Archive for the 'Ricette di cucina' Category

09/06/2014

IN  CUCINA  CON  FEDERICA

ELENA   Oggi però vorrei iniziare con un dolce, l’ho preparato un mese fa  per un compleanno, è una torta farcita; ne ho fatte altre ma questa è la mandorlata più buona che abbia fatto in tutta la mia vita.

TORTA  MANDORLATA  FARCITA

Mandorlata farcita

Ingredienti: 400 g di mandorle tostate, 500 g. di farina doppio zero, una bustina e un cucchiaino di lievito, 4 uova  e un tuorlo, 320 g di zucchero semolato, 150 g di zucchero a velo, un bicchierino di liquore ai fiori d’arancio, 100 g di burro fresco, tre albumi per la meringa, sciroppo di acero, due banane, un limone, amarene sciroppate (fatte a bagnomaria e conservate), composta di cedro.

Esecuzione: facciamo un bell’impasto omogeneo con le uova, lo zucchero, poi incorporiamo il burro a temperatura ambiente, il liquore, e adesso mettiamo le mandorle tritate 300 g ,e la farina insieme al lievito. Abbiamo la teglia pronta dal diametro di 22 cm, imburrata e infarinata; abbiamo anche le banane in composta con zucchero e limone, lo sciroppo di acero, e la composta di amarene che andrà miscelata con 50 g di mandorle in farina. Adesso mettiamo uno strato di torta nella teglia, poi copriremo con la composta di banane e la composta di cedro, e l’altra metà con la composta di amarene lavorata con sciroppo di acero e farina di mandorle. Adesso copriremo con il resto dell’impasto e la metteremo in forno a 170° per 55-60 minuti, controlliamo la cottura. Quando la torta si sarà raffreddata la guarniremo con 50 g. di mandorle sfilettate e la meringa fatta in precedenza con gli albumi e lo zucchero a velo, cospargeremo ancora un po’ di zucchero velato e la torta è squisita!

FEDERICA   Ricordo di quel pomeriggio, non ne rimase nemmeno una fetta!  Chi meglio dei bambini può darti un giudizio sui dolci?

ELENA     Sì, ricordo,  questa torta ha sbalordito anche i grandi. Ciao Fede a domani.

10/06/2014

ELENA    Ecco il piatto che mi hai chiesto ieri,  è un misto di carne pressata  con verdure stufate e piselli.

FEDERICA    Non vedo l’ora di fare questa ricetta!

RUOTA  DI  CARNE  CON  VERDURE  STUFATE  E PISELLI

ruota di carne mista in contornodi stufato e piselli

Ingredienti: due dischi di patate, sugo di pomodoro, basilico, peperoncino, una grossa cipolla, piselli, un peperone giallo, pomodori secchi, salvia, basilico, origano, vino bianco, 300 g di carne suina mista (carne da salame  e carne da prosciutto macinate).Rosmarino, olio extra vergine d’oliva, pastella con farina di grano tipo “0” e farina di riso mescolate al 50%, acqua minerale, una mela al forno.

Esecuzione: facciamo una bella ruota con la carne macinata, la condiamo con le spezie e l’aglio, la pressiamo adoperando uno stampo; nel frattempo mettiamo le mele a cuocere in forno. Adesso cuoceremo la carne in una casseruola riscaldata, aspetteremo che cuoccia la prima parte, poi la giriamo e sempre a fuoco acceso rosoleremo anche l’altra parte. Ora abbassiamo la fiamma, mettiamo un mezzo bicchiere di vino bianco e un mestolo di brodo di carne, dopo 20 minuti controlleremo la cottura. Intanto tagliamo la cipolla a fettine molto sottili, la rosoliamo, con poco olio, spruzziamo il vino, poi, metteremo anche il sugo di pomodoro, i pomodori secchi ammollati e tagliati a fettine, il peperone, e i piselli al dente cotti a vapore, aggiustiamo di sale, peperoncino, basilico, origano e salvia, aggiungiamo un po’ di brodo, lasciamo cuocere 10 minuti, quando il tutto  si sarà raffreddato aggiungeremo l’olio; metteremo nel piatto da portata la carne con la mela come guarnizione, lo stufato di piselli, e le due rondelle di patate in pastella fritte con il rosmarino.

FEDERICA   Ricordo di averlo assaggiato  era buonissimo ed anche leggero,sì perché cucinato così senza grassi cotti è più digeribile.

ELENA    Domani  avrò una tua ricetta?

FEDERICA     Certamente! Sarà una sorpresa.

11/06/2014

FEDERICA    Mi dispiace ma di questa ricetta  non ho ancora la foto. Si tratta di uno spezzatino di pesce ai ferri in salsa speciale.

SPEZZATINO  DI  PESCE  AI  FERRI

Ingredienti. un trancio di salmone, uno di pesce spada, e un filetto di sarago.Prezzemolo, capperi, olio extra vergine d’oliva, mandorle pelate e tritate pinoli tritati, una cipolla grossa, vino bianco secco, filetti di ananas, un mango, limone, un cetriolo, sale, pepe.

Esecuzione: abbiamo  davanti i tranci di pesce, li tagliamo a pezzetti (8 cm x 8 ). Adesso li mettiamo in una salsa di olio e limone, poi prepariamo la salsa mettendo ad appassire la cipolla tagliata fine con un po’ d’olio, aggiungeremo 100 g di sugo di pomodoro fatto precedentemente, poi aggiungeremo i pinoli, le mandorle, il vino mezzo bicchiere, sale e pepe,e lasciamo cuocere. Ora mettiamo il pesce sulla griglia, lo dobbiamo cuocere e rosolare  a puntino; una volta cotto lo metteremo in un grande piatto da portata, cospargeremo i capperi, prezzemolo tritato e aggiustiamo di sale e pepe, un filo d’olio e serviremo con l’altra salsa irrorata di olio, il cetriolo condito,  l’avocado condito col limone e olio e dalla parte i filetti di ananas spruzzati di brandy e fiammati.

ELENA  Che sciccheria! Degna del tuo ristorante. Brava.

FEDERICA   Grazie!  Spero che la tua serata sia piena di musica! Ciao, ciao.

17/06/2014

ELENA   Ho un piatto di fettine di carne impannate e in padella ,poi, messe in salsa. Le ho fatte per pranzo a casa del dottor Robert e Linda; in contorno di indivia riccia. Eccola nella foto.

