Archive for the 'Ricette di cucina' Category

09/12/2017

 

IN  CUCINA  CON AMORE  E  CON

 

FEDERICA

 

Federica   sai che molte persone amano la cotoletta impanata con ingredienti semplici in modo che sopra diventi liscia e non impanata con frutta secca o cereali ecc.?

 

Elena  Ognuno ha i propri gusti ed è giusto rispettarli.

 

COTOLETTA  DI  PLATESSA

 

ALLA  VECCHIA  MANIERA

 

 

 

Ingredienti:  filetti di platessa,  pangrattato fine,  farina di grano tenero, un limone intero, sale e peperoncino,  pomodorini,  erbe aromatiche preferite,  parmigiano,  basilico,  coriandolo,  patate al forno con salvia e rosmarino,  olio extra vergine d’oliva,  una noce di burro.

 

Esecuzione:  mettiamo il pesce a marinare per trenta minuti con il limone e un po’ di peperoncino. Poi facciamo la cotoletta con la farina,  l’uovo sbattuto perfettamente,  e poi lo avvolgeremo nel pangrattato fine.  Le mettiamo in padella con  un po’ di olio, le giriamo e quando saranno cotte al punto ideale senza bruciare la crosta le toglieremo e le impiattiamo con le patate al forno, e i pomodorini  sempre al forno con un po’ di burro con dentro il parmigiano.

 

Federica   Un piatto raffinato e gustoso.

 

09/12/2017

 

Elena  Adesso però ti presento i maccheroni sono di un buono che vorresti mangiarne di più.

 

MACCHERONI  RIGATI

 

 

Ingredienti per quattro persone:  trecentosettanta g di maccheroni rigati o tortiglioni,  trecento g di piselli,  trecento g di zucca,  due scalogni,  vino bianco per sfumare q.b.,  mezzo bicchierino di amaretto,  cinquanta g di panna,  un cucchiaio di sugo di pomodoro,  brodo vegetale,  sale,  pepe e peperoncino q.b., parmigiano e pecorino grattugiati.

 

Esecuzione:  per prima cosa facciamo lo stufato di piselli e zucca:  facciamo rosolare lo scalogno in poco olio,  sfumiamo col vino,  mettiamo i piselli e la zucca tagliata a dadini,  un po’ di brodo e lasciamo cuocere fino in fondo.  Poi mettiamo a cuocere nel brodo i maccheroni,  li scoliamo leggermente al dente,  li passiamo nella casseruola dello stracotto,  li giriamo un po’ sul fuoco,  aggiungeremo l’amaretto, la panna,  il pepe e il peperoncino;  togliamo la casseruola dal fuoco e incorporiamo i formaggi. Possiamo cospargere qualche erba preferita.

 

Federica   Che  bontà,  me li ricordo bene!

 

Elena  Li ho scompigliati un po’ perché si  veda meglio la cremosità;  a me piace ma con discrezione.

 

Federica   Qual è il piatto che  secondo te piace di più,  così in generale?

 

Elena  Diciamo che ho potuto constatare  non solo qui da noi ma anche in altre regioni che il piatto più goloso sono i “cappelletti mantovani” ,  che non hanno nulla a che fare con i tortellini;  non solo per la forma  ma anche per il ripieno. I cappelletti sono fatti con stracotto di carne,  spezie,  verdure ed erbe,   e vanno cucinati in brodo di gallina, hanno un gusto diverso dagli agnolotti.  E il tuo qual è?

 

Federica   Da quando ho conosciuto i cappelletti mantovani in brodo,  belli saporiti e cicciosi è diventato il mio piatto numero uno;  devo dirti che mi riescono anche bene.

 

11/12/2017

 

Elena   Un altro piatto buono e saporito sono gli involtini col cappone;  ci sono dei piatti che sembrano uguali ma le ricette sono molto diverse.

 

INVOLTINI  DI  CAPPONE

 

 

Ingredienti:  carne di cappone disossata, aglio,  rosmarino,  pepe e salvia,  brandy mezzo bicchierino,  olio extra vergine d’oliva,  emulsione con limone,  sale,  pepe,  burro chiarificato,  brodo di carne q.b.,  stracotto di anatra tagliato a fettine.  Per il contorno:  verdure miste in vinaigrette.

 

Esecuzione:  dopo aver marinato la carne nell’emulsione descritta sopra,  faremo gli involtini con una fettina di stracotto,  e un trito di rosmarino,  salvia,  e pepe.  Li chiudiamo,  e li disponiamo in una casseruola.  Sfumiamo col brandy,  aggiungeremo il brodo e mettiamo il coperchio fino a cottura ultimata.  Dopo li metteremo nel piatto da portata accompagnati da insalata mista.  Questi involtini sono risultati morbidi e saporiti;  i sapori si amalgamavano insieme come l’esecuzione di un’orchestra.

 

Federica   Sai che fatti così sprigionano un sapore e un profumo che si sente per tutta la casa!  Poi c’è che la carne di cappone è ancora più tenera.

 

12/12/2017

 

Elena   IL  secondo piatto che ti voglio presentare oggi è la rana pescatrice con verdure stufate e caramellate nell’aceto balsamico di Modena.

 

RANA  PESCATRICE AI NUOVI

 

SAPORI

 

 

Ingredienti:  rana pescatrice,  melanzanelle,  carciofi,  patate,  aceto balsamico, aglio,  erba cipollina ,  prezzemolo,  pimpinella, salvia,  peperoncino q.b., vino bianco della zona,  rosmarino,  olio extra vergine d’oliva,  bergamotto arancia limone (il succo) e dragoncello.

 

Esecuzione:  tagliamo le melanzane a fette sottili,  le mettiamo per un’ora sotto sale;  poi tagliamo i carciofi e teniamo solo la parte tenera,  li facciamo cuocere a vapore.  Una volta pronte le verdure le mettiamo in padella con l’aceto balsamico,  lasceremo caramellare fino a quando sarà evaporato tutto il liquido e poi le metteremo nell’olio,  sale e pepe, e le erbe tritate.   A parte cuciniamo la rana pescatrice,  dopo essere stata in marinatura in un’emulsione di succo di limone,  arancia e olio,  deve risultare un’emulsione omogenea,  poi,  passate le due ore,  in una casseruola mettiamo un po di olio,  e subito i pezzetti di pesce puliti da tutto, aggiungiamo il vino,  lasciamo evaporare,  e  ultimiamo la cottura con un po’ di brodo vegetale.  Una volta eseguita metteremo salvia e rosmarino sul pesce ancora caldo e serviamo con le verdure.  Ottimo piatto se accompagnato da un cabernet fresco.

 

Federica   Anche questo piatto è davvero meraviglioso!

14/12/2017

 

Federica   Ci sono persone che dicono che per fare un buon brodo prima bisogna fare bollire l’acqua e poi si immerge la carne e i sapori;  altri invece sostengono il contrario,  ma allora qual’è la versione esatta per fare un buon brodo?

 

Elena   Per fare un brodo saporito bisogna mettere tutto a freddo (sale, acqua, carne ed eventualmente verdure) In modo che la carne non tenga chiusi i sapori ma li sprigioni adagio,  adagio,  poi mano a mano che prende il bollore se la carne emetterà la schiuma,   si resta lì attaccati ai fornelli fino a quando il brodo non sarà limpido.  Così facendo risulterà un brodo saporito e chiaro.

 

Elena   oggi ti presento gli spaghettini al torchio.

 

SPAGHETTI  AL  TORCHIO

 

 

 

Ingredienti:  farina di semola di grano duro, uova,  olio extra vergine d’oliva,  brodo di carne,  timo,  melanzane,  peperoni, peperoncino,  crema di pomodoro,  carota,  due scalogni,  fagioli,  una stecca di sedano, basilico,  alloro,  parmigiano grattugiato e taleggio in crema,  pistacchi tostati.

 

Esecuzione:  Una volta  fatto l’impasto  facciamo  gli spaghetti  e li lasciamo essicare sopra un’asse di legno con la farina.  Poi procediamo con il ragù:  mettiamo in casseruola gli scalogni,  li faremo imbiondire,  poi sfumiamo col vino e aggiungeremo le verdure tagliate a piccoli pezzi,  una volta cotte al punto giusto aggiungeremo  il basilico,  il peperoncino,  i pistacchi tostati e  sminuzzati,  e lì ci metteremo gli spaghetti al dente con un p’ di brodo.  Mantechiamo bene, e aggiungeremo a fuoco spento la crema di taleggio diluita con il latte,  il parmigiano e l’olio.

 

Federica   Ma che bontà!  Ho notato che  usi i piatti da portata di un colore quasi sempre bianco o almeno chiaro,  perché?

 

Elena   Io amo le mie pietanze  sul fondo bianco,  sempre! E’ una cosa mia che non cambierò.

 

15/12/2017

 

Federica   E’ vero che le costine di maiale richiedono una lavorazione speciale?

 

Elena   Dipende da come le si vuole cucinare,  ma qualunque sia la ricetta,  la carne di maiale deve essere cotta bene.  Io sono contraria a cucinarle alla griglia a basta.  Secondo me invece bisogna metterle in marinatura,  poi si mettono alla piastra per sgrassarle e poi si fanno arrosto.  Quella che sto per presentarti è una ricetta nuova.

 

COSTINE  IN RICETTA NUOVA

 

 

 

Ingredienti:  costine di maiale q.b., aglio,  rosmarino,  salvia,  salsa di soia,  cacao amaro, sale e pepe, finocchietto selvatico,  vino bianco secco,  brodo vegetale,  pesche,  miele di castagno,  zucchine trifolate e condite con burro e aceto di ribes bianco.

 

Esecuzione:  Ho messo le costine a marinare il giorno prima in vino,  aglio,  sale e pepe, rosmarino,  salvia e finocchietto.  Poi le ho tolte dalla marinatura e le ho messe sopra la piastra a temperatura ideale perché si sciolga il grasso. Dopo le ho cucinate nella casseruola con il vino,  la salvia,  la salsa di soia ed ho aggiunto un cucchiaino di cacao amaro.  Dopo avere sobbollito  per circa un’ora le ho provate con la forchetta,  ed erano cotte a puntino.  Le ho lasciate asciugare di quel poco di liquido rimasto e le ho rosolate bene;  poi le ho servite con le zucchine e le pesche all’aceto balsamico con un cucchiaino di miele per ogni pesca.

 

Federica   E’ sempre un incanto!

 

Elena  Grazie carissima amica;  al prossimo articolo!

 

 

 

 

01/12/2017

 

IN  CUCINA  CON  AMORE  E  CON

 

FEDERICA

 

Elena   Iniziamo questo articolo con una buona pasta al forno.

i ravioli  al cotto e porcini.

 

Federica  Con il freddo che fa non sarebbe una brutta idea.

 

RAVIOLONI  AL  FORNO

 

 

Ingredienti per quattro persone:  due uova,  farina per pasta fresca o farina di semola q.b. per fare una sfoglia non troppo consistente né troppo molle.  Sette hg di funghi porcini, più qualcuno di secco, uno scalogno,  salsa di pomodoro e basilico,  besciamella leggera,  un hg di cotto alla brace,  cento g di parmigiano reggiano e  cento g di formaggio per fonduta,  poco aneto,  salvia, vino bianco secco q.b.,  (prosecco delle nostre zone,  lo fanno nelle nostre campagne,  ha lo stesso sapore,  costa meno e in quanto alla genuinità è sicura al 100%),  un mestolo di brodo di carne,   olio extra vergine d’oliva.

 

Esecuzione:  per prima cosa facciamo lo stracotto con i funghi,  li tagliamo a piccoli pezzetti,  e insieme allo scalogno li sfumiamo col vino,  aggiungendo il brodo e li lasceremo cuocere bene fino a quando saranno senza liquido.  Poi aggiusteremo di sale,  un po’ di pepe,  pangrattato e parmigiano,  fino ad ottenere un bell’impasto sostanzioso.  Dopo aver fatto i ravioli li scottiamo al vapore,  poi li metteremo nella casseruola di terra cotta e li mantechiamo col sugo,  aggiungendo la besciamella leggera fatta con latte e formaggio fuso,  macis, e pochissima farina;  incorporiamo il prosciutto tagliato a pezzetti,  una manciatina di parmigiano tutt’intorno e li metteremo in forno a cento settanta° per quindici minuti.  Da gustare ancora caldi.

 

Federica   Mettono allegria,  e fame.

 

02/12/2017

 

Elena   Ho fatto le crespelle in terrina e poi le ho messe in forno a gratinare.

Federica   Le voglio conoscere.

 

Elena  Ed io te le presento.

 

CRESPELLE  IN  TERRINA

 

 

Ingredienti:  cinquecento g di coda di rospo, un peperone,  uno scalogno, una stecca di sedano e una carota.  Rosmarino,  sale e pepe, erba luisa, salvia, il succo di due arance,   olio extra vergine d’oliva ,  una noce di burro, due tuorli,  duecento g di farina,  quattrocento ml di latte,  noce moscata,  un cucchiaino di brandy,  parmigiano reggiano grattugiato,   erba cipollina, besciamella leggera con fontina,  un pizzico di spezie,  un pizzico di peperoncino.

 

Esecuzione:  prepariamo la coda di rospo per la marinatura,  con il succo di arance,  sale e pepe,  erba luisa,  erba cipollina e salvia.  Dopo due ore la cuoceremo al vapore,  toglieremo la lisca e la taglieremo a pezzettini.  La condiremo con olio,  un pizzico di rosmarino e un po’ di succo di aceto.  Poi passiamo alle verdure,  le taglieremo a piccoli pezzi come il pesce e faremo una bella salsa ricca. Una volta cotta la uniremo al pesce e prepariamo il ripieno per le crespelle con un po’ di besciamella.  Una volta fatte le crespelle ungeremo le tegliette col burro e le adageremo cospargendole di besciamella e parmigiano.  Le inforniamo a centosettanta°  per quindici minuti,  poi le serviremo abbinate ad un buon vino.

 

Federica   Dovresti venire a casa mia,  io non riesco a fare le crespelle così morbide,  si vede ad occhio nudo che sono buone da matti.

Elena   Quando sarai pronta io verrò.  Ciao,  buona domenica!

 

04/12/2017

 

Elena   Ciao,  hai visto che ci sono anche oggi?  E ti mostrerò delle crocchette favolose e buonissime,  adatte anche come antipasti.

