donna resterà solo una donna.

Elena  Lasagna

06.08.2013

AGOSTO

Autore: admin-ele

06/08/2013

“AGOSTO”

 

LAMPONI E GELSI

 

Un raggio di sole abbaglia

il mattino della città semideserta.

Il caldo brucia gli occhi e soffoca anche il cielo.

 

Non si ode il risuonar dei trilli, han messo nuove piume

Aleggiano nel bosco insieme alla ramaglia delle selve

 

Lussureggia tutt’intorno, gli  alberi dei gelsi

fan colare il becco degli stormi

 

AGOSTO

 

 

Vorrei essere invisibile e volare come loro

scendere in picchiata sotto agli alberi

 

nascondermi sui rami più in alto

che si può, per cogliere l’incanto

che mi offre la malia

Vedere le cascate tra i folti alberi

 

che s’incrociano sulla roccia ricamata

dove cade l’acqua mentre il sole guida la sua mano

 

Poi vedere gli ondeggianti prati

sotto il cielo della notte che s’increspano

 

come il mare nelle onde.

Elena  Lasagna © 2009

 

 04/08/2013

 

 … CON  LE  ERBE

 

LE ERBE DEI NOSTRI GIARDINI E DAL MONDO

Gabernadora nome strano per chiamare la Waltherla Indica, una pianta che contiene flavonoidi, esteroli, tannino, alcaloidi, peptici, basici ecc. Richiede una saggia utilizzazione, è antiinfiammatoria e molto astringente, utile nel trattamento delle ulcere e delle eruzioni durante un processo eritematoso, nell’iperidrosi palmare, e come astringente in generale. La sua azione è più efficace in forma di lavande vaginali producendo un effetto secondario tensioni nei tessuti adiacenti. Si utilizza anche in semicubi per rassodare i tessuti del perineo.

Efficacissime  maschere  naturali

Ho parlato di alcune piante messicane e brasiliane, questa breve rassegna ci dà un’idea  delle illimitate possibilità che offrono alla cosmetologia e alla medicina; ma il mio discorso non si esaurisce qui, perché ora vorrei illustrare la funzione di queste piante nella loro applicazione destinate alla pelle, e più concretamente alla pelle del viso.

 Mi riferisco alle maschere meravigliose per arricchire l’epidermide e renderla più luminosa e attraente.

Parlerò dunque delle applicazioni su pelli grasse e seborroiche, su tipi di pelli disidratate e alipiche.

Le maschere per pelli grasse e seborroiche sono a base di Mercadela e Caolino . La Mercadela- è una pianta che abbonda nei mesi di Giugno, Luglio, Agosto e Settembre in località dal clima temperato e semitropicale del Messico.

Contiene clorofilla, un olio essenziale, una resina neutra, amido, zucchero, sali minerali, specialmente acetato e arsolato calcico e in minor proporzione, carbonato e solfato potassico, e ha un’azione antisettica.

Il Caolino – è un’argilla estratta da giacimenti,  una polvere straordinariamente fine utilizzata per usi medicinali o cosmetici che deve contenere almeno il 99% di Siliciato  di Alluminio per avere un grande potere assorbente.

Per le maschere di bellezza usiamo la pianta fresca, foglie e gambi, una volta triturati finemente si mescola con Caolino e un infuso di foglie della pianta stessa.

Applichiamo l’impasto su tutto il viso, escludendo le cavità orbitali, per 20 minuti quindi lo asportiamo con un infuso della stessa pianta.

Come ho già detto questa maschera è molto efficace nel trattamento di pelli grasse, seborroiche, e anche acneiche. Ora parlerò della applicazione della maschera idratante che si addice a tutti i tipi di pelle.

Tuna e farina d’Avena ne sono le componenti. La Tuna, frutto del Nopal è idratante e ammorbidente per il suo contenuto di acqua e ricca di vitamine. Ha una polpa carnosa e di sapore dolce e gradevole, nella sua composizione chimica troviamo sali di potassio, e calcio in grandi quantità, specialmente Solfati e Ossolati, e anche elementi con proprietà antisettiche.

L’altro componente  la farina di Avena è un cereale ricco di sali minerali, sodio, ferro, calcio, magnesio e fosforo. La sua composizione è abbastanza simile a quella del grano tanto in sali minerali  come in vitamine B1, B2, PP e Carotene. Questa maschera è preparata con la farina di AVENA E LA POLPA del frutto già macerato, si forma un impasto che si applica su tutto il viso anche sulle cavità oculari. Dopo 20 minuti si toglie con acqua tiepida.

Per pelli alipiche, secche, esiste una  maschera speciale composta di miele di api, fecola di mais e elote (la pannocchia di mais ancora tenera ). L’Elote ci offre contenuto di calcio, potassio, glucosio, allontoina, idrato di carbonio, grassi e sostanze nitrogene,  la fecola di mais è il chicco della pannocchia polverizzato e contiene sostanze preservatrici  rappresentate da mucillagini, Amilacee e Cellulosiche. Il miele d’api da parte sua è un nutriente, antisettico, emolliente e contiene oligoelementi, vitamine, glucosio, fruttosio, destrina e cera.