FETTINE  DI  CARNE  IN PADELLA

 

FETTINE DI CARNE IN PADELLA (3)

Ingredienti  per 5 persone: 5 0 6 fettine di carne tenera, cipolle rosse, finocchietto selvatico, pepe, sale q.b. pangrattato fine, limone, un mestolo di brodo di carne, rosmarino.

Esecuzione: mettiamo le fettine nell’olio e limone per due ore. Le tamponiamo con la carta da cucina, le stendiamo dove abbiamo soffritto la cipolla rossa, aggiungeremo gli aghi di rosmarino, sale e pepe, il brodo. le lasciamo cuocere per 20 minuti fino a quando si saranno asciugate dal brodo, poi aggiungeremo il sugo di marinatura, le faremo rosolare senza bruciarle, decoriamo con il finocchietto selvatico e  le serviamo con l’indivia riccia.

FEDERICA   Sai cosa devo dirti? Che possono rubare le foto, le ricette fin che vogliono ma qualsiasi piatto, lo stesso piatto non sarà mai uguale a nessuno, o perché c’è l’ingrediente segreto o sarà per la mano ma è proprio così! Nessuno lo farà mai uguale!

ELENA  Su questo sono pienamente d’accordo, ed è qui che si vede l’arte di una persona o la pastrocciata! Ma il punto è un altro: non vedo che soddisfazione ci sia aprire un sito di cucina e mettere ricette e foto che appartengono a qualcun altro, senza nemmeno sapere come si cucina o può succedere che si prendano le foto ancora prima di….. Mi sembra assurda questa fobia… anzi è ignobile!

18/06/2014

FEDERICA    Vediamo se la mia ricetta della trippa ti soddisferà, ora ti detto la mia ricetta.

TRIPPA  AL  SUGO

Ingredienti: trippa bovina per 6 persone. Due cipolle da intingoli, due coste di sedano, due carote, uno spicchio di aglio, prezzemolo tritato, origano, dragoncello, un ciuffo di basilico, piselli, un peperone piccolo (friggitelli) pepe, sale, peperoncino, vino rosatello, sugo di pomodoro o pelati 300 g, 1/2 cucchiaio di farina di riso o fecola, tre chiodi garofano, una punta di cannella, brodo vegetale, olio extra vergine d’oliva.

Esecuzione: tagliare finemente le cipolle, metterle a soffriggere in poco olio, tagliare finemente tutte le altre verdure metterle nel soffritto insieme al sugo di pomodoro, e ai filettini di trippa; sfumare col vino, salare e pepare, mettere il peperoncino, i chiodi di garofano e la cannella, il dragoncello, l’origano e il basilico, incorporare il brodo, mettere il coperchio e fare sobbollire per tre ore circa. A cottura ultimata la trippa  dovrebbe essere quasi senza liquido, quindi aggiungere il 1/2 cucchiaio di farina, stemperandola bene, mescolare il tutto, aggiungere il prezzemolo tritato, ancora un po’ di basilico, aggiustare di sale e versare l’olio.

FEDERICA    Cosa te ne pare?  Vorrei saperla fare anche in un modo diverso, cosa mi suggerisci?

ELENA  Parla da sé, deve essere di una bontà fuori dal comune. Anche questa volta ti dico: brava!  A domani, te ne suggerirò un’altra.

06.06.2014

NELLE STORIE DI TUTTI I GIORNI SETTE

Author: admin-ele

06/06/2014

 

Che cosa consiglieresti ad un genitore di fronte alla persecuzione di un pedofilo?  E ad una donna che cosa consiglieresti in caso di un presunto  predatore?

Annalisa

Non è certo cosa facile allarmare i figli di continuo, anche perché andranno in paranoia, ma si può benissimo metterli in guardia da vicini, parenti, e sconosciuti. Non accettare mai di allontanarsi con una scusa qualsiasi dal gruppo o da soli con una persona più grande o anche con qualcuno che si conosce: per esempio l’amico di papà, lo zio troppo accondiscendente,  la persona che hai conosciuto per dei lavori fatti in casa, specialmente se a lungo andare diventa un po’ strano. Comunque per ogni cosa sospetta avvisare sempre i genitori. È vero spesso sono persone insospettabili e attaccano la vittima con vigliaccheria, approfittando della buona fede o dell’innocenza dei bambini, poi si comportano come bestie feroci e spesso uccidono e occultano il cadavere. Io credo che quel genere di  umano debba essere smascherato per non perderlo mai di vista! È assetato di potere, esaltato dal senso di possesso,  e credo anche che queste persone non guariranno mai perché non vogliono cambiare. La stessa cosa vale anche per i predatori di donne: non addentrarsi nei parchi da sole o in luoghi isolati; un’altra cosa importante sarebbe quella di frequentare una scuola di arti marziali o di autodifesa, e ovviamente stare sempre in guardia; non cedere mai alle lusinghe di corteggiatori galanti specialmente se hanno famiglia: quelli sono i più pericolosi e maniaci del sesso, e soprattutto cercare di capire chi è, che cosa vuole la persona che ti insospettisce, cerca di saperne di più prima che lui si comporti da stalker.

Elena  Lasagna

 

 

03/06/2014

IN  CUCINA  CON  FEDERICA

CROSTACEI  MOLLUSCHI  PESCI

ELENA    I pesci hanno carni delicate e saporite, simili per composizione a quelle dei mammiferi, ma molto più ricche di sali minerali, come calcio, fosforo, iodio e vitamine.

Si ricorre quindi ad essi come ad alimenti calcificanti e riparatori del sistema nervoso e si usa inoltre l’olio estratto da taluni pesci come efficace ricostituente.

Il pesce fresco si riconosce dalla  sodezza delle carni, dalla lucentezza e saldezza delle squame, dalla vivacità dell’occhio, e dal colore rosso vivo delle branchie. Il pesce che abbia carni viscide, l’occhio infossato, le branchie aperte e scure e che immerso nell’acqua tenda a galleggiare dimostra di avere iniziato il processo di decomposizione e quindi non più commestibile!

  A queste notevoli doti il pesce accoppia pregi di appetibilità e digeribilità che ne favoriscono la pronta e completa assimilazione.  Nonostante i suoi buoni requisiti, è meno consumato rispetto alle altre carni, perché la ricchezza d’acqua ne rende difficile la prolungata  e perfetta conservazione: nessun altro alimento ha come questo tendenza a decomporsi e per nessun altro alimento quindi bisogna usare tanta prudenza nella scelta. Però è anche vero che i controlli sono sempre lì in agguato!