 

Federica   Le farò a Natale o a capodanno.

 

 

CROCCHETTE  DI PESCE  E DI

 

CARNE

 

 

 

Igredienti:  lonza macinata,  merluzzo, origano,  timo,  cipolla rosata,  pangrattato fine e fioretto di mais,  un limone intero,  parmigiano,  provola, melanzane,  aglio,  prezzemolo,  cumino,  aceto di ribes bianco,  olio extra vergine d’oliva,  curcuma, olio per friggere.

Esecuzione:  facciamo le melanzane al forno:  le taglieremo a fettine,  le spennelliamo e le lasciamo cuocere al dente.  Una volta tolte dal forno le metteremo con olio,  aceto,  prezzemolo,  aglio,  e cumino. saliamo e pepiamo.  Poi mettiamo a cuocere il pesce a vapore:  lo togliamo dalla marinatura fatta con sale,  limone,  e origano.  Una volta cotto il pesce lo taglieremo fine e faremo un bell’impasto con il pangrattato,  un po’ di aglio e parmigiano.  Lo stesso vele per la carne,  una volta cotta al forno con il timo, la cipolla tritata, faremo una palla con il pangrattato,  la provola macinata. Ora con gli impasti  facciamo delle palline e altre forme che passeremo nella pastella fatta con acqua minerale frizzante,  sale,  e fioretto.  Adesso le mettiamo in frittura e poi sull’assorbente.  A piacere si può mettere il succo di limone (c’è chi ne va matto ).  Si possono servire con le melanzane,  oppure messe sopra ai piatti da portata con altri antipasti.  Ho decorato il piatto con alcune fette di pesche che ho congelato nel mese di settembre,  sono come se fossero appena colte;  puliscono la bocca e tolgono il sapore del fritto.

Federica   Sono davvero meravigliose!

Hai saputo  cos’è successo  in un paese vicino al tuo?  Hanno sparato ad un signore anziano perché  non rispettava le regole del palazzo.

 

Elena  Io non prendo le difese di nessuno,  ma sono sicura che certa gente fa perdere le staffe,  un po’ per maleducazione,  un po’ per strafottenza,   per invidia, poi da cosa nasce cosa,  ed è così che a volte degenerano le liti.  Bisogna dire anche che certe persone usano il suolo pubblico come fosse una concimaia,  non hanno rispetto di niente e di nessuno,  distruggono,  insudiciano, ecc. Ci sono troppi maleducati!

 

Federica   Questo è vero!  Comunque è meglio pensare ad altro,  alla positività.

Elena  Certo,  a domani!

 

05/12/2017

 

Elena  Eccomi qui,  per darti  un’altra ricetta di antipasti,  li potresti aggiungere alla ricetta di ieri.

 

PIZZETTE  FRESCHE  E BIGNE’

 

SALATI

 

Elena  (mi scuso con i lettori se  nella E maiuscola sostituisco l’accento grave con  l’apostofo,  ma questo sito non è completo di caratteri speciali,  né a destra,  né a sinistra,  né sopra e nemmeno sotto).

 

Ingredienti per le pizzette:  Lievito madre,  farina,  acqua minerale, sale e un cucchiaio di olio.  Per la farcitura:  pomodoro,  origano,  mozzarella di bufala e striscioline di salumi misti,  olio extra vergine d’oliva.  Ingredienti per i bignè:  cinquanta g di burro fresco,  cento g di farina,  sale,  tre tuorli e un albume. Per la farcitura.  robiola,  con frammenti di tartufo bianco,  capperi,  spalla cotta macinata,  pecorino  e asiago grattugiati.  Per la decorazione maionese fresca  con origano e maggiorana.

 

Esecuzione:  La pizza sappiamo già come si fa,  basta sfogliare nelle ricette di casa mia.  Adesso facciamo i bignè:  sciogliamo il burro a temperatura ambiente,  aggiungeremo un po’ di acqua, e mettiamo la farina tutta.  Mescoliamo con cura fino a quando il composto non si staccherà dalle pareti della casseruolina.  Lasciamo intiepidire,  poi metteremo i tuorli e l’albume montato a neve.  Con il sacco per dolci mettiamo le dosi per i bignè sulla carta da forno e inforniamo a 170 °per dieci minuti.  lasciamo raffreddare e li farciremo con l’impasto fatto con la robiola,  le erbe, la spalla tritata,  i capperi,  il tartufo e il formaggio grattugiato.  formiamo un bell’impasto e la farcitura sarà molto gustosa che i bignè andranno a ruba.

 

Federica   Che meraviglia!

 

Elena   Più avanti te ne presenterò ancora,  ne ho molti.

 

06/12/2017

 

Elena   Ciao,   oggi ho un piatto di pasta al forno molto buona:  ecco i lumaconi alle briciole di tartufo e spinaci selvatici;  li ho cucinati per i miei amici,  mi hanno portato il tartufo e come minimo dovevo pe rispetto cucinare col tartufo,  ho fatto anche la pizza.

 

LUMACONI  AL  TARTUFO

 

 

Ingredienti:  brodo vegetale,  lumaconi di pasta dura,  spinaci selvatici,  latte,  una noce di burro,  briciole di tartufo nero,  sale e pepe q.b.; besciamella leggera fatta con farina, latte,  una sottiletta e un pizzico di macis,  parmigiano e pecorino grattugiati,  olio extra vergine d’oliva.

 

Esecuzione:  facciamo cuocere gli spinaci con il latte, poi metteremo un po’ di burro e parmigiano,  sale e pepe.  Facciamo la besciamella, e mettiamo a cuocere la pasta nel brodo,  la leviamo al dente,  e faremo gli strati con spinaci,  pasta  e besciamella,  una grattugiata di tartufo e formaggi;  inforniamo a centosettanta °  per dieci minuti.  Eccola fumante e gustosa.

 

Federica   Che spettacolo!  Sai?  Io non so perché certa gente vada a fare i corsi di cucina in Francia,  quando qui da noi la cucina ci regala tutti gli ingredienti completi per  piatti favolosi!  Pensa a tutti i tipi di pasta:  fresca,  o pasta dura,  a tutti i tipi di formaggi e tutte le ricette di carne e salumi, ecc.   Là invece il loro piatto forte sono le lumache!  Ma dico io…

 

Elena   Per me ben vengano anche gli insegnamenti francesi,  tu pensa che a rompere le uova con una sola mano ho imparato proprio da una scuola francese,  alla televisione  nel film di ” Sabrina interpretato da  Audrey  Hepburn.  Devo confessarti che prima di riuscirci ne ho rotte parecchie di uova;  si poteva fare lo zabaglione ad un reggimento,  ma ne è valsa la pena,  anche perché non basta rompere le uova con una mano,  ma si dovrà dare un colpetto e il guscio deve  aprirsi a metà senza far cadere nessun frammento e senza sporcarsi le dita;  sembra facile ma il trucco consiste di spaccarle  per il verso giusto!  Non è che mi abbia cambiato la vita però esserci riuscita mi ha fatto sentire migliore.

 

 

24.11.2017

LE RICETTE DI CASA MIA DUECENTOTRENTATREESIMA PARTE

Author: Elena Lasagna

24/11/201

 

IN  CUCINA  CON  AMORE  E  CON

 

FEDERICA

 

Elena   Sei pronta per la ricetta del giorno?  Si tratta di una ricetta antica,  la faceva spesso mia nonna ed è il cosiddetto “pocino” , è uno stufato di carne,  legumi e verdure;  in molti posti non solo d’Italia ma di tutto il mondo viene chiamato ” Chili con carne” ed è una ricetta molto varia,  a seconda del paese o della città che ti trovi.

 

 

IL  POCINO CON POLENTA

 

 

Ingredienti:  carne di vitello cinquecento g,  trecento g di piselli,  due patate,  tre peperoni nostrani,  sale,  peperoncino q.b.,  salsa di pomodoro,  un bicchiere di vino bianco,  origano,  qualche ago di rosmarino,   qualche fungo porcino secco e ammollato, paprica dolce,  due stecche di sedano,  due cipolle rosate, un pizzico di spezie pure,  brodo vegetale o di carne q.b.  Polenta di mais al forno,  olio extra vergine d’oliva.

Esecuzione:  rosoliamo la carne e la sfumiamo con il vino.  Dopo qualche minuto la metteremo sul tagliere e la taglieremo a piccoli pezzi.  Tagliamo tutte le verdure a pezzettini,  uniamo la salsa di pomodoro,  i piselli,  la carne,  gli aromi e il brodo.  Facciamo cuocere quanto basta e alla fine aggiungeremo l’olio.  Da gustare con fette di pane abbrustolito o polenta di mais.

 

Federica   Anche questo piatto come profumo non è da meno.

 

Elena  Prova a cucinarlo,  vedrai che sarà più buono che bello!

Federica   Ci fai un po’ ridere?

 

Elena   Posso dirti questa espressione dialettale di tanti anni fa.

” Hai visto quel “suchel”  (zuccone) per un “sunfanel”  “(fiamma)  si è magnato la stalla e anche il vitel!”

 

25/11/2017

 

Federica   Tempo fa quando eri piccola,  esisteva già la paprika?

Elena  Io credo di sì,  perché  da noi la faceva mia nonna.  Avevamo un grande orto,  e con molte tipologie di verdura,  fra quelle avevamo anche molte varietà di peperoni:  quelli dolci e quelli piccanti compreso il peperoncino,  e siccome allora il freezer era un lusso per pochi  (noi avevamo la ghiacciaia)  lei nella stagione giusta li lasciava essicare  e li infilava in una corda,  li legava  e li appendeva in granaio.  Duravano per molto tempo e quando faceva gli stracotti li usava proprio per sostituire la paprika in polvere.  E adesso ti mostro parzialmente una ricetta con paprika piccante:  si tratta di un calzone di pasta sfoglia appena fatta,  ripieno di pesce misto cucinato ai grandi sapori

 

SACCO  DI PASTA SFOGLIA

 

RIPIENO DI PESCE MISTO

 

 

Ingredienti:   cinquecento g di pasta sfoglia fresca, dieci cozze,  tre seppie,  cinque gamberetti,  cinque scampi,  una sogliola, e un’orata.  Vino bianco,   due cucchiai di pomodoro, una cipolla rosata, un limone,  paprika piccante,  olio extra vergine d’oliva,  un ciuffetto di prezzemolo,  un cucchiaio di senape o panna acida.

 

Esecuzione:  per prima cosa puliamo bene il pesce e lo facciamo marinare per mezz’ora nel succo di limone,  lo cuciniamo:  la sogliola e l’orata la faremo in forno spennellate con l’olio,  sale e limone.  Poi passiamo ai gamberetti, e agli scampi che dopo averli spennellati con olio, limone sale e pepe li metteremo sulla piastra;  poi cucineremo le cozze,  infine le seppie nella mia solita maniera. Adesso taglieremo il pesce a piccoli pezzi, lo uniamo al ragù di cipolla con poco pomodoro e faremo il ripieno al sacco.  Stendiamo la pasta sfoglia,  mettiamo sul centro il pesce condito poi la ripieghiamo e chiudiamo i lati.  Inforniamo a centottanta°  per quindici minuti circa (dipende dal forno)  Quando il sacco sarà ben dorato anche le estremità saranno ben cotte,  allora si potrà servire con verdure a piacimento.

 

Federica   Bella anche questa maniera di servire il pesce!  E la battuta del giorno?

 

Elena   Sì,  diventa più saporito e più morbido.

Ti racconto quella dell’ orafo e la bambina.  Una mamma accompagna la bambina di due anni dall’orafo per metterle gli orecchini  che le avevano regalato per la festa di battesimo.  La bambina quando vede che l’orafo gli viene incontro con un apparecchio appuntito  si ritrae e non vuole più saperne.  L’orafo le dice: ”  guarda che non fa male,  senti un pizzico come se fosse il solletico”  Lei  lo guarda insospettita e con parole sue gli dice:”  Pima pova tu,  poi lo faccio io!”  (E’ una storia vera).

 

Federica  Già a due anni la bambolina era ben sveglia !

 

27/11/2017

 

Elena   Continuando con la ricetta di pesce facciamo un primo  con alici fresche e alici sott’olio,  una vera bontà!

 

SPAGHETTI  DI  MARE

 

 

Ingredienti:  venticinque alici fresche,  centocinquanta g di acciughe sott’olio,  capperi q.b.,  peperoncino,  sale,  aglio,  prezzemolo,  olio extra vergine d’oliva, sugo di pomodoro,  cinque datterini freschi, origano fresco,  uno spicchio di aglio,  un’aringa,  basilico,  brodo vegetale,  parmigiano grattugiato q.b.

 

Esecuzione:   mettiamo l’aringa in padella con un po’ di acqua,  la portiamo ad ebollizione,  poi l’immergeremo nell’olio.   Successivamente puliremo le alici,  le metteremo a cuocere nel forno sulla carta da forno  irrorate del sugo fatto con l’olio,  aglio e le acciughe conservate.  Una volta cotte le mettiamo nel piatto e le condiremo con aglio prezzemolo olio e capperi.  Adesso mettiamo a cuocere gli spaghetti poi li scoleremo al dente e li condiremo con l’olio dell’aringa,   le alici e il sugo di pomodoro;  li giriamo,  infine cospargeremo una manciata di parmigiano e   peperoncino.

 

Federica   Più mare di così,  sono buoni da matti!

 

28/11/2017

 

Elena    Oggi ti presento i cappelletti fatti con le castagne,  prima di dire che non sono buoni bisogna solo assaggiarli.

 

Federica   Le tue ricette sono una bontà!

 

CAPPELLETTI  NUOVI AL PESTO

 

DI  MARRONI

 

 

 

Ingredienti per quattro persone:  un kg di marroni,  rosmarino e salvia, parmigiano reggiano e due  cucchiai di pecorino romano,  sale e pepe q.b.,  tre hg di ricotta vaccina,  un po’ di buccia di limone grattugiata un uovo intero,  un pizzico di rafano, olio extra vergine gentile e trenta g di burro fresco.