Come si prepara questa maschera?  Cominciamo separando e tritando la pannocchia ancora tenera, estraendone il succo che uniremo alla fecola di mais e al miele formando un impasto morbido che applicheremo senza toccare le zone oculari. Dopo 20 minuti, toglieremo la maschera con un infuso tiepido ottenuto con la barba della pannocchia, che ha proprietà calmanti molto utili alle pelli secche e sensibili.

ALOE  SÁBILA  E  ALOE  VERA

SABILA (ALOE)14/08/2013

 

Ho elencato alcune formule di maschera che abbiamo sperimentato con buoni risultati.

Il materiale che alla medicina e alla cosmesi offrono le piante è molto strordinariamente valido, tuttavia voglio ancora una volta parlare di una pianta molto particolare originaria del Messico e conosciuta in tutto il mondo, La Sábila (Aloe).

Questa pianta dai poteri strordinari per cui è ampiamente impiegata in medicina e in cosmetologia dove ha dato ottimi risultati soprattutto nel trattamento delle cicatrici; sembra che fosse già conosciuta e impiegata dagli antichi Maya.

La Sábila contiene sostanze biologiche attive come potassio, vitamina C,  minerali, enzimi e amminoacidi. Nella sua polpa i ricercatori hanno trovato Polisaccaridi come glucosio, tracce di arabinoso, galattosio e xylosio.

Questi carboidrati e l’alta percentuale di acqua contenuti nella pianta,  sono probabilmente i più importanti quando parliamo della Sábila come di una sostanza umidificante in cosmetologia.  Anche l’acido Crisofonico è stato separato tra i suoi componenti e probabilmente questa sostanza giova alla cicatrizzazione contenendo enzimi con attività catalizzatrice. Si è scoperto che l’estratto della Sábila  contiene una sostanza simile alla Lectina che reagisce con enzimi catalizzatori nelle infiammazioni.  Enzima proteolitico,  rigeneratore cellulare che trasforma le proteine  pesanti in amminoacidi.

Ognuna con grande potere di penetrazione e veicolo importante per gli elementi nutritivi.  Antrochinone un enzima che allevia il dolore delle bruciature ecc.  Per conservare la sua natura enzimatica richiede un particolare processo di fabbricazione.

Questa è la Sábila, una meraviglia della natura che grazie al processo delle ricerche apre enormi possibilità nella medicina e nella cosmesi  nel campo delle cicatrici. Che magia emana la natura!

16/08/2013

I PRODIGIOSI  BENEFICI  DEL   TEMAZCATL 

Vi sono molte testimonianze,  nel passato del  Brasile e del Messico di questa generosità della natura. Parlo per esempio del Temazcatl luogo dove si applicava una terapia efficace per il trattamento di quasi tutte le infermità di origine nervosa fin dai tempi antichissimi. Sempre con l’impiego delle piante del luogo. Siamo in una località del Messico, molto umida, nella parte orientale del paese detto Necaxa. L’edificio che vi troviamo è un Temazcatl, costruito con pareti di tezontle che venivano riscaldate dall’esteno per mezzo di fornelli.  In questo ambiente entrava il paziente, e un medico dove versava recipienti di acqua contenenti emollienti con proprietà terapeutiche sulle pareti calde, provocando così il bagno di vapore. Poi, il paziente veniva stimolato e coperto con rami e fronde di determinate  piante.

Il Temazcatl era usato per diverse terapie: contro la febbre, le punture d’insetti e di animali velenosi, e anche per l’igiene e il relax del corpo, prima e dopo il parto. La pratica del Temazcatl continua ancora oggi con una tecnica moderna ovviamente, con altri mezzi e la medicina e la cosmetologia ne ha fatto un prezioso alleato dei suoi trattamenti di cura e bellezza del corpo e della mente.  Queste cliniche, offrono infatti trattamenti disintossicanti, rilassanti del sistema nervoso, snellenti, e rassodanti sempre utilizzando questa antica tecnica. Nei bagni di vapore Temazcatl , i trattamenti diventano più efficaci con alcune erbe usate fin dall’antichità e che sono entrate già da tempo nei moderni trattamenti  della madicina e della cosmetologia.

L’ Amole,   Maguey  Manso , conosciuto scientificamente  come  Agave  Atrovirens,  si usa per maschere preparate al momento dell’applicazione.

AMOLE   O  AGAVE

AMOLE O AGAVE

 

L’ AMOLE  ha proprietà cicatrizzanti, e ricostitutive, si usa sia in medicina che in cosmetologia, si usa dopo un peeling cosmetico. Questa pianta contiene lipidi, zuccheri ( si trovano in erboristeria vengono impiegati come  dolcificanti nei trattamenti ipercalorici ), proteine, pectine e acido ossalico.   Nel bagno Temazcatl l’Amole veniva usata dalle comunità  Nahua soprattutto durante i quaranta giorni dopo il parto per evitare alla puerpera il rilassamento dei muscoli addominali,  le smagliature e la perdita del tono epidermico. Continua nel prossimo articolo…

Elena  Lasagna