FEDERICA    Sei pronta a ricevere le mie ricette?

ELENA    Sì, sono tutt’orecchi!

FEDERICA    Incominciamo dai primi piatti: la pasta al ragù  di pesce.

 PENNETTE   AL SALMONE E TRIGLIE

pennette al ragù di pesce (2)

Ingredienti: pennette, olio extra vergine d’oliva, sale q.b. peperoncino, limone verde, dragoncello tritato, aglio, erba cipollina, parmigiano grattugiato, brodo vegetale, triglie stufate, salmone al forno in lamelle sottili, zenzero.

Esecuzione: per prima cosa mettiamo a stufare le triglie con gli aromi che desideriamo: per esempio sugo di pomodoro, cipolle basilico, poi toglieremo tutte le lische, e continueremo col salmone che abbiamo messo in forno e quando avrà raggiunto la giusta consistenza lo taglieremo a lamelle sottili. Adesso buttiamo le pennette nel brodo vegetale bollente, le toglieremo al dente, le mantechiamo col sugo delle triglie, aggiungiamo in seguito il salmone, l’olio, il limone grattugiato, il peperoncino, l’erba cipollina e l’aglio intero che poi toglieremo, il dragoncello, una grattugiata di zenzero, infine una manciata di parmigiano; giriamo ancora un po’ e la pasta al sugo delizioso è pronta per essere gustata con un bel prosecco  del Trentino o delle nostre zone.

ELENA   Bravissima cara Fede,  sono certa che se continuerai così il tuo ristorante presto sarà strapieno! Nell’augurarti una magnifica serata  ti do l’appuntamento a domani qui.  Ciao!

04/06/2014

FEDERICA   Oggi lascio a te l’onore di presentare una ricetta a base di pesce.

ELENA   Perché  non con il pesce povero? Si possono ottenere ricette strepitose anche con poca spesa. Ti posso presentare del carpaccio di tonno E  CARCIOFI RIPIENI DI ALICI.

CARPACCIO  DI  TONNO

IN CONTORNO DI CREMA DI CIPOLLE BIANCHE

carpaccio  di  tonno

Ingredienti: un trancio di tonno tagliato sottile, 25 alici, origano, prezzemolo aglio, quattro cipolle bianche, olio extra vergine d’oliva, aceto bianco di mele, sale, pepe, rosmarino, due limoni, 2 carciofi grandi, 2 chiodi di garofano, pangrattato fine, cipollotto,origano.

Esecuzione: mettiamo le fettine di tonno in concia ben distese con succo di limone, un trito di rosmarino, cipollotto , origano e olio, spruzziamo anche un po’ di aceto di mele.

Mettiamo le alici sulla piastra, (le abbiamo ben lavate e tolto la lisca) le pestiamo al mortaio insieme al prezzemolo e aglio, un po’ di pepe, pangrattato,  facciamo un bell’impasto e riempiamo i carciofi che andranno in casseruola con un po’ di brodo vegetale e cuoceremo per 15 minuti, poi li irroriamo con poco olio. Abbiamo messo a stufare le cipolle con acqua ,  un po’ di aceto, chiodi di garofano; ora le sbricioliamo con la forchetta e li condiremo con olio aceto e sale. Dopo alcune ore prendiamo il carpaccio lo adageremo sulla crema di cipolle fetta su fetta, lo presenteremo con i carciofi ripieni.

ELENA   Ti piace questo piatto?

FEDERICA    Anche troppo! Davvero  grande!

ELENA    Diciamo che è buono e fresco e anche di buon gusto.

FEDERICA   Una di queste sere verrò a prenderti e ti farò assaggiare i nuovi piatti. Anzi invito anche Robert e Linda. Buona serata anche a te!

05/06/2014

ELENA    Continuiamo con l’argomento pesci, crostacei e molluschi. Vi sono pesci di mare, generalmente più saporiti, e pesci di acqua dolce; pesci a carne bianca (sogliola, triglia, trota, merluzzo, s.pietro, coda di rospo, spigola di lago e di mare, orate,  ecc.) , pesce a carne rossa ( salmone, tonno, acciughe, ecc.) pesci grassi (murena, anguilla, pesce gatto ecc) molto nutrienti ma un poco indigesti. La scelta è quindi estremamente varia ed altrettanto può dirsi dei metodi di preparazione e di cottura. Tutti i pesci sono ottimi bolliti e conditi con olio e limone e a piacimento anche con le erbe aromatiche, con le salse, compresa quella di pomodoro.

In  quanto alla conservazione si può conservare in svariate maniere; essicato (merluzzo), affumicato aringhe), in salamoia (acciughe, sardine), sott’olio (tonno, sgombro,, salmone, alici ecc), marinato ( trote, anguille), congelato  e in tali forme viene consumato più che fresco.

I crostacei:   (Aragoste, scampi, gamberi, seppie, i polpi,, le chiocciole ecc). Hanno carni bianche e finissime, nutrienti e saporite. Bolliti e conditi costituiscono un cibo assai ricercato e appetitoso.

 I  molluschi: (ostriche, i calamari, le seppie, i polpi ecc: tutti animali diversi fra loro, ma ugualmente nutrienti e gradevoli.

TAGLIATELLE  CON  LA  CLOROFILLA  DELLA  MENTA

 AL  SUGO  DI  MOLLUSCHI E  CROSTACEI

tagliatelle  con il verde della menta (2) - Copia

Ingredienti: cozze, scampi, seppioline, code di gamberi. Olio extra vergine d’oliva, sale, pepe, peperoncino, pomodoro pelato, origano, basilico, timo, limone, aglio, cipolla, prezzemolo, vino bianco secco. Per la pasta: una manciata di foglie di menta dolce passate nel frullatore, due uova, semola di grano duro, parmigiano grattugiato.

Esecuzione: puliamo e laviamo accuratamente le cozze e i crostacei, dopo avere messo in casseruola le cozze, toglierle dal guscio e metterle nella padella dove abbiamo fatto il soffritto con cipolla, pomodori pelati, basilico, origano. nel frattempo mettiamo gli scampi sulla griglia, e i gamberi dopo avere tolto il filo del budellino li cuoceremo a vapore, li passiamo nel trito aglio, prezzemolo e olio poi, andranno nella padella. Intanto gli scampi si sono ben cotti e dorati, li irroriamo un po’ col limone e li lasciamo in caldo. adesso buttiamo le tagliatelle a cuocere nel brodo vegetale e a cottura al dente le mantechiamo nella padella del sugo. aggiungeremo un poco di pepe, e una cucchiaiata di parmigiano, gli da quel gusto in più di contrasto. Mettiamo la pasta nel vassoio di portata e decoriamo con gli scampi, facciamo un giro di olio ed ecco che piatto!