 

Esecuzione:  facciamo subito le caldarroste,  le sbucciamo,  poi le passiamo nel passaverdure.  Aggiungiamo la ricotta,  un trito di cinque aghi di rosmarino,  sale e pepe,  l’uovo,  la buccia di limone e il pecorino grattugiato.  Facciamo la sfoglia e i cappelletti che cuoceremo al dente;  una volta scolati li condiremo con olio,  burro,  salvia,  parmigiano, e un piccolo pizzico di rafano.

 

Federica   Che bontà,   li assaggerei subito!  Hai pensato ad un dolce nuovo per le feste natalizie di quest’anno?

 

Elena   Sì,  E’ un semifreddo,   ricoperto di cioccolato fine,  con un’interno di pasta di mandorle farcito di creme ai gusti particolari  che racchiudono una crema semiliquida al caffè.  Ho già realizzato un campioncino,  è davvero appagante,  sai come l’ho chiamata?  ” Renouveau”   (Rinascita).

 

 

Federica  Ho già sentito che se Maometto non va alla montagna,  la montagna è già arrivata a Maometto;  è vero? Non andrai tu?

 

Elena  Sì,  è vero,  sono già qua.

 

29/11/2017

 

 

Federica   Ho assaggiato le tue polpette non so come dire per descrivere queste delizie.

 

POLPETTE DI MELANZANE E

 

RICCIOLA

 

 

Ingredienti:  tre melanzane grosse,  una ricciola di sette hg,  aglio e prezzemolo tritato,  salvia,  rosmarino,  farina per polenta tipo fioretto,  latte,  pangrattato fine, sale e pepe,  un pizzico di spezie miste, vino bianco un bicchiere, un bicchiere di brodo di carne,  un chiodo d garofano,  un uovo,  origano,  olio per friggere.

 

Esecuzione:  mettiamo a cuocere la ricciola al forno,  la puliamo da tutto,  la spolpiamo e la tritiamo,  poi la uniremo alle melanzane trifolate e cotte molto perché si amalgamino bene con il resto,  aggiungiamo sale,  pepe erbe tritate e mescoliamo bene.  Dopo aver formato un bell’impasto le passiamo nel latte,  e nell’insieme di pangrattato e farina fioretto.  Facciamo scaldare l’olio alla giusta temperatura e poco alla volta friggiamo le polpette.  Le togliamo dall’olio e le metteremo sopra una carta molto assorbente,  e sono pronte da servire con un bel prosecco della zona.

 

Federica   Sono semplicemente deliziose!

 

30/11/2017

 

Elena  oggi invece passiamo ad un secondo piatto:  petto di pollo e salamino piccante;  molto buoni insieme.

 

PETTO  DI  POLLO E SALAMINO

 

PICCANTE

 

 

Ingredienti:   quattrocento g di petto di pollo,  un salamino piccante, rosmarino,  basilico,  origano,  salvia,  cipollotti due,  un bicchiere di vino bianco,  un mestolo di brodo vegetale,  sale e pepe q.b., olio extra vergine d’oliva,  aceto di acero, pomodori e maggiorana.

 

Esecuzione:  mettiamo a marinare la carne con il succo di arancia e limone,  sale e pepe.  Dopo due ore togliamo la carne dalla marinatura e la pennelliamo con l’olio,  poi la metteremo sulla piastra a calore moderato.  Nel frattempo abbiamo messo il salamino  tagliato a tocchetti in una padella senza alcun grasso.  Lo abbiamo fatto rosolare a fuoco lento,  poi abbiamo sfumato col vino e aggiunto il brodo e lo abbiamo cotto per venti minuti circa.  Una volta cotto,  lo abbiamo servito insieme alla carne condita con olio,  aceto ed erbe in contorno di pomodori freschi.

 

Federica  Ce piatto gustoso!

 

Elena  Grazie!  E siamo arrivati alla fine anche di questo articolo di cucina,  arrivederci al prossimo con piatti sempre più buoni.  Ciao!

 

 

 

13.11.2017

LE RICETTE DI CASA MIA DUECENTOTRENTADUESIMA PARTE

Author: Elena Lasagna

13/11/2017

 

IN CUCINA  CON  AMORE  E  CON

 

FEDERICA

 

Elena  Oggi voglio mostrarti una crostata molto fragrante ma povera di burro.

 

CROSTATA  AI  FICHI  E PERE

 

 

 

Ingredienti:  seicento g di farina per dolci,  duecentocinquanta g di zucchero,  tre uova intere e due tuorli,  la scorza di un’arancia grattugiata,  settanta g di burro fresco, mezza bustina di lievito per dolci, quattro pere abate,  dieci fichi  scongelati e caramellati,  gocce di cioccolato,  12 frollini,  granella di mandorle tostate,  un bicchierino di liquore al mandarino,  i semi di una bacca di vaniglia.

 

Esecuzione:  mescoliamo bene  due uova e due tuorli con lo zucchero,  mettiamo subito il burro fuso  tiepido a bagno maria,  la buccia di arancia,  la farina, e il lievito.  Imburriamo la teglia e adagiamo metà della pasta sul fondo alzando i bordi.  Mettiamo i frollini sbriciolati,  la composta di pere al rum con gocce di cioccolato,  e i fichi spezzettati e caramellati;  ora tracciamo delle grosse strisce di pasta e copriamo la torta.  Adesso la spennelliamo con l’uovo montato a crema e cospargeremo la granella di mandorle.  La torta andrà in forno per quarantacinque minuti a 175°.  Lasciamola intiepidire ed ecco la fetta!  Ottima per la colazione dei bambini.

 

 

Federica   Che meraviglia!  Chissà quanto è buona!

 

Elena  Non fare il mio errore:  quello di tagliarla ancora bollente;  avevo fretta e si vedono i margini non ben definiti.

 

14/11/2017

 

Elena   Ecco un secondo piatto in contorno di verdure saporite.

 

FETTINE  DI  MANZO  TENERO

 

IN SALSA

 

Ingredienti:  fettine di carne q.b.,  zucca,  finocchi,  peperoni,  senape,  olio extra vergine d’oliva,  un cucchiaio di  parmigiano reggiano,  funghi porcini trifolati,  erba luisa,  panna acida,  salvia,  vino bianco,  rosmarino,  scalogno tagliato fine,  pepe e sale,  il succo di un limone e una punta di zafferano .

 

Esecuzione:  per prima cosa mettiamo a marinare la carne con limone,  olio, salvia rosmarino,  sale  e pepe.  Intanto prepariamo le verdure al forno,  le sbollentiamo un po’ sulla vaporiera e poi le pennelliamo con l’olio, e poi in forno a 180 °,  Una volta cotte un po’ al dente le condiremo con la panna acida,  olio,  sale, e parmigiano.  Adesso è la volta dei porcini,  li faremo a fettine con lo scalogno,  il vino, e il pepe.  Facciamo una bella crema per condire le fettine di manzo,  con erba luisa,  senape,  olio,  zafferano e uno spicchietto di aglio.  infine mettiamo le fettine sulla piastra,  le giriamo e una volta pronte le cospargeremo di salsa e funghi.  Ecco il piatto nella foto sopra.

Federica  Sai che quando vedo le tue ricette mangerei quelle sul computer?

Elena  Fai prima ad eseguirle mettendoci tutta la passione che hai per la cucina.

 

18/11/2017

 

Federica   Ce cosa non darei per farmi una bella gita al mare!

 

Elena  Io ci vado sempre,  con la fantasia ovviamente.  Sei pronta ad assaggiare le mie ricette?  Su,  via che facciamo il pesce.

 

PEPERONI RIPIENI DI MARE

 

 

Ingredienti:  Peperoni nostrani tre,  soglioline alla mugnaia duecento g,  scampi  12, olio extra vergine d’oliva,  parmigiano reggiano un cucchiaio, una patata,  rosmarino,  cumino,  pangrattato fine,   un limone grosso,  uno spicchio d’aglio, una noce di burro e ovviamente sale e pepe q.b.

 

Esecuzione:  puliamo bene il pesce,  i peperoni e le erbe,  cuciniamo le sogliole alla mugnaia,  con una noce di burro,  pangrattato limone;  poi passiamo agli scampi li mettiamo in marinatura con il limone,   un po’ di sale e pepe poi, sulla piastra.  Metà li teniamo per decorare il piatto e l’altra metà li spezzettiamo insieme alle sogliole;  aggiungeremo un cucchiaio di parmigiano,  un po’ di aglio e cumino e con il pangrattato faremo un bel ripieno per i peperoni.  Li inforniamo a 150° per quindici minuti.  Nel frattempo faremo delle patatine fresche al rosmarino  che accompagneranno il nostro piatto.

 

Federica   Hai ragione,  mi stai tirando su il morale.

Elena   Ma bene,  sono davvero contenta  e adesso un altro pesciolino    lo cuciniamo? Faremo l’orata in salsa di maionese fresca e panna acida,  è da provare perché dà un gusto al pesce molto raffinato ed è anche gustoso.

 

ORATA  IN  SALSA

 

 

Ingredienti:  tre filetti di orata,  pepe in grani,  aceto di mele,  salvia,   un cipollotto bianco tritato,  una patata gigante,  olio  per la frittura,  olio extra v. d’oliva,  un uovo,  un cucchiaio di succo di limone,  una spremuta di  mezzo lime  trenta ml di olio di girasole, e un po’ di panna acida.  Zucca al forno,  e crauti con cavolo cappuccio,  aglio,  salsa di soia,  brodo.

 

Esecuzione:   Prima faremo i crauti,  li taglieremo sottili,  (circa 600 g di cappuccio) metteremo l’aceto di mele,  l’aglio uno spicchio,  sale,  un po’ di brodo di carne, e a fine cottura mettiamo la salsa di soia.  Adesso tagliamo la zucca a fette la pennelliamo con l’olio extra v. d’ol. e la inforniamo a 150° per venti minuti.  E adesso è l’ora dei filetti di orata che faremo cuocere sulla piastra non in modo aggressivo,  e poi la cospargeremo senza esagerare di questa salsa acida e pepe.   Per ultimo cucineremo la patata fritta al rosmarino:  tagliamo delle strisce larghe e lunghe in modo che diano un risultato croccante sopra e morbido  dentro.  Impiattiamo,  ed ecco il piatto nella foto sopra.

 

Federica   Il pesce fatto così e servito con queste verdure lo mangiano bene anche i bambini!   Sono proprio molto belli  e gustosi questi due piatti.

 

Elena   Grazie!  A stasera.

 

21/11/2017

 

Federica  mi detti la ricetta della tua pasta asciutta e ceci?

 

Elena  Non solo te la detto,  ma ti faccio vedere la foto.

 

PASTA,  CECI  E  COZZE

 

 

Ingredienti:  quattrocento g di ceci,  venti cozze,  cento  trenta g di pasta,  un rametto di rosmarino,  vino bianco un bicchiere,  sale e pepe q.b.,  un rametto di origano,  un porro, sugo al pomodoro con aglio e peperoncino,  olio extra vergine d’oliva,  trenta g di parmigiano reggiano grattugiato,  un mestolo di brodo di carne e prezzemolo tritato.

 

Esecuzione:  laviamo e puliamo  le cozze,  le mettiamo in una casseruola con un po’ di sugo di pomodoro e aglio;  una volta aperte cospargeremo il prezzemolo.  Prendiamo i ceci ammollati,  insieme al porro tritato,  un po’ di rosmarino,  il vino bianco il peperoncino q.b., li lasciamo cuocere lentamente fino a quando saranno un po’ spapolati.  Poi li mettiamo nel mixer insieme al brodo,  ne teniamo un po’ da parte poi li uniremo alla crema insieme a qualche cucchiaio di olio,  sale e pepe. Adesso cuociamo le pennette,  e una volta arrivate alla cottura al dente le verseremo nella casseruola di scolo e lì le mantiechiamo,  poi aggiungeremo ancora un po’ di olio,  il parmigiano e le cozze.  Ti piace il piatto?

 

Federica   Più di molto.  Grazie!

 

22/11/2017

 

Elena   Cara Fede oggi ti mostro una nuova ricetta delle quaglie.

 

QUAGLIETTE  CON  PASTICCIO

 

DI  PATATE

 

Ingredienti: quaglie q.b.,  coppa stagionata un hg per ogni tre quaglie, sale e rafano q.b.,  vino bianco un bicchiere,  rosmarino,  cerfoglio,  alloro, uno scalogno,  cento g di uva passa,  una noce di burro.  Per il contorno:  olio extra vergine d’oliva,  una patata media per  ogni persona,  mezzo bicchiere di brodo di carne,  una cipolla rosata piccola a porzione, due cucchiai di parmigiano e un cucchiaio di pecorino romano,  un cucchiaio di senape.

 

Esecuzione delle quaglie:  togliamo la pelle e le ossa dalle quaglie,  le mariniamo per qualche ora nel vino,  con un cucchiaio di aceto,  rosmarino, alloro, e scalogno tritato,  sale  pepe e rafano.   Una volta tolte le quaglie dalla marinatura le stendiamo e incominciamo a mettere un po’ di ripieno:  una fetta di coppa,  una manciata di scalogno tagliato fine,  poi le chiudiamo  e le avvolgeremo in un’altra fetta di coppa,  vanno fermate con uno stecchino e  spennellate con l’olio.  Scaldiamo la casseruola,  le facciamo dorare girandole e rigirandole ,  le sfumiamo col vino,  aggiungeremo un po’ di erbe,  e  chiudiamo la casseruola.  Il tempo di cottura a fuoco lento è di venti minuti.  Dopo le cospargeremo con un po’ di rafano e un po’ di burro.  Nel frattempo abbiamo pelato le patate e tagliato le cipolle,  abbiamo fatto degli strati come si fa con le lasagne alternando le patate alle cipolle e tra uno strato e l’altro abbiamo messo un po’ di alloro,  senape,  salvia,  brodo  e formaggi;  abbiamo messo la teglia in forno a 160° per mezz’ora. Ecco  il piatto nella foto sopra!

 

Federica  E’ tutto delizioso!  Senti che profumi!

 

23/11/2017

 

Elena   per festeggiare il giorno del ringraziamento ho fatto la gallina ruspante cotta nel brodo di castagne,  in contorno di patate all’olio,  aceto di ribes e prezzemolo.  Eccolo qui!