FEDERICA   Da buongustai! Veramente ottimo e raffinato! Sai? questo è uno dei migliori in assoluto!

ELENA   Grazie!  l’ultima ricetta di questo articolo me la darai tu domani.

FEDERICA   D’ accordo  stasera farò un esperimento ! A domani.

 

06/06/2014

 

FEDERICA     Sai? Restando sempre  in tema di pasta condita col pesce ho pensato ai tagliolini fatti in casa con metà uova e l’altra metà con bucce sottili di cedro e limone centrifugate e poi diluite con acqua.  Ebbene,  le ho fatte ieri sera, le ho condite con le acciughe e s. pietro. Il risultato è stato per me soddisfacente, mentre per gli altri hanno esclamato prelibato!  Ti detto la ricetta.

Ingredienti: semola di grano duro, due uova, due limoni e un cedro (solo le bucce sottili, la parte gialla) acciughe  sott’olio, s, pietro al vapore, cipolla, prezzemolo dragoncello, olio extravergine d’oliva, sale e pepe, poco parmigiano, prezzemolo tritato, cipolla dorata, vino bianco.

 

Esecuzione: mettiamo subito il s.pietro  al vapore, dopo avere spruzzato un po’ di succo di limone. Facciamo il soffritto di cipolla tagliata sottilissima e le acciughe. Quando si saranno intiepiditi verseremo l’olio, e metteremo anche il pesce spolpato e tritato finemente, poi aggiustiamo di sale e pepe, metteremo il prezzemolo e dragoncello. Buttiamo i tagliolini nell’acqua e sale, toglieremo al dente poi, li mantechiamo nel sugo alla fine mettiamo una manciata di parmigiano o pecorino romano e un altro giro d’ olio. La pasta sarà non solo gustosa ma agli occhi si presenterà ben compatta e allo stesso tempo ben amalgamata.

ELENA   Senza ombra di dubbio è squisita!

 

26/05/2014

IN  CUCINA  CON  FEDERICA

FEDERICA   Perché non parliamo delle carni suine? Anche perché questo tipo di carne piace a tutti. È vero che fa male alla salute?

ELENA    Incomincio dall’ultima domanda, se non ci sono patologie o disturbi come la gotta ecc. è come le altre carni mangiarne con moderazione non fa male a nessuno. La carne suina è molto più grassa e compatta delle altre ed anche più saporita; richiede una cottura accurata e prolungata, capace di distruggere i parassiti (tenia e trichina) che sovente si annidano. Con la carne fresca di maiale si preparano arrosti e braciole, mentre le frattaglie, come il fegato, il sangue e altro si impiegano per preparare saporiti piatti caratteristici.  La maggiore quantità di carne suina viene conservata sotto forma di prosciutti e di insaccati e le parti più grasse vengono salate (lardo, ventresca) o fuse (strutto). Il lardo è costituito dallo strato adiposo che si forma sul dorso dei suini. Diviso in due mezzene, salato a più riprese e lasciato stagionare per alcuni mesi, diviene un saporito condimento per pietanze rustiche. Il lardo di buona qualità è bianco, elastico, profumato, perfettamente fusibile; la sua conservazione è difficile perché tende con facilità ad ingiallire ed irrancidire. Le parti addominali dei suini vengono salate, arrotolate e legate fra loro in modo da formare la ventresca o pancetta usata come salume o per soffritti ecc.

FEDERICA   A  me  piacciono molto le costine fatte bene.

ELENA     Allora ti svelo quelle di casa mia.

LE  COSTINE  DI  CASA  MIA

208873-23-22-0costine di casa mia seconda versione

Ingredienti: costine di maiale, vino bianco secco, sale e spezie miste per la concia dei salumi. (sale, pepe, coriandolo chiodo di garofano, cannella, noce moscata),  verdure miste: carote,sedano, cipolle, patate, finocchio selvatico, fagiolini, alloro, rosmarino, salvia, olio extra vergine d’oliva, prugne rosse conservate e caramellate nel vino rosso.

Esecuzione: il giorno precedente mettere in concia le costine dopo averle rifilate dal grasso. Toglierle dalla concia, metterle in una casseruola con le verdure: una stecca di sedano, una carota, una cipolla e il vino. Portare ad ebollizione, togliere dal fuoco, pennellarle con olio,  rosmarino, coriandolo, aglio e salvia e procedere: scaldare la casseruola o la griglia e finire la cottura , fino a quando c’è un filo di grasso. Le costine devono risultare belle magre, tenere e  dorate. Servire con  verdure miste stufate e prugne alla crema di vino rosso.

FEDERICA   Fatte in questo modo saranno veramente buone e leggere.

27/05/2014

ELENA    Ti presento un’ altra ricetta del risotto di casa mia.

SETTIMA  RICETTA  DEL RISOTTO  DI  CASA  MIA

risotto aiquattro gusti

Ingredienti: riso per risotti, brodo di carne, un cucchiaio di salsa di pomodoro, parmigiano grattugiato,olio extra vergine d’oliva, sugo e scagliette di arrosto di manzo, una cipolla rosata,  due cucchiai di crema di carote stufate, brandy, due chiodi di garofano.

Esecuzione: dorare il riso insieme alla cipolla, sfumare con un cucchiaio di brandy, aggiungere il brodo q.b. per la cottura, i chiodi di garofano; coprire con coperchio. Dopo qualche minuto incorporare il sugo di pomodoro, la crema di carote, la salsa di arrosto; mantecare il riso con una spolverata di parmigiano. Servire il risotto molto caldo e al dente.

FEDERICA   Anche questo piatto dev’essere di un buono!

ELENA   Sì, chi l’ha assaggiato è rimasto entusiasta.

FEDERICA    Ti auguro una serata bellissima e sai il perché! Ciao.

28/05/2014

FEDERICA    Oggi mi sento in vena di fare un buonissimo dolce al cioccolato, una specie di torta sacher.

ELENA     Oltre all’originale torta ” sacher” di  rivisitate ne  abbiamo fatte parecchie, fra queste ne ho anche un’altra alla crema di panna cioccolato decorata con castagne caramellate; questa è una ricetta nuova.

TORTA  DELIZIA

208873-24-23-0

Ingredienti:300 g di cioccolato fondente, 3 uova, 350 g di  farina”00″, 250 g di zucchero semolato, polvere di amaretti, 100 g, di olio di mais, una bustina e un cucchiaino  di lievito per dolci, un bicchierino di liquore alla vaniglia, 150 g di panna da montare, 50 g di zucchero a velo,  latte q.b ,marmellata di castagne, castagne candite, ( si trovano conservate, già spellate, poi le caramelliamo con lo sciroppo di zucchero).

Esecuzione: mettiamo tutti gli ingredienti davanti a noi, facciamo sciogliere il cioccolato in un po’ di latte, facciamo la fontana con la farina, lo zucchero e il lievito, mettiamo le uova,  poco  a poco aggiungeremo l’olio, metà del cioccolato, il liquore mescoliamo per ottenere un impasto perfetto. Abbiamo preparato la teglia da 20 di diametro. con cerniera, unta e leggermente infarinata mettiamo metà dell’impasto,poi, la marmellata di castagne,con il cioccolato rimasto, infine copriamo con il resto dell’impasto. Andrà in forno a 170 ° per 50 minuti, lasciamo raffreddare, poi guarniremo con la panna montata, gli amaretti, e le castagne caramellate.

FEDERICA   Mi sta bene! Così imparo a tacere, perché adesso mi hai fatto venire l’acqualina ed io sono a dieta, come faccio?

ELENA  Ti limiterai a guardarla. IMMAGINA SOLO !

FEDERICA   Che crudeltà!

29/05/2014

ELENA   Cara Fede oggi ti farò venire l’acqualina in bocca con qualcosa che potrai mangiare pur rispettando la tua dieta. Si tratta di pesce: la spigola in umido con cipollotti freschi.

SPIGOLA  IN  UMIDO

Ingredienti: spigola, tre cipollotti, sugo di pomodoro fresco, rosmarino, salvia, prezzemolo,uno spicchio di aglio, una carota, un a stecca di sedano, pepe, peperoncino, sale q.b. vino bianco, olio extra vergine d’oliva, fette di pane abbrustolito passato con aglio, acciughe, e olio.

Esecuzione: tritiamo la carota, il sedano, i cipollotti, poi mettiamo due cucchiai dim olio nella casseruola e facciamo il soffritto con i cipollotti, aggiungeremo il pomodoro, spruzziamo col vino, e lasciamo cuocere la salsa. a cottura ultimata aggiungiamo i filetti di spigola precedentemente fatti rosolare in una padella senza alcun grasso , le erbe tritate, il peperoncino, lasciamo cuocere qualche minuto, giriamo, ancora un po’ di cottura ma senza rompere i filetti. Lasciamo intiepidire con il coperchio in modo che il pesce si insaporisca; poi aggiungeremo l’olio extra v. d’oliva. Il pesce in umido dovrà essere morbido cotto a puntino con un sugo saporito per intingere le fette di pane e per chi preferisce si potrà servire anche con olive taggiasche.

FEDERICA    Complimenti!  Ci sei davvero riuscita. Grazie!

ELENA    Allora non mi resta altro che augurarti una bella serata in compagnia di Alessandro;  gustatevi il mio pesce! A domani.

30/05/2014

ELENA     Allora? com’è andata? Spero vi sia piaciuto il mio piatto!

FEDERICA    Diciamo che per essere pesce era squisito, ma per i miei gusti avrei preferito la torta che si vede in alto in questo articolo. Sono golosa vero?

ELENA   No, solo un pochino! Comunque oggi ho un’altra ricetta per la tua dieta, ovviamente non potrai mangiarne a volontà perché si tratta del “goulash” di casa mia.

GOULASH   CON PATATE  AL  CARTOCCIO

Ingredienti: muscolo di manzo, due cipolle rosate, un peperone, uno spicchio di aglio, sugo al pomodoro 100 g, sale q.b, brodo vegetale,due patate, prezzemolo, olio extra vergine d’oliva, peperoncino, una punta di crin e cumino, brandy.

Esecuzione: affettiamo le cipolle, facciamo un soffritto con un cucchiaio di olio senza bruciacchiarle. poi aggiungeremo la carne a piccoli pezzi, sfumiamo col brandy, amalgamiamo e incorporiamo tutti gli altri ingredienti tranne le patate ed il prezzemolo, infine il brodo, Lasciamo cuocere a fuoco lento su fiamma grande, nel frattempo peliamo le patate, le mettiamo nella carta stagnola unta con olio, e le cospargeremo di prezzemolo, poi, le metteremo nella teglia da  forno con un dito di acqua , a 160° per 30 minuti. Controllare la cottura: a cottura al dente le toglieremo per tagliarle a fette di un cm circa. Passiamo un giro di olio, e un trito di aglio, sale, peperoncino e prezzemolo; inforniamo fino a cottura ultimata. Servire con il goulash.

FEDERICA    Che ricetta!  Emana un profumo delizioso!

ELENA    Come fai a sentirlo?

FEDERICA  IMMAGINO.

ELENA   Domani ti chiederò di dettarmi un menù intero: un intero pranzo a base di pesce!  Così vedremo come te la caverai.

FEDERICA   Bene, tu goditi la musica che al menù ci penso io!

FEDERICA   Il menu di pesce te lo detterò nel prossimo articolo. A proposito come passerai questa giornata?

ELENA   Andrò in montagna a far volare l’aquilone che ho costruito ieri: chissà se funzionerà è così grande che  per farlo entrare nel baule della macchina ho dovuto smontarlo. Al prossimo articolo, ti aspetto!

17.05.2014

LE RICETTE DI CASA MIA CENTOQUARANTESIMA PARTE

Author: admin-ele

17/05/2014

IN  CUCINA  CON  FEDERICA

FEDERICA   Come dovrebbe essere la razione di ogni pasto in rapporto alla quantità, per non affaticare il cuore?   ELENA    Per rispettare il nostro cuore sappiamo già che i cibi troppo grassi, troppo dolci. eccitanti e alcol, a lungo andare sono come uno schiaffo per il nostro cuore; per non parlare poi delle quantità di cibo ingerite in più, per il gusto di mangiare, per la gola, ecc. Il  professore mi diceva sempre che dovremmo ingerire per ogni pasto la quantità di cibo che contiene la nostra mano, la giusta dose dovrebbe stare nella nostra mano. Mangiare di tutto e di tutto un po’ questo era il suo motto. Ma  per le persone sofferenti di cuore o con patologie  ci sono cibi da evitare.  Noi parliamo di soggetti sani, e oggi abbiamo una ricetta nobile per la salute del cuore, altrettanto squisita. Sono i tortelli con erbe di stagione.