 

GALLINA  AL  BRODO DI

 

CASTAGNE

 

Ingredienti:  gallina q.b.,  castagne secche cinquecento g per ogni kg di carne,  due o tre ciuffetti di rosmarino,  un po’ di giallo di limone grattugiato,   sale e pepe q.b.,  un bicchiere di vino bianco secco,  mezzo bicchiere di latte, una costa di sedano e uno spicchio di aglio, prezzemolo q.b.,  patate di montagna, brodo di gallina,  olio extra vergine d’oliva.

 

Esecuzione:  mettiamo la gallina tagliata a pezzi a marinare nel vino,  aglio e sedano. La mattina seguente la togliamo dalla marinatura e la faremo dorare nella casseruola senza alcun grasso aggiunto.  Il giorno prima abbiamo lessato le castagne secche,  i cosiddetti bascotti, con acqua,  vino, sale e rosmarino.  le abbiamo tenute immerse nel loro brodo lo useremo a cuocere la gallina. Saliamo al punto giusto aggiungendo ancora un rametto di rosmarino,   mettiamo il coperchio e lasciamo cuocere lentamente per almeno un’ora e mezza.  quando la gallina sarà cotta, ci sarà un succo denso che noi andremo a diluire con un po’ di latte e castagne al mixer ricavandone un brodo  che mescoleremo al  sugo di cottura.  Nel frattempo abbiamo lessato le patate al vapore di brodo di gallina,  e le abbiamo insaporite con prezzemolo,  sale e pepe,  olio e aceto.   Il piatto nel suo insieme è molto combinato e gustoso.

 

Federica   Senti,   perché io che ho frequentato il corso di cucina non riesco a cucinare così?  Chi ti ha insegnato?

 

Elena   A quell’epoca  si imparava tutto all’asilo!

 

Federica   Incomincerai a farci ridere ancora?

 

Elena  Vedremo,  forse nel prossimo articolo.

 

05.11.2017

LE RICETTE DI CASA MIA DUECENTOTRENTUNESIMA PARTE

Author: Elena Lasagna

05/11/2017

 

IN CUCINA  CON  AMORE  E  CON

 

FEDERICA

 

Federica   Che marmellata di limoni ci hai fatto ieri sera!  Perché non hai voluto fare la foto?

 

Elena  Diciamo la verità,  non è stato merito mio,  ma della qualità super dei vostri limoni cedrati,  dal succo,  dalla buccia e dalla polpa dolce.  Io ho solo combinato il dosaggio.  Ma metterò la foto quando farò la mia.

Federica   Mi hai detto che oggi mi avresti presentato una delle tue ricette preferite,  sono proprio curiosa.

Elena   Questa ricetta si presenta da sé !  Eccola!

 

SUGO  AGLI  SPAGHETTI

 

 

Ingredienti:  un kg di pomodori freschi e ben maturi,  sale e peperoncino q.b., olio extra vergine d’oliva,  parmigiano reggiano e pecorino romano grattugiati,  basilico,  porro,  scalogno,  timo,  origano,  alloro,  vino bianco o rosato q.b. ,  brodo vegetale.

 

Esecuzione:  mettiamo in acqua bollente solo per un attimo i pomodori e poi in acqua gelata,  li spelliamo e li tritiamo.  Intanto abbiamo fatto soffriggere in pochissimo olio dieci cm di porro,  uno scalogno tagliati sottilissimi,   abbiamo sfumato col vino,  abbiamo messo l’alloro,  il timo,  l’origano e il chiodo di garofano.  Abbiamo coperto la casseruola,  poi abbiamo fatto sobbollire il tutto. Il brodo per la cottura degli spaghetti sta bollendo,  li cuoceremo al dente ma non troppo,  poi li scoleremo e li metteremo nella casseruola del sugo,  li giriamo bene per insaporirli,  e aggiungeremo ancora un po’ di erbe fresche come il timo,  origano e basilico,  i due formaggi e l’olio. Il piatto è pronta da servire.

Federica   Mamma mia che sapori e che profumi!  Ma dimmi,  perché  sugo agli spaghetti e non viceversa?

 

Elena  Perché a me gli spaghetti piacciono annegati nel sugo.

 

06/11/2017

Federica   La tua torta era divina!

Elena    Grazie! Questa è la ricetta.

 

TORTA  DI  LIMONI  ED UVA

 

 

Ingredienti per la pasta:  seicento g di farina lievitata per dolci,  due uova intere,  duecentocinquanta g di zucchero semolato,  la buccia grattugiata di un limone,  un bicchierino di succo di un limone,  settantacinque g di burro,  una bacca di vaniglia.  Per il ripieno:  quattro limoni grossi e succosi,  cento g di zucchero, due tuorli,  tre cucchiai non colmi di farina, un foglio di pasta fillo,  buccia di tre limoni tagliata a pezzi grossi,  quattrocento g di acini di uva fragola,  zucchero a velo vanigliato.

 

 

Esecuzione:  in una capiente zuppiera sbattiamo le uova con lo zucchero,  uniamo la vaniglia,  il burro sciolto a bagno maria,  la buccia grattugiata di un limone,  e il succo,  infine la farina q.b, per ottenere un impasto omogeneo ma non troppo molle.  Mettiamo la pasta a riposare,  nel frattempo facciamo altre operazioni come lavare bene l’uva,  asciugarla e staccare gli acini;  fatto questo  staccheremo dai limoni la buccia e la metteremo a bollire con un po’ di zucchero,  ,  li spremiremo e li uniamo  ai tuorli già in crema con lo zucchero,  infine mettiamo la farina e la vaniglia.  Giriamo bene la crema sul fuoco a bagno maria,  se risulta troppo densa metteremo sciroppo con acqua e zucchero o limonata dolce.  Lasciamo raffreddare la crema,  ora le bucce di limone si sono cotte  al punto giusto,  le caramelliamo con zucchero facendo attenzione di non macchiarle di bruno.  Una volta finite queste operazioni imburreremo la teglia e divideremo la pasta in due parti  (60 e 40).  Con la parte più grande faremo il fondo e ci mescoleremo l’uva piano piano per non schiacciare gli acini;  ora la lasciamo cadere nella teglia,  ci stenderemo sopra il foglio  di p. fillo,  e la crema ai limoni,  sopra mettiamo le bucce tenere e caramellate e un filo di marmellata di limoni.  Adesso copriamo la torta con l’altra parte della pasta e la metteremo in forno  a 180° per quarantacinque minuti,  un po’ di zucchero a velo coprirà la sorpresa.

 

Federica   Ecco la sorpresa,  a vederla sembrava di una semplicità estrema,  una volta aperta ho visto un giro di creme intrecciate all’uva,  questi sapori che s’incontravano  era come vedere il peccato che poi peccato di gola non è dal momento che è fatta con ingredienti genuini.  Hai dato un nome a questa torta? Grazie ancora.

 

Elena   La chiamiamo  “Stella ai limoni di Sorrento”.

 

07/11/2017

 

Federica   Vorrei proprio una ricetta del buonissimo pollo,  come ce lo presenti?  Sai che al ristorante molte persone lo vogliono con le ossa?

 

Elena   E noi oggi lo faremo con le ossa.  Ci sono mille e più modi di cucinare il pollo,  piano piano te le mostrerò tutte.

 

POLLO  RUSPANTE

 

SUCCULENTO

 

 

Ingredienti:  pollo ruspante q.b.,  tre scalogni,  una carota,  cinque pomodori maturi,  una stecca di sedano,   olio extra v. d’oliva,  uno spicchio di aglio,  sale,  peperoncino e pepe q.b., vino bianco secco ottimo, salvia,  basilico,  origano,  alloro,  zucchine,  una noce di burro,  parmigiano reggiano,  un peperone,  macis.

 

 

Esecuzione:  togliamo la pelle al pollo,  lo tagliamo a pezzi,  e lo rosoliamo insieme agli scalogni.  Sfumiamo col vino,  e poi uniremo tutto il resto tranne il pepe.  Versiamo il vino che serve per cuocere un pollo ruspante,  aggiustiamo di sale e mettiamo il coperchio  alla casseruola curandoci di mescolare di tanto in tanto.   per circa due ore. Lo lasciamo cuocere a fuoco lento.  Controlliamo la cottura,  e vediamo che il pollo è immerso in una bella crema di verdure ed è molto  profumato.  lo serviremo con zucchine cotte in casseruola con aglio e salvia,  poi passate in poco burro e parmigiano.  Ecco il tutto nella foto sopra.

 

Federica   Sai che con un pollo così diventano buone anche le zucchine?  Voglio dire che si sposano bene insieme.  Faccio la collezione delle tue ricette di pollo;  è troppo buono!

 

08/11/201

 

Elena   Oggi ti presento una ricetta nuova,  si tratta di un primo piatto.  Eccolo.

 

LUMACONI  IN  SALSA  DI

 

ZUCCA

 

Ingredienti:  pasta q.b.,  zucca,  scalogno,  porro,  culatello stagionato (meglio se fatto in casa), peperoni,  sale,  peperoncino,  paprica dolce, latte q.b.,  parmigiano grattugiato,  primo sale, olio extra vergine d’oliva,  brodo vegetale.

 

Esecuzione:  per prima cosa mettiamo a cuocere la zucca in forno insieme ai peperoni.  Poi una volta cotti,  toglieremo la pelle ai peperoni,  e spolpiamo la zucca,   mettiamo il sale, il latte q.b.,  un pezzo di primo sale,  e frulliamo il tutto con il frullatore ad immersione.  Ne ricaveremo una bella vellutata.  Aggiungeremo poi la paprica,  il peperoncino,  il soffritto di porri e scalogno e i peperoni  e il culatello tagliati a piccoli pezzi.  Adesso buttiamo la pasta nel brodo bollente,  la scoleremo al dente,  la metteremo nella casseruola del sugo di zucca.  Mantechiamo un po’ infine aggiungeremo il parmigiano grattugiato e un cucchiaio di olio per ogni porzione.

 

Federica   che meraviglia,  è così invitante che lo voglio fare domani.

Elena  Ti assicuro che è proprio buono e non solo,  ma rispetta la salute.

 

09/11/2017

 

Elena  Un altro piatto pieno di gusto e salute è quello che presento adesso,  si tratta di il polpettone in crosta di sfoglia.

 

POLPETTONE  IN  CROSTA  DI

 

SFOGLIA

 

 

Ingredienti:  pasta sfoglia fresca,   tre etti di carne macinata di vitello,    tre etti di ricotta vaccina,  tre etti di cime di rapa stufate con scalogno.  Noce moscata,  salvia,  uno spicchio di aglio tritato,  alloro in polvere, origano,  rosmarino,  parmigiano grattugiato e pangrattato,  mezzo porro tritato passato al tegame con acqua. Ovviamente sale e pepe q.b. Un uovo intero per spennellare la crosta.  Per la salsa,  facciamo in mix di verdure,  le tagliamo sottili e le stufiamo un po’ con il vino e a fine cottura al dente,  aggiungeremo  un po’ di pecorino romano e un cucchiaio di olio extra v. d’oliva.

 

Esecuzione:  Tiriamo la pasta sfoglia e lasciamola riposare per mezz’ora.  Nel frattempo amalgamiamo la carne con la ricotta,  le erbe,  il sale e pepe, le cime di rapa,  il parmigiano e il pangrattato q.b.  Dopo avere formato un impasto consistente,  lo mettiamo sopra alla pasta sfoglia,  poi lo avvolgeremo ruotandolo su se stesso,  chiudiamo i bordi e spennelliamo con l’uovo sbattuto a crema.  Lo adageremo sulla carta da forno nella teglia e lo cuoceremo per trenta minuti  a forno preriscaldato a 175°.

 

Federica   Immagino il profumo!  Per me sei una grande cuoca.

Elena   Grazie,  ma ancora non hai visto niente.  Ma dai che sto scherzando!

11/11/2017

 

Federica   Finalmente sono riuscita a fare la pizza con il lievito madre,  è venuta quasi uguale alla tua.

 

Elena,   sono contenta,   il lievito madre non è irrealizzabile,  ci vuole solo costanza e pazienza.  Ti faccio vedere quella che ho fatto ultimamente,  un’altra delle mie, il risultato è stato ottimo perché la pasta dopo due giorni e due notti di lievitazione è diventata croccante e friabilissima,  poi è leggera come un velo, eccola.

 

        Pizza  al  levito madre

 

Ingredienti:  cento g di lievito madre,  duecento g di farina tipo “0”,  acqua,  un cucchiaio di olio. Per la farcitura:  mozzarella di bufala,  salsa di pomodoro,  cipolla,  prosciutto,   origano e olio extra vergine d’oliva al peperoncino.

Esecuzione:   Impastiamo bene la pizza e otteniamo un panetto morbido che non attacchi alle dita.  Lasciamolo riposare fino a sera,  poi lo impastiamo di nuovo con poca farina fino a quando non attacca le dita.  Il giorno dopo ripetiamo l’operazione,  e via via così fino a che saranno passate anche due notti;  il mattino seguente massaggiamo di nuovo l’impasto e lo stenderemo sulla teglia,  a mezzogiorno la pizza sarà pronta da farcire o decorare con gli ingredienti che preferiamo.

Federica   Che bella!

 

Elena   Grazie!  Al prossimo articolo.

23.10.2017

LE RICETTE DI CASA MIA DUECENTOTRENTESIMA PARTE

Author: Elena Lasagna

23/10/2017

 

IN  CUCINA  CON  AMORE  E  CON

 

  FEDERICA

 

Federica   anch’io sono convinta che si possa mangiare di tutto,  ciò che conta è la qualità ma conta molto anche la quantità.  Com’è un pranzo dalle porzioni normali?  Grazie.

 

Elena   Ora ti mostro un piatto con le porzioni caloriche e quelle proteiche da consumarsi in un solo pasto per una persona normale;  che anche se  conduce una vita d’ufficio sedentaria,  poi a casa fa movimento o palestra.

 

LE PIATTELLE DI  CARNE MISTA

 

 

Ingredienti per una persona:  cinquanta g di prosciutto cotto  e cinquanta g di macinato scelto bovino,  sale,  pepe,  spezie miste,  salvia,  alloro, pomodoro in salsa,  porro,  parmigiano, pangrattato,  prezzemolo,  vino bianco secco delle nostre zone,  olio extra vergine d’oliva gentile.  Per il contorno: mezzo finocchio, latte q.b.,  formaggio fuso,  noce moscata,  sale e pepe. Due fettine di polenta di mais al forno o alla piastra.