TORTELLI  ALLE  ERBE

208873-12-10-0 tortelloni con erbe di stagione

Ingredienti: semola di grano duro, uova, crescione, erba, cipollina, salvia, olio extra vergine d’oliva, 200 g. di pinoli, fagioli e farro stufati con carote, sedano e cipolle, due foglie di alloro; parmigiano grattugiato, due sottilette.

Esecuzione: frulliamo l’erba cipollina e il crescione, facciamo la fontana, mettiamo due uova e il frullato di erbe fresche; impastiamo la sfoglia , la mettiamo a riposare per mezz’ora, nel frattempo prepareremo lo stufato di fagioli e farro, li passiamo al passa verdure, tenendo  da parte un poco di verdure che useremo nel condimento. Adesso mettiamo i pinoli, aggiustiamo di sale,  e una manciata di parmigiano, mescoliamo il tutto ed il ripieno è pronto. Scoliamo i tortelli, li mantechiamo con le verdure,  le sottilette e la salvia, togliamo dal fuoco e impiattiamo il tutto aggiungendo solo alla fine un filo di olio.

FEDERICA   Anche questi sono davvero molto buoni; quanti tipi di tortelli si possono fare!

20/05/2014

ELENA   Un’altra ricetta  che fa bene al cuore è la pasta alla segala, ti detto una ricetta con pochi grassi  e ricca di sapore.

PASTA  FRESCA  ALLA  SEGALA : CARAMELLE   RIPIENE

Ingredienti: farina di segala 50% e farina di grano duro. Uova q.b. cipolline fresche, cavolo cappuccio, olio extra vergine d’0liva, pomodorini secchi, oppure freschi e passati al tegame con un po’ di olio, ricotta vaccina, spezie miste, parmigiano grattugiato, vino bianco, pane grattugiato q.b. basilico fresco, uno spicchio di aglio, mentuccia, brodo vegetale per la cottura della pasta. Esecuzione: lavare e tagliare il cappuccio molto sottile, metterlo a stufare con acqua, l’aglio,  vino bianco e un pizzico di spezie; nel frattempo faremo la sfoglia con le farine, e le uova. Lasciamo riposare la pasta per mezz’ora e intanto facciamo il soffritto con le cipolline e i pomodorini, basilico, alla fine aggiungiamo l’olio a crudo. Ora facciamo il ripieno  con la ricotta, un po’ parmigiano, il cappuccio stufato e cremoso, se occorre mettiamo anche poco pane grattugiato. Tiriamo la sfoglia, tracciamo dei quadrati piccoli, li riempiamo col pesto di ricotta e formiamo delle caramelle  (la sfoglia deve essere sottile e il ripieno asciutto). Il brodo leggero di verdure è pronto ,buttiamo la pasta, mantechiamo, infine un giro d’olio e una manciata  di parmigiano grattugiato. FEDERICA    Li farò molto presto per mio padre.  Ti aspetto dopo cena per la corsa, una bella corsa a piedi non ce  la leva nessuno!  A dopo. ELENA    Ci sarò!

21/05/2014

INVOLTINO  DELLA  SALUTE

208873-19-17-0

ELENA   Ti ho colto di sorpresa; prima la foto e poi la ricetta.

Ingredienti: filetti di rombo,  cipolle  giovani col gambo, asparagi bianchi, finocchio selvatico, pepe di cayenna, erba ruta, limone, olio extra vergine d’oliva, prezzemolo, un uovo, pane grattugiato fine, noce moscata, vino bianco, dado di verdure casalingo, sottilette.

Esecuzione: sfilettiamo il pesce, lo mettiamo in farcia con olio limone e pepe. cuciniamo gli asparagi, poi, i cipollotti con vino noce moscata un po’ di dado, A questo punto togliamo il pesce dalla farcia, facciamo degli involtini con le cipolle col gambo, pane grattugiato e una sottiletta per ogni involtino; adesso l’inforniamo a 170° per 15 minuti. Intanto facciamo la tritura con l’uovo e il parmigiano grattugiato e quando gli asparagi saranno cotti la verseremo sopra curandoci di non scuocerla. Mettere il tutto nel piatto da portata, versare gli asparagi, decorare con foglie di finocchio selvatico, un filo di olio e limone.

FEDERICA   Questo piatto è meravigliosamente squisito! Si può dire?

ELENA    Grazie!  Per questa volta sì.

FEDERICA   Quanti pasti si dovrebbero consumare in un giorno?

ELENA   La razione alimentare dovrebbe essere distribuita in modo conveniente fra i pasti giornalieri, che variano nel numero e nella consistenza secondo le abitudini dei diversi paesi, ma che per noi sono la prima colazione del mattino, il pranzo, la cena. I bambini e i giovani usano consumare una leggera merenda durante il pomeriggio. Quali che siano gli usi in proposito, l’importante è mantenere sempre un orario fisso e regolare, che permetta all’apparato digerente di riposare dopo ciascun pasto . L’ abitudine di bere come prima colazione un semplice caffè o cappuccino senza aggiungervi altro, non è affatto razionale, perché le ore della mattina richiedono sempre un notevole sviluppo di energia che gli scarsi alimenti ingeriti non possono fornire. Anche perché questo porta a mangiare molto durante la seconda parte della giornata, ed è sbagliato.

22/05/201

FEDERICA   E un dolcetto lo facciamo in questo articolo?

ELENA    Certo! Se una persona è sana non deve rifiutare una porzione di dolce una volta ogni tanto; oggi facciamo un dolce meraviglioso e che contiene calcio per la salute del cuore e delle ossa. Ti presento i cannoli di casa mia, peccato che non posso mettere la foto, si è volatilizzata.

CANNOLI DI CASA MIA

Ingredienti 400 g. di farina bianca, 50 g di burro, 30 g. di zucchero, 270 g di cacao, un cucchiaio di caffè in polvere, un uovo e un albume, liquore all’amaretto o passito un bicchierino da 3 dl, olio di arachidi. un kg di ricotta, 200 g di mandorle tostate, zucchero a velo,una fiala aromatica alla mandorla o vaniglia, strisce candite di arancia e cedro fatti un casa, amarene candite.

Esecuzione: sulla spianatoia facciamo la fontana con la farina mescolata allo zucchero, al cacao e al caffè. lavoriamo bene il burro a temperatura ambiente, facciamo un impasto omogeneo che non attacchi alle dita aggiungendo gli altri ingredienti come le uova e il liquore. Adesso facciamo il ripieno con la ricotta mescolata allo zucchero e all’aroma, le mandorle tostate e sminuzzate, i canditi, e le amarene. Ora tiriamo la sfoglia, ritaglieremo dei dischetti che andremo ad avvolgere agli stampi per cannoli precedentemente unti con olio. È arrivato il momento di immergerli nell’olio bollente: et  voilà che i cannoli sono pronti da farcire (prima dobbiamo farli raffreddare e toglierli dagli stampi). Mettiamo il ripieno, li adageremo sopra un piatto da portata con sopra un velo di zucchero o miele.

FEDERICA    Vorrei dirti che sono meno buoni di altri, ma non posso! Anche perché li ho mangiati già due volte, ricordi l’anno scorso?

ELENA   Come potrei dimenticarmi ne hai mangiati tre!

FEDERICA   Sì, però poi ho mangiato minestrone per una settimana!

FEDERICA   C’è una tisana per la depurazione del sangue?

ELENA    Sì, testata dal dott. Robert, lui consiglia un decotto con foglie di ortica, achillea, radice di cicoria, foglie di betulla, piccioli di ciliegia e frassino. Il dosaggio: frassino 10 g, ortica 20 g, betulla 20 g, cicoria 20 g, e ciliegio 10 g. Fai un decotto in un litro di acqua, lo lasci bollire per 5 minuti, filtri e  bevi una tazza grande al mattino e una la sera.

12.04.2014

NELLE STORIE DI TUTTI I GIORNI SEI

Author: admin-ele

12/04/2014

Vorrei raccontarti la mia storia,  Chiamami Gioiasole, è il nome che avrei voluto per la mia prossima figlia, ma poi tutto cambiò, perfino la mia vita.

OLTRE LA  FINESTRA

OLTRE  LA  FINESTRA

Sono stata sposata per molti anni, abbastanza da sentirmi di riprendere in mano la mia vita. Mi sono detta:  ora che i miei figli sono grandi vorrei riprendere il mio amato lavoro. Tutto avrei presagito ma che mio marito avesse preferito la mia morte alla mia decisione, questo mi risuonò alquanto strano, perché ho vissuto vent’anni con uno sconosciuto. Come i detti popolari :  << Non si è mai finito di conoscere qualcuno>>

Siamo stati molto felici insieme, ci siamo anche amati molto; ecco perché per me è stata una grande sorpresa, dopo vent’anni di matrimonio non conoscevo ancora mio marito.

Se penso che mio padre lo amò come un figlio, anche perché essendo figlia unica ero molto coccolata dai miei genitori, pensa che mio padre mi chiamava ” Principessa ”  e io ripetevo ” Pincipeccia “è una parola comune a molti genitori che vorrebbero il meglio per i loro figli, un altro modo per manifestare il loro amore. Se avesse saputo quello che mi capitò si sarebbe spento di  dolore.

Un giorno credendo di fare una sorpresa a mio marito gli dissi che avevo avuto un incontro con il notaio del paese per un impiego ; uomo di stile capace di metterti a proprio agio un uomo d’altri tempi, il quale mi disse che capitavo proprio nel momento opportuno per una serie di ragioni che ora non vorrei prolungarmi troppo. Per me fu una frase magica, non stavo più nelle ossa, non era più un sogno caratterizzato come nella mia fantasia un mix di irresistibile follia. Ricordo la mia felicità! Era follia vera dettata dalla gioia.

Quando tornai a casa incominciai a fare progetti per la mia casa i miei figli e anche per me , dovevo rifarmi il guardaroba, ero fuori di me dalla smania; non vedevo l’ora che tornasse a casa per dargli la notizia, tant’è vero che preparai una cenetta coi fiocchi.  Chi l’avrebbe mai immaginato che quando cercai di raccontarglielo avesse sfoggiato un comportamento così disumano e mi disse di tutto: mi disse che invece dell’avvocato avrei dovuto fare la donna di strada! E che una persona seria con una famiglia non si sarebbe mai sognata di lavorare per gli altri,  fuori  di casa. Dire che rimasi allibita è poco, sentii un vuoto incolmabile anche se subito dopo mi chiese scusa, ma erano false le sue parole! Lui sapeva solo amare o odiare! Io che negli ultimi vent’anni non avevo mai guardato un altro uomo, non mi aveva mai nemmeno sfiorato l’idea di… Mi disse anche che ero dominata dal demonio ed ero una visionaria romantica, che al posto della testa tenevo i piedi.

Sapevo che lui veniva da una famiglia patriarcale, ma non avrei mai immaginato che fossero complici e che pur di dettare legge sulla mia vita avrebbero fatto qualsiasi cosa illecita. Ora che aveva raggiunto la meta nel senso che aveva avuto da me tutto quello che aveva desiderato, si è sentito l’amaro sulla lingua io ero una sua proprietà che si stava dileguando quindi combattuto tra la delusione cocente e un desiderio di riavere una cosa di sua proprietà. Dopo alcuni giorni lo sentii parlare con suo fratello, fu allora che qualcuno mi diede l’opportunità di vivere per sempre. Sentendomi in grave pericolo cercai aiuto dal  medico di famiglia il quale mi consigliò una persona di sua fiducia: un investigatore privato, seguii per filo e per segno tutto ciò che mi suggerì,  ci accordammo, mi diede un telefonino dicendomi di stare in guardia  e di chiamarlo in qualsiasi ora del giorno e della notte. Ho vissuto mesi terribili, fingere che andasse tutto come voleva lui, dopo alcuni mesi di tortura, nel senso che avevano escogitato di farmi impazzire, sì di farmi perdere il lume della ragione; cercava di litigare, spostava gli oggetti e mi rimproverava per la mia  distrazione o disordine, in realtà era lui, arrivavano i suoi famigliari così all’improvviso dicendomi che mi aveva avvisata due giorni prima. Capii che era un complotto di famiglia.  Così un bel giorno credendo di esserci riuscito mi disse che sarebbero venuti i suoi parenti perché avevo bisogno di essere seguita e di cambiare aria che sicuramente mi avrebbe giovato alla salute, era solo questione di una settimana o due. Naturalmente io preparai le valigie e dopo avere avvisato la persona che mi stava proteggendo aspettai che arrivassero i parenti e lui, l’investigatore, che mostrò tutte le volte quando spostò gli oggetti e tutte le altre angherie e parole forti a mio danno, era tutto registrato. Fu un periodo infernale ma poi riuscìi ad allontanarmi per sempre,  a  rifarmi una vita senza abbandonare i miei figli, ed ora ho incontrato la persona giusta, diciamo pure a voce alta che mi sono rifatta una vita! Grazie al ” fato” che mi ha dato l’opportunità di ascoltare quella conversazione e di avere trovato una persona speciale che mi salvò la vita e  mi ha donato la sua, dico così perché con lui  è tutto diverso posso guardare oltre la soglia e la finestra di casalinga; sono veramente felice!