 

Esecuzione:  per prima cosa tagliamo a fettine il finocchio,  lo mettiamo in casseruola con poco latte,  la noce moscata, lo lasciamo cuocere a fiamma bassa,  una volta cotto ci metteremo un cucchiaio di formaggio fuso,  e un po’ di olio,  sale e pepe.  Adesso passiamo alle piattelle:  uniamo un trito di prosciutto cotto alla carne macinata,  un trito di porri,  (un pezzetto di cinque cm),  di prezzemolo,  parmigiano un cucchiaio, sale,  pepe o peperoncino.  Ora mescoliamo bene le carni,  le amalgamiamo con i sapori,  poi formeremo delle polpette un po’ grandi,  le schiacceremo col palmo della mano, e le passiamo nel pangrattato.  A questo punto facciamo soffriggere ancora un po’ di porro o uno scalogno,  sfumiamo col vino, aggiungeremo la salsa di pomodoro, la salvia,  l’alloro e un poco di brodo.  Lasciamo cuocere per qualche minuto avendo cura di girare le piattelle,  poi spegneremo il fuoco e quando la carne sarà tiepida metteremo un giro di olio;  da gustare con la polenta di mais.  Questo piatto è nutriente,  salutare,  e leggero,  queste sono le porzioni per una persona adulta. Ai bambini  basta una piattella di cinquanta settanta g,  perché altrimenti se mangiano troppo diventeranno obesi già nell’età adolescenziale,  e questo è sconsigliato dai medici e scienziati nutrizionisti

Federica    E’ un piatto invitante al massimo,  piacerà molto anche ai bambini,  è meraviglioso!

Elena  Grazie!  Sì,  ai bambini piace,  lo so già.

 

24/10/2017

 

Elena   Sai cara Fede?  Non avrei mai pensato di cucinare il riso con il pollo,  tempo fa lo mangiai in un posto molto rinomato ma nonostante le cinque stelle il risotto sapeva di pollame crudo.  Mi sono nauseata così tanto che non mi venne mai più l’idea di mangiarlo.  Ma qualche giorno fa mentre stavo cucinando un gallo alla cacciatora,  conservai il petto per fare il risotto,  è venuto di uno squisito che non me lo sarei aspettata davvero.   e poi è una ricetta salutare e se oltre a questo il piatto è anche gustoso,  allora ci siamo davvero.  Eccolo!

 

RISOTTO  AL PETTO DI  GALLO

 

ALLA CACCIATORA

 

 

Ingredienti:  per quattro persone:  un petto di gallo fatto alla cacciatora,  riso q.b. un porro,quattro cucchiai di salsa di pomodoro fatta in casa,  sale e pepe q.b.,  brodo vegetale,  vino bianco,  alloro,  quattro bacche di ginepro,  qualche foglia di basilico,  prezzemolo, parmigiano e pecorino romano grattugiati,  mezzo bicchiere di latte.

 

Esecuzione:  Mettiamo il porro tagliato finemente con il riso e un cucchiaio di olio in casseruola,  lo rigiriamo bene, poi lo sfumiamo con il vino,  aggiungeremo le bacche di ginepro,  l’alloro, il pomodoro,  la carne tagliata a piccoli pezzetti  infine il brodo qb.  per la cottura.  A cottura la dente,  aggiungeremo il latte,  il sale, e facciamo bollire per mezzo minuto  Spegneremo il fuoco,  incorporiamo i formaggi grattugiati ( un cucchiaio non colmo a persona) il pepe,  il prezzemolo e il basilico.

 

Federica   voglio mangiarlo fatto da te o niente.

Elena   Sei capace anche tu di farlo così,  se ci metti amore cucinerai bene anche i sassi!

26/10/2017

 

Elena   Tempo fa mi hai detto che la faraona non ti piace in nessun modo,  hai provato a fare le crocchette?

 

Federica   sì,  però mi hai fatto venire un’idea,  prima metterò la carne ad amalgamare con le spezie dell’arrosto, una volta insaporita bene forse riuscirò a farmela piacere.

Elena  Ne sono certa.

 

CROCCHETTE  DI  FARAONA

 

 

Ingredienti:  faraona,  vino bianco,  rosmarino,  timo,  aglio,  alloro,  ginepro,  pangrattato,  amido di mais, latte o birra, sale e pepe, olio per friggere,  farina di mais tipo fioretto.  Contorno:  cavolfiore,  prezzemolo,  taleggio,  peperoni misti,  carote e zucca.

 

Esecuzione:  mettiamo a bagno la carne tagliata a pezzetti nel vino con erbe,  sale e pepe,  il mattino seguente le portiamo a bollore il tutto.  togliamo la carne dalla farcia,  la passiamo nell’amido di mais,  nel pangrattato con farina di mais ed è pronta per la frittura.  Nel frattempo abbiamo lessato il cavolfiore al vapore e l’abbiamo passato nel taleggio fuso con un po’ di latte,  abbiamo messo sale e il prezzemolo e succo di ribes bianco.  E dall’altra parte abbiamo messo la zucca al forno tagliata a fettine insieme ai peperoni nostrani e carote.

Federica   Da vedere mi sembra buonissima,  credo che lo sia squisita davvero.

 

27/10/2017

 

Elena   Oggi invece ho una ricetta della nouvelle cuisine.

 

NOUVELLE  CUISINE

 

Ingredienti:  polpo,  scampi,  zucca,  cavolfiore, limone,  prezzemolo,  cerfoglio,  aceto di acero, un filo di burro,  olio extra vergine d’oliva, sale,  pepe,  panna acida,  aglio.

Esecuzione:  laviamo bene il pesce,  lo puliamo dalle impurità,  poi apriremo gli scampi per nettarli completamente.  Per il polpo,  una volta lessato

 lo taglieremo a piccoli pezzi,  e lo marineremo con erbe,  aglio aceti e olio.  Mentre gli scampi  quando li toglieremo dalla piastra metteremo un filo di burro e limone.  Per le creme di zucca e cavolfiore,  lesseremo la verdura al vapore,  le condiremo una ad una con un po’ di panna acida,  olio e frulleremo il tutto.  Impiattiamo,   ed ecco il piatto nella foto in alto.

 

Federica   Bello,  bello,  e buono.

 

30/10/2017

 

Elena   Ho raccolto l’ultimo basilico seminato nel mese di giugno,  ne ho ricavato delle belle porzioni di pesto.  Questo pesto l’ho modificato a seconda dei nostri gusti.

 

PESTO AL BASILICO

 

 

Ingredienti:  basilico genovese,  pinoli,  mandorle pelate,  pecorino,  parmigiano,  pepe e peperoncino, olio extra vergine d’oliva,  sale q.b.

  L’esecuzione è quella del pesto alla genovese: laviamo bene le foglie di basilico, le mettiamo nel robot o nel mortaio,  insieme alle mandorle e ai  pinoli.  Facciamo partire il robot o schiacciamo a mano il tutto e alla fine quando abbiamo ottenuto una crema omogenea,  aggiungeremo i formaggi grattugiati,  le spezie sopra elencate,  il sale infine l’olio,  Eccolo nella foto sopra.

 

Federica    Mi è piaciuta molto la tua pasta,  era di un sapore meraviglioso;  poi aveva la cremosità giusta,  come hai dato la cremosità?

Elena   Dopo la cottura della pasta,  ho sciolto nell’acqua di cottura un po’ di formaggio spalmabile,  ma soltanto un pochino.

 

PASTA  AL  PESTO

 

 

Ingredienti:   farfalle e spaghetti casarecci fatti freschi da me,  pesto,  brodo vegetale,  patate,  fagiolini,  formaggio spalmabile.

 

Esecuzione:  tagliamo a pezzetti le patate,  e i fagiolini,  li mettiamo a cuocere nel brodo saporito,  e a metà cottura metteremo la pasta.  La scoliamo leggermente  al dente,  la mantechiamo aggiungendo un po’ di formaggio molle.

03/11/2017

 

Elena   Ho fatto i peperoni ripieni in un’altra versione,  ho usato carne,  verdure, e funghi,  poi ti mostro le fettuccine al burro salvia e lime,  e i ravioli al pesto di carne.

 

PEPERONI  E MINESTRE

 

 

Ingredienti:  pesto per agnolotti,  sfoglia fresca,  peperoni,  arrosto di vitello macinato,  funghi misti stufati,  basilico,  salvia una noce di burro per ogni piatto, verdure miste grigliate,  formaggio grattugiato meglio se parmigiano,  sale e pepe q.b. ,  spezie miste,  succo di lime,  olio extra vergine d’oliva.

Esecuzione:   per prima cosa faremo la pasta,  ne ricaveremo delle tagliatelle e dei ravioli.  poi svuotiamo i peperoni, tritiamo la carne di vitello,  grigliamo le verdure poi, le taglieremo a piccoli pezzi,  ed ora faremo lo stufato di funghi che andremo a mescolare con la carne e le verdure;  aggiungeremo un poco di spezie,  il parmigiano grattugiato e infileremo tutto nei peperoni,  e via in forno a 170° per trenta minuti circa.  Scoliamo le tagliatelle e i ravioli,  li condiremo al burro fresco e foglie di salvia,  basilico e pepe.  Eccoli!

Federica  Posso immaginare il gusto.

Elena    Ed ora ti mostro la colazione dei bambini che non sono abituati a mangiare le merendine.  Sai che i bambini che fanno colazione con i cereali,  sono piaciuti i miei dolci al cioccolato;  veramente non sono molto dolci,  ma è un pane molto gradevole ai pezzi di cioccolato fondente.

 

PANDOLCE

 

Per la colazione dei bambini e dei grandi

 

 

Ingredienti:  settecento g di farina tipo “00”,  duecentocinquanta g di zucchero,  due uova intere,  buccia  grattugiata di  un limone senza conservanti,  un po’ di succo di limone,  mezzo bicchiere di latte,  settanta g di burro,  cento g di cioccolato fondente,  cento g di uvetta sultanina,  e il lievito madre q.b.

 

Esecuzione:  impastiamo il lievito madre con le uova,  lo zucchero, il latte,  la scorza di limone,  un altro aroma a piacimento,e la farina. Intanto abbiamo messo il burro vicino a una fonte di calore,  ma non deve essere chiarificato.  Una volta amalgamato il tutto aggiungeremo il burro e lo amalgameremo perfettamente all’impasto;  per ultimi incorporiamo le uvette strizzate dall’ ammollo nel latte,  e il cioccolato tagliato a coltello,  poi lasciamo l’impasto a riposare per due ore.  Passate le due ore lo mescoleremo ancora e di nuovo lo lasciamo lì per altre due ore;  prepariamo gli stampi  e li riempiamo a metà con l’impasto;  passate le ultime due ore inforneremo i dolci  a forno caldo di 170°per circa venti minuti.

Federica   Che bontà ma che bontà!  Mi hai promesso i panettoncini,  ricordi?

Elena   Ricordo,  ricordo,  speriamo che mi riescano anche questi,  sai non si può mai sapere.  Chiudo anche questo articolo  salutando tutti quanti i miei lettori.  Ciao,  alla  prossima volta.

 

12.10.2017

LE RICETTE DI CASA MIA DUECENTOVENTINOVESIMA PARTE

Author: Elena Lasagna

12/10/2017

 

IN  CUCINA  CON AMORE  E  CON

 

FEDERICA

 

Elena  Ho fatto delle fasce,  (mi riferisco a fasce di grano o come quelle della legna) con la carne che si usa per il carpaccio,  le ho marinate  e le ho fatte ripiene,  eccole.

 

FASCE  RIPIENE

 

 

 

Ingredienti:  fettine di carpaccio,  carciofi,  patate, salsa di soia, ceci,  prezzemolo,  rosmarino,  scalogno, olio extra vergine d’oliva,  porro,  cerfoglio, parmigiano reggiano,  sale e pepe q.b., vino bianco secco della zona. Contorno di verdure lessate al vapore e insaporite con aceto di mele e di ribes.

 

Esecuzione:  mettiamo le fettine di carne a marinare con i due aceti,  olio ,  sale e pepe e le erbe.  Il mattino seguente le metteremo sulla vaporiera per qualche minuto,  poi le farciremo con uno stracotto di carciofi,  porri, scalogno, patate e parmigiano,  le chiudiamo e le serviremo con verdure condite e molto saporite.

Federica  Che belle!  Devono essere di un buono!  Le voglio fare.

14/10/2017

 

Elena   Un primo gustoso non ce lo leva nessuno,  una pasta al forno ripiena,  eccola!

 

CANNELLONI ALLE CIME DI

 

 RAPA  E STRACOTTO

 

DI ANATRA

 

Ingredienti:  uova,  farina per pasta fresca,  cime di rapa,  sale e pepe q.b., brodo di carne,  besciamella,  parmigiano reggiano e pecorino romano,  mezza anatra,  una cipolla dorata,  una carota,  una stecca di sedano verde,  cumino,  due foglie di alloro,  un pizzico di spezie miste,  vino bianco secco,  brodo vegetale,  un cucchiaio di polpa di pomodoro, paprica, olio extra vergine d’oliva.

 

Esecuzione:  mettiamo l’anatra e le verdure tagliate a piccoli pezzi in casseruola,  mettiamo il sale ,  il vino,  il pomodoro,  la paprica,  le spezie.  lasciamo evaporare il vino,  poi aggiungeremo il brodo per proseguire la cottura.  Nel frattempo faremo la pasta,  tracceremo dei rettangoli che poi andremo a farcire con il pesto.  Abbiamo fatto anche le cime di rapa e  abbiamo finito la cottura con il latte,  e il pecorino grattugiato.  Ora disossiamo l’anatra e tritiamo ben bene la carne,   aggiungiamo il parmigiano grattugiato, e se serve anche un po’ di pangrattato fine.  Ora che tutto è pronto compresa la besciamella,  riempiremo i rettangoli e li giriamo su se stessi;  li cospargeremo di besciamella e parmigiano,  poi andranno in forno per venti minuti a 170 ° .  Buon pranzo!

Federica   E che pranzo!  Buoni,  buonissimi!

Elena   Alla prossima!

 

15/11/2017

 

Elena   Ho una sorpresa per te e per voi:   ho fatto i dolcetti di Alloween, Sono riusciti di un buono che non me lo aspettavo davvero.

 

DOLCETTI  DI  HALLOWEEN

 

Ingredienti:  cacao amaro,  cioccolato fondente dolce,  miele,  zucchero,  aromi,  mandorle tostate,  farina tipo “00”,  latte di mandorle, piccoli frammenti di scorza di arancia caramellata,  albumi,  cannella,  latte.  (non ho pesato gli ingredienti perché è una ricetta inventata poco fa e la devo perfezionare,  però mi sono riusciti molto bene.

 

Esecuzione:  abbiamo prima fatto la crema del ripieno con latte di mandorle e farina,  zucchero,  miele,  aromi preferiti,  albumi, minuziosi canditi di arance, mandorle tostate.  Poi abbiamo fatto sciogliere il cioccolato fondente in poco latte, poi  l’abbiamo fatto  rapprendere un po’ ma non troppo,  una volta raffreddato il ripieno bianco alle mandorle,   abbiamo fatto le palline e le abbiamo messe a raffreddare perché indurissero al punto ideale per poi metterle nella crema di cioccolato,  infine le abbiamo passate nel cacao amaro.  Una volta finiti i dolcetti li abbiamo messi in frigorifero per almeno  due ore prima del consumo.

Federica   Anche questa ricetta deve essere squisita!

 

17/10/2017

 

Elena   Passiamo al fritto?,  Sì,  qualche volta lo possiamo  fare che non ci farà morire.  L’importante è prestare attenzione all’olio che non si deve bruciare e fare quel fumino poco salutare.  Quando si parla del punto di fumo ideale,  in realtà è un termine sbagliato,  perché non c’è un punto di fumo che sia sano,  ma c’è una temperatura ideale.  Oggi presento un piatto di gamberetti fritti in un letto di minestra di patate e zucca.  Se piace ai bambini piacerà anche ai grandi.

 

MINESTRA DI PATATE  E

 

GAMBERI

 

Ingredienti:  gamberetti   e  patate q.b., zucca,  alloro,  spezie miste, un porro,  latte,  vino bianco, prezzemolo,  origano,  cumino,  parmigiano,  olio extra vergine d’oliva,  olio di arachidi,  brodo vegetale.

 

Esecuzione:  laviamo il pesce lo mettiamo in un colapasta e nel frattempo taglieremo a dadini la zucca, la pennelliamo con l’olio e la metteremo in forno a 170° per circa 15 minuti.  poi,  taglieremo le patate a piccoli pezzi,  il porro a rondelle sottili,  l’origano,  l’alloro,  aggiungeremo le spezie  il vino e il brodo.  Facciamo cuocere a fuoco lento e quando le patate avranno perso la loro consistenza aggiungeremo un po’ di latte,  lasceremo sul fuoco una ventina di secondi e incorporiamo il formaggio.  Per ultimo faremo la frittura,  la mettiamo sull’assorbente per qualche secondo e la impiattiamo insieme alle patate .

Elena   Dimmi e questo piatto ti piace?

Federica  Sì,  mi ispira molto!

 

18/10/2017

 

Elena   Oggi ho fatto le crespelle in onore di due persone stupende,  siete tu e Alessandro;  so che queste vi piacciono molto.

 

LE CRESPELLE DI CASA MIA

 

 

Ingredienti per le crespelle:  uova,  farina,  latte,  spezie,  buccia di limone grattugiata, tre cucchiai di brandy,  sale e pepe q.b.  Per il ripieno:  stracotto di arista,  parmigiano grattugiato,  salvia e aglio,  cumino,  qualche cucchiaio di pangrattato fine,  uvetta ammollata nel latte.  Besciamella leggera e filini di porro.

Esecuzione:  sbattiamo i tuorli a crema,  poi aggiungeremo il latte,  la farina q.b. per un impasto omogeneo e abbastanza liquido,  il brandy,  sale e pepe,  spezie, infine gli albumi montati a neve  ( Per crespelle più tenere e morbide, se mettiamo quattro uova,  gli albumi devono essere ridotti a tre.)  Lasciamo riposare l’impasto e nel frattempo maciniamo l’arista,  la mescoliamo bene,  aggiungendo qualche cucchiaio di parmigiano,  un pizzico di salvia,  uno di aglio infine il cumino ( erbe fresche e tagliate finemente) un po’ di sugo dell’arista e qualche cucchiaio di pangrattato per amalgamare bene il tutto.  Dopo avere passato la padellina con un filo di burro,  facciamo le crespelle e le stendiamo sul piano da lavoro;  esaurita la pastella,  le farciremo e verranno chiuse con cura.  Le stenderemo in una pirofila da forno unta di burro,  metteremo la besciamella leggera e qualche filino di porro.  Inforniamo a 180° per dodici minuti.

Federica   Grazie per la dedica,  ma queste sono state davvero una delizia per il nostro palato.

21/10/2017

 

Elena   Ho due buone ricette,  si tratta di un primo piatto,  diciamo che fa da piatto unico,  e poi  la mia ciambella ripiena.

Federica  Sono qui a tutt’orecchi e palato!

 

PENNETTE  AGLI  SCAMPI

 

Ingredienti:  scampi q.b.,  pennette,  prezzemolo,   limone,  panna acida,  olio extra vergine ,  d’oliva,  parmigiano raggiano, vinaigrette,  sugo di pomodoro  fatto con pomodori,  scalogno e porri,  alloro,  ginepro,  vino bianco,  e scampi spezzettati, un cucchiaio di burro.

 

Esecuzione: lavare e pulire bene gli scampi dalle impurità,  aprirli per togliere il budellino,  metterli tutti  in salsa vinaigrette, e nel frattempo faremo il ragù.  Soffriggeremo lo scalogno e il porro in un cucchiaio di olio,  poi spruzziamo del buon vino bianco secco,  aggiungeremo i pomodori tagliati a piccoli pezzi e spellati,  facciamo sobbollire e quando il sugo sarà pronto passiamo il tutto nel passaverdura.  Aggiungiamo poi due foglie di alloro e qualche bacca di ginepro, lasciamo cuocere ancora un po’ e aggiungeremo la polpa degli scampi e qualche cucchiaio di  panna acida.  Il ragù è pronto per condire le pennette che abbiamo fatto cuocere nel brodo vegetale.  Aggiungeremo una manciata di parmigiano e impiattiamo decorando  piatto con gli scampi.  Gli scampi li abbiamo tolti dalla vinaigrette   e li abbiamo fatti alla piastra,  poi li abbiamo cosparsi leggermente con limone e burro sciolto al vapore.

 

Federica   Che sapori e che bel piatto! Ed ora facci vedere la tua ciambella ripiena.

 

CIAMBELLA RIPIENA

 

 

Ingredienti:  settecento g di farina per dolci,  una bustina di lievito per dolci,  una bacca di vaniglia,  centoventicinque g di burro,  mezzo bicchiere di latte,  tre uova (due per l’impasto e uno per il decoro) buccia di limone grattugiata,  due cucchiai di rum,  e due cucchiai di succo di limone,  duecento cinquanta g. di zucchero.  Per il ripieno:  quattro mele delicius,  vaniglia,  due cucchiai di zucchero,  sei amaretti, mezzo limone spremuto,  cento g di uvetta ammollata in acqua tiepida,  buccia grattugiata di mezzo cedro,  un pizzico di cannella.

 

Esecuzione:  prima facciamo la composta di mele tagliandole a fette non troppo sottili, aggiungeremo la vaniglia, gli amaretti,  il succo di limone,  lo zucchero, la cannella e la buccia di cedro grattugiata.  Portiamo ad ebollizione e spegneremo il fuoco e mettiamo l’uvetta.  Se dovesse esserci ancora del succo,  lo riassorbiremo con un cucchiaio di farina di riso,  facendo attenzione di non farla raggrumare.  Adesso lasciamo raffreddare e poi faremo l’impasto.  Prepariamo il piano di lavoro con la teglia e la carta da forno.  Ora facciamo la fontana con la farina,  lo zucchero,  il lievito,  sbattiamo due uova intere,  incorporiamo il latte, il rum il burro, il succo di limone e faremo un impasto omogeneo che non attacchi alle dita ma non deve risultare troppo  concentrato ossia troppo indurito.  Stendiamo metà dell’impasto sulla carta da forno,  rincalziamo i bordi e metteremo il ripieno  di mele.  Poi,  prendiamo l’altra metà dell’impasto  la stenderemo bene sopra un altro foglio di carta e poi copriremo il tutto,  ritagliamo i bordi,  e pennelliamo con una spuma di uovo sbattuto e la bacca di vaniglia.  Mettiamo in forno a 170° per quaranta minuti;  lasciamo raffreddare il dolce e lo serviremo con un buon passito.

Federica  Che roba!  Mi è venuta l’acqualina solo a vederla!

Elena  Grazie!   E con queste ricette chiudiamo anche questo articolo di cucina.  Al prossimo,  ciao!

 

 

02.10.2017

LE RICETTE DI CASA MIA DUECENTOVENTOTTESIMA PARTE

Author: Elena Lasagna

02/10/2017

 

IN  CUCINA  CON  AMORE  E  CON

 

  FEDERICA

 

Elena   Siamo arrivati al duecentoventottesimo articolo di cucina,  ne abbiano fatte di cotte e di crude,  ma ci siamo anche divertite.

Federica   Sì,  moltissimo

Elena   Abbiamo tre piatti di pasta fresca,  uno più buono dell’altro,  ma con tanta salute dentro ad ognuno di essi.

 

TRIS  DI   PASTA  AL  SUCCO DI UVA

 

 

Come potete vedere qui abbiamo le tagliatelle,  le reginelle, e i fichi secchi.

Ingredienti: farina di semola di grano duro o farina per pasta fresca,  succo di uva bollito,  (per ricavare un colore così scuro bisogna bollire l’uva) un uovo, cinquecento g di farina.

Esecuzione:  impastiamo nella maniera tradizionale,  poi massaggeremo l’impasto fino ad ottenere un panetto vellutato,   poi,  procederemo con  dare forma alla sfoglia, ed ecco il risultato!  Sarà un piatto unico perché oltre alle vitamine dell’uovo ci sono anche quelle dell’uva, con sali minerali,  ricco di antociani.  Questo piatto si può condire con scalogno,  olio extra vergine, carciofi,  speck,  e parmigiano.  Diventerà buonissimo.

Elena  Adesso passiamo ai tagliolini.

 

TAGLIOLINI  AL SUCCO DI

 

ZUCCA

 

 

Ingredienti  per la pasta:  mezzo bicchiere di succo di zucca,  un uovo e cinquecento g di farina per pasta o di semola.  Per il condimento: pancetta steccata,  noci, salvia,  olio extra vergine d’oliva o burro fresco, parmigiano reggiano, uno spicchio di aglio e mezza cipolla dorata,  brodo vegetale,  sale e pepe q.b.,  succo di limone.

Esecuzione:  Come al solito impastiamo l’uovo con la farina e  quasi contemporaneamente metteremo il succo,  poi tireremo la sfoglia sottile al punto che vogliamo e faremo i tagliolini.  Portiamo il brodo ad ebollizione e mettiamo i tagliolini per due minuti circa (dipende da quanto tempo li abbiamo fatti riposare per l’asciugatura).   Come sempre li scoliamo al dente,  e li mettiamo nella padella o casseruola dove abbiamo soffritto con un po’ di olio cipolla e aglio,  poi aggiungeremo la pancetta grigliata,  il burro,  la salvia  e il parmigiano,  un giro di pepe ed è fatta.  Sono squisiti!  E adesso passiamo alle tagliatelle al succo di dragoncello.

 

TAGLIATELLE AL

 

DRAGONCELLO

 

Ingredienti:  ancora una volta come nelle ricette sopra metteremo un uovo,  con mezzo bicchiere di succo di dragoncello,  la farina scelta e procederemo con le tagliatelle. Ingredienti per il condimento: una spigola,  olio extra vergine d’oliva,  pomodorini secchi,  pomodori freschi da insalata,  porro,  peperoncino,  un cucchiaio di panna acida,  brodo vegetale, parmigiano o pecorino quanto serve.

 

Esecuzione:  Dopo aver eseguito le tagliatelle,  le mettiamo a cuocere nel brodo per qualche attimo,  le scoliamo al dente,  poi andranno nel soffritto di porro,  con i pomodorini secchi e quelli freschi prima saltati in padella.  Aggiungeremo la crema di spigola passata al mixer o frullatore, con l’olio e spezie, incorporiamo un po’ di panna acida,  l’olio,  il formaggio,  un goccio di succo di uva non bollito e un giro di peperoncino.  Anche questo piatto è squisito davvero.

 

Federica   sinceramente sono davvero entusiasta di provarle  perché queste ricette oltre ad essere sane sono molto buone.

03/10/2017

 

Elena    Domenica ho fatto il budino ai frutti di bosco,  come dolcificante ho aggiunto il miele,  è venuto benissimo e anche molto più buono di quando usavo lo zucchero.

 

BUDINO AI FRUTTI DI BOSCO

 

Ingredienti:  frutti di bosco freschi (more due scatole,  due scatole di mirtilli, e una di lamponi e un sacchetto di frutti di bosco misti surgelati,  miele q.b.,  farina per dolci senza il lievito, un cucchiaio colmo per ogni mestolo di succo,  (circa novanta ml cad.).

Esecuzione:  lasciamo scongelare i frutti di bosco,  poi li incorporiamo alle more,  ai mirtilli e ai lamponi freschi.  Li porteremo ad ebollizione e poi li passeremo sopra ad un colino.  Misuriamo la quantità del liquido e poi procederemo con la farina e a fine cottura aggiungeremo il miele.  Lo sistemeremo in uno stampo,  che andrà in frigorifero per alcune ore,  poi lo verseremo in un piatto da portata con frutti di bosco caramellati.

 

Federica   Ricordo quella volta quando l’hai fatto a casa mia,  è piaciuto a tutti,  è semplice ma allo stesso tempo molto potente nei suoi gusti.

o4/10/2017

 

Elena   Che ne dici di cucinare il pollo,  anzi il petto di pollo,  alle quattro stagioni?

Federica   Con i sapori delle quattro stagioni è il massimo,  anche perché il pollo lo preferisco elaborato nei sapori e non  al naturale,  sempre distaccati tra di loro e mai che uno si senta più dell’altro o che uccida i sapori veri.

Elena   Tu sei una buongustaia e anche una grande cuoca!

 

POLLO ALLE QUATTRO

STAGIONI

 

Ingredienti per sei persone:  un bel petto di pollo grande,  una cipolla,  uno spicchio di aglio,  funghi misti, peperone giallo e rosso,  pomodori,  fagiolini,  spezie miste,  salvia e rosmarino,  olio extra vergine d’oliva,  vino bianco secco,  un po’ di senape,  cerfoglio e dragoncello.

Esecuzione:  tagliamo il pollo a pezzetti,  lo mettiamo a marinare con il vino,  le spezie e i sapori delle erbe.  Poi lo faremo rosolare con aglio e cipolla tagliata fine, aggiungeremo il succo della marinatura e procediamo con la cottura. Una volta cotto,  faremo una salsa con olio sale,  pepe e senape,     incorporiamo questa salsa insieme alle verdure scottate  e formeremo il piatto.  Eccolo in alto!

 

Federica   Invitante,  gustoso  con il calore della casa.

 

Elena  Grazie!

06/10/2017

 

 

Elena   Due spaghetti con il baccalà?  Cosa ti fanno pensare?

 

Federica   Che sono buoni fin troppo!

 

Spaghetti  e baccalà

 

 

Ingredienti: spaghetti q.b.,  sugo al pomodoro, tre acciughe,   baccalà,  cavolo cappuccio,  origano,  latte,  capperi,  aglio,  porro, olio extra vergine d’oliva,  prezzemolo,  senape, basilico, noce moscata,  brodo vegetale,  due cipolle bianche,  pangrattato e qualche cucchiaio di parmigiano.

 

Esecuzione:  dopo avere dissalato il baccalà lo taglieremo in pezzetti circa otto per otto cm,  lo marineremo con un po’ di latte,  noce moscata,  aglio,  pepe e prezzemolo. Poi lo metteremo in forno con un po’ di atte e un soffritto di cipolle bianche,  un po’ di pangrattato e parmigiano grattugiato. Lo faremo cuocere a calore medio.  Una volta tolto dal forno lo impiatteremo aggiungendo un soffrittino di aglio,  prezzemolo  e capperi.  Nel frattempo abbiamo fatto stufare il cavolo cappuccio tagliato molto sottile,  abbiamo aggiunto un po di aceto di mele e un po di succo di ribes bianco, sale,  pepe,  prezzemolo,  cerfoglio,  e aglio.  Una volta raggiunta la cottura li irroreremo con un po’di olio.  Adesso mettiamo gli spaghetti a cuocere nel brodo vegetale e li scoleremo al dente;  li tufferemo nel ragù,  dove abbiamo messo anche origano e basilico e qualche cappero,  li mantechiamo e per finire aggiungeremo l’olio e il parmigiano.

 

Federica   Sono di un goloso!   Ciao buon fine settimana in compagnia di tanta simpatia!

 

09/10/2017

 

Elena  Hai visto che ce l’ho fatta?  O credevi che non arrivassi più?  Bene tanto per cominciare facciamo le ricetta di gelato ai tre gusti che abbiamo fatto insieme.

Federica   Con queste giornate meravigliose mi viene la voglia di gustare il gelato,  e se si più fare in casa meglio,  così è già pronto;  certo che i gusti dell’ultima volta sono davvero combinati bene,  squisiti,  questo gelato è piaciuto molto.

 

Gelato ai frutti di bosco,  banana e

cioccolato

 

Ingredienti per il gelato alla banana:  trecento g di polpa di banane,  centotrenta g di zucchero,  cento g di panna,  cento g di latte, un cucchiaio di succo di limone.  Per il gelato al cioccolato:  trecento g di latte intero,  cento g di panna, centoventi g di zucchero,  duecentotrenta  g di cioccolato fondente (non amaro) .  Ingredienti per il gelato ai frutti di bosco:  quattrocento g di frutti di bosco freschi,  (lamponi,  fragoline di bosco e il 30% di mirtilli e more)  180 g di zucchero,  duecento cinquanta g di panna,  20 g di latte intero.

 

Esecuzione:  frulliamo i frutti di bosco con metà dello zucchero,  poi li passiamo al setaccio,  e a parte misceliamo il restante zucchero con il latte e la panna.  Mescoliamo il tutto e versiamo il composto nella gelatiera già fredda.  Gelato alla banana:  frulliamo la polpa di banane con lo zucchero,  aggiungiamo il cucchiaio di succo di limone,  poi,  incorporiamo il latte e la panna mescolando bene,  versiamo l tutto nella gelatiera e dopo trenta minuti il gelato sarà pronto;  lo metteremo per mezz’ora nel freezer insieme all’altro e procediamo con il terzo gelato che è al cioccolato.  In una casseruola scaldiamo la panna ma non la porteremo ad ebollizione,  scioglieremo il cioccolato fatto a piccoli pezzi,  incorporiamo lo zucchero,  lasciamo raffreddare,  per ultimo versiamo anche il latte e lo amalgamiamo al resto.  Metteremo il tutto nella gelatiera e dopo trenta minuti lo possiamo mettere mezz’ora al fresco,  terminato il tempo di attesa formeremo le palline e lo serviremo nel piatto.  Eccolo.

 

Federica   La bontà nel gelato è proprio questa qua.

Elena  Grazie!  Al prossimo articolo

 

 

 

 

17.09.2017

LE RICETTE DI CASA MIA DUECENTOVENTISETTESIMA PARTE

Author: Elena Lasagna

17/09/2017

 

IN  CUCINA  CON  AMORE  E CON

 

FEDERICA

 

Elena   Ho una ricetta di pesce con cipolle tropea in agrodolce.

 

Filetti di pesce misto alla piastra e tropea

 

 

 

 Ingredienti:  pesce san pietro, cernia, sogliola,  pangrattato fine,  una noce di burro,  sale e pepe q.b.,  una spremuta di agrumi misti,  cerfoglio,e origano freschi  tritati, aceto di acero,  cipolle tropea,  aceto balsamico di Modena, miele, vino rosato, un ciuffetto di prezzemolo,  olio extra vergine,  cannella e chiodo di garofano.

Esecuzione:  dopo aver pulito il pesce lo lasciamo macerare per un quarto d’ora nel succo di agrumi(lime,  limone, pompelmo).  Nel frattempo puliamo le cipolle e le taglieremo a tocchetti, le mettiamo nella casseruola con il miele,  una punta di cannella e un chiodo di garofano, aggiungeremo il vino e l’aceto;  porteremo il tutto ad ebollizione e poi lasciamo cuocere a fuoco moderato,  infine aggiustiamo di sale e pepe e serviremo insieme al pesce.  Ora prendiamo i filetti di pesce,  li impaniamo  con incorporate le erbe,  sale e pepe,  li mettiamo sulla piastra a calore moderato,  li giriamo lentamente e li rigiriamo, per circa cinque minuti e saranno pronti da gustare con le tropea.

Federica  devo proprio dirti la verità:  le tue ricette non sono solo sane ma hanno un gusto equilibrato e soddisfano anche i palati più raffinati.

Elena  Grazie!

19/09/2017

 

Elena  Anche oggi ho una ricetta sana e bene equilibrata,  sono le farfalle di pasta fresca in brodo di verdure fresche e fagioli.

 

FARFALLE DI PASTA FRESCA

 

 

 

 

Ingredienti:  farina di semola o per pasta fresca,  uova, olio extra vergine d’oliva,  sale e pepe q.b., un pezzetto di gambuccio di prosciutto, pomodori freschi, patate,  cipolla rosata, friggitelli,  carote,  sedano, mezzo bicchiere di vino bianco o rosato, una foglia di alloro, un pizzico di origano fresco,  qualche foglia di basilico, due bacche di ginepro,  fagioli borlotti, peperoncino, qualche ago di rosmarino,  parmigiano reggiano grattugiato.

 

Esecuzione: tagliamo la cipolla a fettine,  la rosoliamo in un cucchiaio di olio,  sfumiamo col vino, e aggiungeremo le verdure tagliate a pezzi,  i fagioli, l’osso di prosciutto, le erbe e mettiamo l’acqua che ci servirà. Facciamo cuocere lentamente il tutto, e nel frattempo taglieremo a pezzetti i friggitelli,  li passeremo in padella, e poi faremo la pasta.  Quando il brodo sarà pronto,  verseremo la pasta, e alla fine metteremo i friggitelli e il parmigiano. Ecco il piatto nella foto in alto:  questa ricetta ovviamente va servita  nella zuppiera,  io l’ho versata in un piatto perché la possiate vedere meglio.

Federica     Molto gustosa ,  gustosissima.

21/09/2017

 

Elena   Voglio mostrare i dolcetti dell’ultimo momento,  l’importante è avere  in frigorifero la pasta sfoglia fatta il giorno prima,  poi per cuocere questi dolcetti è una cosa abbastanza veloce.

 

Dolcetti dell’ultimo momento

 

 

Ingredienti: pasta sfoglia fresca possibilmente fatta in casa, è importante che sia ben cotta e friabile,  così risulterà più leggera,  anzi molto leggera (questa ricetta l’ho già data diverse volte). Crema chantilly, pere, cioccolato fondente,  zucchero a velo con vaniglia, rum, un po’di scorza di limone grattugiata (solo la parte gialla).

Esecuzione: tagliamo la pasta sfoglia a piccoli quadrati, poi in una parte stenderemo la crema chantilly e la copriremo con le pere fatte prima caramellare in una padella,  poi le guarniremo con della granella di cioccolato.  l’altra alternativa stendiamo il cioccolato fondente sciolto nel latte per farlo diventare crema e poi metteremo le pere e un po’ di zucchero a velo.

Federica  Questo dolce è semplice ma grande,  perché esprime fragranza,  sapori e dolcezza,  molto gradevole per non dire squisito;  molto adatto per la merenda dei bambini.

E adesso regalaci una battuta ironica,  grazie.

Elena  Questa volta invece della battuta ironica ti racconto quello che ho scoperto.  Sai che nella foresta tropicale esiste una iena che si chiama ” granpalle” ? Si nutre esclusivamente di sterco di tutti gli animali,  è come uno spazzino,  infatti dove c’è questo animale la foresta è un po’ malnutrita, perché lui e lei mangiano tutto quel concime lì.

Federica  Non riesco a capire se è verità o se invece… comunque la cosa non è triste,  per essere degli animali!

22/09/2017

 

Elena   Vogliamo pensare a una ricetta che piace ai bambini e che fa molto bene?  Si tratta del riso cotto nel latte,  è stato un piatto goloso della mia infanzia.

 

RISO  COTTO NEL LATTE

 

Ingredienti:  per quattro persone:  500 ml di latte,  una pera abate o wiliam, cioccolato fondente,  o cacao amaro, un cucchiaio di miele, una bacca di vaniglia,  un bicchiere di riso per zuppe.

Esecuzione:  mettiamo a scaldare il latte,  appena arriva ad ebollizione mettere il riso e le pere a piccoli pezzi,  cuocere a fuoco lento fino a cottura ultimata.  Infine aggiungere il miele e dopo avere fatto le porzioni mettere un po’ di cacao amaro o cioccolato grattugiato.  Sempre con gli stessi ingredienti  e la stessa esecuzione ho un’altra variante di questo piatto delicato,  eccolo!

 

 

RISO COTTO NEL LATTE CON PERE E CREMA DI

ARANCE

 

In questa ricetta ho sostituito il cioccolato con la crema di arance.

Federica   Che delizia per il palato dei bimbi!  E poi sa di salute.

23/09/2017

 

Federica  Non so tu ma a me è venuta la voglia di preparare il goulash.

Elena  Ho una ricetta di mia nonna,  noi lo chiamavamo spezzatino,  ma dagli ingredienti è proprio goulash ungherese.

 

Goulash

 

Ingredienti per quattro persone: seicento g di muscolo bovino,  un peperone,  una cipolla grande rosata,  uno spicchio di aglio,  sugo di pomodoro fatto in casa,  un chiodo di garofano,  un ciuffetto di basilico e un pizzico di cumino, sale e pepe q.b., paprika dolce e piccante,  tre patate medie,  brodo. (Io sfumo con mezzo bicchiere di vino).

 

Esecuzione:  tagliare la cipolla a piccoli pezzi,  e rosolarla in modo perfetto senza bruciarla,  sfumare col vino,  aggiungere la carne e  lasciarla per un minuto a rosolarsi con la cipolla,  poi incorporiamo l’aglio,  la paprika,  cumino,  basilico, peperoni tagliati a pezzetti,  il sugo di pomodoro; faremo cuocere il tutto per qualche minuto  infine  aggiungeremo le patate e il brodo che servirà per la cottura,  poi procederemo  a fiamma bassa (dovrà solo sobbollire).  A fine cottura metteremo sale e pepe.  Eccolo!

Federica   Da vedere sembra squisito!  Anzi,  sono sicura che lo è.

26/09/2017

 

Federica   Non sto più nella pelle,  tanto ho la smania di raccontarti certe cose;  facciamo la ricetta e poi ci prendiamo un caffè.

Elena   Diciamo pure che oggi è la giornata delle sorprese,  ne ho che ne ho… adesso però detto la ricetta di pasta che ho fatto qualche giorno fa. Eccola.

 

LE DOPPIETTE  AL GRAN SAPORE

 

Ingredienti:  pasta fresca o pasta secca,  maggiorana,  dragoncello,  rosmarino,  salvia,  stufato di carne di vitello,  vino bianco secco delle nostre zone,  parmigiano reggiano, olio extra vergine d’oliva,  succo di ribes bianco,  cipolla,  sale e pepe q.b..

Esecuzione:  maciniamo la carne,  poi facciamo un soffritto di cipolla con un cucchiaio di olio,  sfumiamo col vino e aggiungeremo la carne ben tritata con un po’ del suo sughetto,  maciniamo le erbe, intanto metteremo un po’ di rosmarino,  tre aghi,  e due foglie di salvia;  facciamo bollire per qualche minuto poi spegneremo il fuoco, nel frattempo buttiamo la pasta nell’acqua salata,  lasciamola cuocere al dente,  poi la tufferemo nel sugo profumato e saporito,  amalgamiamo un po’ aggiungeremo una manciata di erbe miste e parmigiano,  sì,  anche un giro di olio e di pepe. Il piatto è pronto.

Federica   Che squisitezza ragazzi!  Provatela pure perché è indimenticabile! E adesso via in salotto a chiacchierare davanti ad un buon caffè!  Ciao! Alla prossima.

29/09/2017

 

Elena  Che ne diresti di un piatto di pesce misto?

Federica  Chiudiamo un occhio e lo facciamo!

 

IL  MARE  NEL  PIATTO

 

 

.Ingredienti:  scampi,  capesante,  orata,  sogliola,  aglio,  prezzemolo,  origano,  sale e pepe q.b.,  brodo vegetale,  limone, burro,  sugo di pomodoro fatto in casa, alici, spremuta di ribes bianco.  pangrattato,  olio extra vergine d’oliva, patate al forno,  salvia.

 

Esecuzione:  Prima di tutto puliamo bene il pesce e le conchiglie delle capesante, mettiamo a bollire il brodo di verdure,  poi le mettiamo a cuocere per qualche minuto. Le scoliamo e le avvolgeremo in un velo di pangrattato con un trito di aglio,  prezzemolo,  origano e un cucchiaino di parmigiano,  le mettiamo nella teglia con la loro conchiglia con un po’ di burro e le faremo gratinare  per tre minuti circa.  Poi passiamo alle sogliole,  le sfilettiamo,  le faremo impanate con il pepe e la salvia tritata e un filo di olio.  Poi l’orata sfilettata la metteremo in forno con scalogno,  prezzemolo tritati e un giro di olio.  Infine gli scampi dopo averli aperti li spennelleremo con l’olio e il limone,  andranno sulla piastra per pochi minuti,  poi controlleremo la cottura ed ecco il piatto!  Prima di gustare il tutto si potrà passare il succo di limone,  servire con la bruschetta alle alici e pomodoro con le patate al forno.

Federica  Che bel piatto della domenica!  Fatto come si deve!

Elena  Sì,  ma soprattutto con il cuore.

Elena  E adesso sempre con il cuore faremo la fesa di tacchino,  vedrai sarà strepitosa per il suo grande gusto.

FESA  DI TACCHINO AI FICHI

IN CONTORNO DI PEPERONI, POMODORI E ZUCCA AL FORNO.

 

Ingredienti:  fesa di tacchino,  fichi verdi,  carne da salame macinata e speziata, peperoni ,  pomodori, e zucca. pangrattato fine,  farina doppio zero,  uovo,  rosmarino,  scalogno, olio extra vergine d’oliva,  spremuta di agrumi,  limone,  salvia, cerfoglio, e una punta di coriandolo, solo una piccola puntina.

Esecuzione:  tagliamo a fettine non troppo sottili la fesa,  la metteremo a bagno nella spremuta di agrumi,  nel frattempo griglieremo la carne,  la passeremo ancora una volta al mortaio e insieme ai fichi faremo il ripieno della carne.  Aggiungeremo il rosmarino e poi chiudiamo gli involtini. Adesso li passiamo nella farina,  nell’uovo e nel pangrattato,  poi li metteremo a cuocere nella padella con un po’ di olio, salvia e scalogno tritato.  Nel frattempo abbiamo cotto le verdure al forno,  ecco l tutto!

 

Federica   che bel piatto! E come sarà buono!

Elena  Sì,  è piaciuto molto  perché gli ingredienti sono bene equilibrati e nessuno scaccia l’altro.  E con questa ricetta si chiude anche l’articolo;  arrivederci a lunedì,  in cucina con la pasta fresca.

 

31.08.2017

LE RICETTE DI CASA MIA DUECENTOVENTISEIESIMA PARTE

Author: Elena Lasagna

31/08/2017

 

IN  CUCINA  CON  AMORE  E CON  FEDERICA

 

 

 

Elena  Oggi salutiamo agosto che se ne va,  addio scampagnate,  addio vacanze!  Ma per tirarci su stiamo in allegria.

 

Federica   Una battuta ironica ce la regali?

 

Elena   Sì,  ne ho molte,  e oggi ti racconto quella dei due amici.

 

Due amici si ritrovano in un campeggio,  si fissano, e poi scoprono che erano compagni di liceo.  ” Sei proprio tu?  Sai che se non mi dicevi qualcosa tu io non ti avrei riconosciuto?  Sei cambiato molto in viso!”  E l’altro risponde:  ” Davvero?  E  non hai visto il resto!

 

Federica  Mi fai morire dal ridere!

 

Elena  Se devi morire è sempre meglio morire ridendo!  Ciao Fede,  presto apriremo la cucina.

 

05/09/2017

 

Elena   Ciao a tutti !  E ciao a te cara Fede.  La nostra prima ricetta del dopo vacanze è la torta della fiera “millenaria” di Gonzaga 2017.  Eccola!

 

 

Federica   siamo alle solite,  solo a vederla ne mangerei una fettona enorme.

Elena   Ho fatto questa torta per i miei amici e mi hanno detto che era squisitissima (bambini questa parola non si può dire) ma noi abbiamo già fatto gli esami di italiano.  Dite alle vostre mamme di farvi questa torta deliziosa.  È un’altra versione della torta ai frutti di bosco.

Ingredienti per il pan di Spagna:  otto uova meno due albumi,  quattrocento g di fecola di patate,  la scorza grattugiata (solo la parte gialla) di due limoni grossi non trattati,  trecentotrenta g di zucchero,  centosettantacinque g di olio di mais,  una bacca di vaniglia,  una bustina di lievito per dolci,  teglia dal diametro di cm trentacinque.  Ingredienti per il ripieno e la decorazione:  quattrocento g di zucchero a velo vanigliato, cinquecento g di mascarpone,  tre tuorli,  estratto di limone in due fiale,  un bicchierino di limoncello fatto in casa,  300 ml di latte intero, cinquecento g di frutti di bosco freschi e 250 g di frutti di bosco surgelati,  settanta g di cacao dolce, 200 g di  cioccolato fondente,  un bicchierino di rum e uno di alchermes per dolci.

Esecuzione:  facciamo la torta da forno sbattendo prima i tuorli con lo zucchero,  uniamo a filo l’olio,  e sempre mescolando i semi di vaniglia.  Poi,  mescoliamo il lievito alla fecola,  uniamo gli aromi al limone e sempre mescolando formiamo un impasto cremoso.  Imburriamo la teglia e versiamo il tutto che andrà in forno a 170° per cinquanta minuti.  La torta risulterà friabile e soffice,  la taglieremo in due parti uguali,  poi faremo un incavo  di un cm nelle due parti che andranno in superficie.   Prendiamo il primo disco,  ci distribuiremo l’alchermes per renderlo un poco umido,  il secondo disco lo bagneremo con il rum;  poi abbiamo fatto le creme con le uova,  zucchero a velo, latte e  mascarpone,  l’altra invece abbiamo aggiunto anche il cacao,  poi  una composta di frutti si bosco con quelli surgelati, e abbiamo sciolto il cioccolato fondente nel latte per la decorazione,  infine abbiamo lavato e asciugato tutti i frutti di bosco freschi.  Ora non ci rimane che comporre la torta:  prendiamo il disco imbevuto con l’alchermes,  mettiamo la crema con le uova,  la vaniglia e il mascarpone,  la stendiamo di uno spessore di un cm e mezzo,  sul centro metteremo la composta di frutta,  stendiamo il secondo disco,  lo riempiremo con la seconda crema,  poi guarniremo la torta con i frutti freschi,  sul centro e tutt’intorno,  infine una bella colata di zucchero a velo con la vaniglia.

 

Federica   Che meraviglia!

Elena  Sì,  si presentava bene,  ed mi hanno detto che era divina!  Una fettina piccola di questa torta non fa male a nessuno!  Alla prossima ricetta!  Ciao!

 

08/09/2017

 

Elena   È tempo di patate fresche,  sfoggiamole così:  con palline al sugo di pomodoro e basilico.

 

PALLINE  DI PATATE

 

 

Ingredienti per sei persone:  un kg di patate di montagna,  semola o farina  tipo “0” per pasta fresca,  spezie, un kg di pomodori freschi,  olio extra vergine d’oliva,  parmigiano reggiano grattugiato,  due foglie di alloro,   scalogno, un ciuffo di basilico e origano fresco.

 

Esecuzione:  faremo cuocere le patate con la buccia,  le passiamo per lo schiacciapatate,  aggiungeremo un po’ di spezie,  e avvolgeremo l’impasto su se stesso,  aggiungendo un poco di farina se necessario;  poi,  faremo delle palline.  Nel frattempo abbiamo fatto bollire i pomodori spezzettati,   abbiamo conservato il loro liquido e con la polpa abbiamo fatto il sugo con scalogno,  e le altre erbe sopra elencate,   abbiamo messo le palline nel liquido bollente dei pomodori,  una volta scolate  le abbiamo fatte mantecare nel sugo aggiungendo l’olio e il parmigiano.

Federica   Le ho assaggiate,  e devo dire che nella loro semplicità sono buonissime e anche intense.

 

10/09/2017

 

Elena   Oggi ci facciamo un bel piatto ai funghi:  i cappelletti,  con ripieno di funghi e ragù di funghi.  Eccoli.

Cappelletti con funghi

 

 

Ingredienti: uova,  farina per pasta fresca, salvia,  alloro, parmigiano reggiano,  funghi porcini, funghi pioppini, vino bianco q.b.,  sedano aglio, una cipolla tropea,  pangrattato q.b.,  sale e pepe,  brodo di carne, burro.

Esecuzione:  per prima cosa puliamo bene e tagliamo a pezzetti i porcini,  e dopo aver soffritto l’aglio,  il sedano a piccoli frammenti, spruzziamo col vino e uniamo i porcini.  Li faremo cuocere perfettamente per circa quaranta minuti,  aggiungeremo sale e pepe q.b. ,  poi li mettiamo nel tritacarne,  ne uscirà un impasto omogeneo;  aggiungiamo il parmigiano,  un po’ di pangrattato e il pesto per i cappelletti è pronto.  Adesso facciamo la pasta nel solito modo,  la tiriamo e taglieremo i quadretti che riempiamo con il pesto ai funghi.  Nel frattempo abbiamo  fatto il ragù con la cipolla tagliata finissima, abbiamo spruzzato il vino,  aggiunto l’alloro,  la salvia e abbiamo unito i pioppini tagliati a piccoli pezzi. Poi,  abbiamo cotto i cappelletti nel brodo magro di carne, e li abbiamo mantecati nel ragù di funghi,  infine abbiamo aggiunto un po’ di burro fresco e il parmigiano. E adesso Fede cosa mi dici?

 

Federica  Cosa vuoi che ti dica, che li mangerei subito,  questo aroma di funghi che si accompagna alle erbe aromatiche che hai messo,  con burro e parmigiano poi è la fine del mondo!

12/09/2017

 

Elena   Cosa ne pensi se oggi prepariamo un po’ di carne?

Federica   Dopo tanto tempo una bella bistecca ci sta bene!

SCAMONE  IN SALSA

 

 Ingredienti:  fettine di scamone,  dragoncello,  salvia,  bacche di ginepro, sale e pepe q.b. sedano carote e cipolle,  olio extra vergine d’oliva,  una foglia di alloro;  per il contorno:  zucchine,  prezzemolo, aglio, parmigiano reggiano grattugiato, vino bianco secco,  pepe, olio extra vergine gentile.

 

Esecuzione:  mettiamo le fettine di carne a rosolare in casseruola,  senza grassi.  Poi,  aggiungeremo le erbe, e le verdure tagliate grossolanamente,  un bicchiere di vino bianco secco,  e 500 ml di acqua,  sale q.b.  Lasciamo cuocere lentamente e quando la carne sarà cotta, la metteremo nel piatto da portata con un po’ del suo sugo.  Nel frattempo abbiamo fatto le zucchine,  a piccole fettine,  con un po’ di sale e pepe,  prezzemolo e aglio tritati e parmigiano grattugiato.  Le abbiamo fatte cuocere in forno a 170° per trenta minuti,  poi  le porzioni e abbiamo versato due cucchiai di olio  su ognuna.  Il tutto è risultato saporito e profumato.

Federica  Ci credo perché il piatto ha una bella presenza,  molto invitante.

14/09/2017

 

Elena   Oggi faremo un bel piatto di frutta e gelato, così ci rinfreschiamo la memoria,  anche per ciò che riguarda l’esecuzione del gelato.

Federica  E’ da un po’ che non lo facciamo.

 

GELATO AL MALAGA

 

Ingredienti:  frutta mista tagliata  a piccoli pezzi, centocinquanta g di latte,  200 g di panna, 120 g di zucchero, 30 ml di rum,  due tuorli, 30 g di uvetta.

Laviamo l’uvetta e la poniamo nel rum.  Montiamo i tuorli con lo zucchero, e continuando a mescolare uniamo il latte e la panna (devono essere freddi) Versiamo il tutto nel cestello della gelatiera già a temperatura ideale e dopo trenta minuti  mettiamo l’uvetta e il rum,  giriamo ancora per 10 minuti e il gelato sarà pronto da gustare.

Federica   Bello e gustoso.

15/09/2017

 

Elena   Sai cosa propongo oggi?  Vorrei mostrarti delle paste salate che si possono benissimo presentare come antipasto o come merenda,  eccole.

 

Sfiziosi genuini sempre pronti

 

 

Ingredienti:  l’importante è avere a portata di mano una pasta sfoglia fresca e friabile.  Poi,  si fanno le forme che si desiderano e poi il ripieno:  insalata russa ( maionese fresca,  piselli,  carote, finocchi,  sedano,  fagiolini,  peperoni,  pomodori,  ecc. aceto,  olio, sale e pepe q.b. ,  prosciutto o speck,  pasticcio di carne stufata.

 

Esecuzione:  Le verdure si fanno in piccoli pezzi e si lasciano sulla vaporiera fino a cottura al dente,  poi si condiscono con aceto di mele e salsa maionese fresca.  Poi si fa uno stracotto di carne,  si macina e si unisce un po’ di pecorino, con questo stufato faremo le verdure ripiene;  abbiamo anche le formine di pasta sfoglia,  le riempiremo con l’insalata russa,  un poco di prosciutto,  ecc.  Sono buone e genuine.

Federica,  mi piacciono da matti queste cose,  sono gustose,  e non fanno male alla nostra salute.

Elena  Sono d’accordo con te.