ELENA    Carissima  Gioiasole, spero di avere raccontato  la tua storia come desideravi tu! Felicità è anche poter fare della propria vita ciò che si desidera. Nessuno dovrebbe prendere in mano la vita di un’altra persona! Nessuno mai!  Ogni volta che vedo  questa storia mi convinco sempre di più : è stato un complotto di famiglia!   LUI, SPECIALMENTE CON IL FRATELLO. Ci sono molti interrogativi che rimangono ancora senza risposta, ma io credo che la risposta sia tutta da cercare in famiglia. Forse lei si era illusa di poter vivere con più di una storia anche perché  sentiva che  il fresco profumo della sua gioventù se ne stava andando, ma quello che non sapeva era che più di qualcuno la stava sorvegliando a tale punto da entrare nella sua vita per mettere una sentenza definitiva.

Elena  Lasagna

10/04/2014

IN  CUCINA  CON  FEDERICA

ELENA  In questo articolo parleremo del sale. Indispensabile è vero ma è altrettanto vero che abusarne  possiamo andare incontro a seri problemi. La quantità di sale raccomandata dal Dipartimento per la Nutrizione degli Usa sarebbe di 2.400 mg al giorno equivalente a poco meno di un cucchiaino e mezzo di sale da cucina. Ricordiamoci però che il sale è nascosto in molti alimenti, soprattutto negli alimenti conservati. Cibi e verdure in scatola hanno un alto contenuto di sodio; per non parlare poi degli snacks, un alto contenuto di sodio lo troviamo anche nelle carni e nei pesci conservati affumicati, salumi ecc. FEDERICA   Come potremo sostituire il sale? ELENA   Possiamo sostituirlo in parte con l’aceto, il limone , sale ed erbe, più erbe che sale, o spezie.  Il sale in eccesso non solo porta ad ingrossare il cuore proprio per il maggiore  volume del sangue che esso deve pompare. Poi l’apporto di sale può aumentare l’incidenza del tumore allo stomaco; per non parlare delle ossa. In Giappone dove la quantità di sale nell’alimentazione è molto alta dalla concomitanza del cloruro di sodio e dei nitriti presenti nei cibi affumicati e conservati ,  che sono molto utilizzati nella cucina di questo Paese, i tumori allo stomaco sono in notevole aumento. FEDERICA   Allora non ci resta che cucinare con poco sale e molto sapore. ELENA    Il piatto di oggi è un bell’involtino ripieno di erbe.

INVOLTINO  SAPORITO

involtino alle erbe  Ingredienti: due uova intere, un pizzico di crin,  pepe, noce moscata, radicchio di campo,  un porro, parmigiano grattugiato, cubetti di ananas, erbette, zenzero, olio extra vergine d’oliva, uno scalogno. Esecuzione: sbattiamo le uova, aggiungiamo il parmigiano, un po’ di pepe, noce moscata, un pizzico di crin, (niente sale perché lo contiene il parmigiano e il crin ha un sapore piccante) incorporiamo anche il porro e lo scalogno  tagliati finemente e passati in padella con un filo d’olio. Abbiamo stufato le verdure le abbiamo anche condite con un poco di aceto di mele. A questo punto ungiamo la padella mettiamo il battuto con l’uovo e le verdure bianche; mettiamo il coperchio e lasciamo cuocere a fuoco basso. Una volta cotto facciamo l’involtino imbottito di verdura saporita con olio e aceto. Lo adageremo nel piatto e lo serviremo con tocchetti di ananas fresco.

FEDERICA   Questo è un piatto ricco di salute!  Buona serata anche a te!

10 /05/2014

 ELENA   Ed eccoci di nuovo insieme!

FEDERICA   Quanto tempo!  Devo dirti che dopo tutti questi giorni lontano dalla cucina mi è venuta una grande fame!

ELENA   E noi siamo ritornate per cucinare.  Oggi ti presento un piatto di spaghettini al torchio molto delicati molto molto buoni.

Oggi no, ma non appena  avrò sistemato il computer metterò la foto.

NUOVI  SPAGHETTI  AL  TORCHIO

spaghettini nuovi

  Ingredienti: uova fresche, farina di semola di grano duro, una noce di burro, fiori d’arancio, parmigiano grattugiato, latte, farina di riso, olio extra v. d’oliva, coriandoli d’arancia gialla, pepe, radicchio rosso, mezzo bicchiere di vino bianco, cipollotti.   Esecuzione: con le uova e la farina  facciamo un bell’impasto morbido, che non attacchi alle dita. Passiamo la pasta per la pietra degli spaghetti, tenendoli sempre infarinati mano a mano che scendono; poi li lasciamo asciugare sulla spianatoia e nel frattempo prepariamo il ragù. Facciamo il soffritto con cipollotti e una noce di burro, aggiungendo poi il radicchio tagliato fine, il vino bianco, a parte facciamo una crema con un po’ di latte, un cucchiaio di farina di riso e un centrifugato di fiori d’arancio. Buttiamo gli spaghetti in brodo vegetale o acqua con poco sale, li togliamo al dente e li condiamo con il sugo al radicchio, poi aggiungeremo la cremina, e mantechiamo, mettiamo  il pepe, un giro d’olio,  il parmigiano grattugiato infine i coriandoli sottili di arancia o limone. Ed ora impiattiamo, sono davvero squisiti! FEDERICA   Sento il profumo! Sai? Domani ti racconterò molte cose, è successo di tutto, si potrebbe davvero fare una commedia!  A domani. ELENA   A domani, ci sarò!

12/05/2014

ELENA    Ho ascoltato la commedia, per scriverla su questo sito dovrebbe essere ridotta al massimo perché è molto pesante, la seconda parte invece è comica  ma anche carica di cinismo; vedrò come posso fare,  prima però dovresti chiedere il permesso agli interessati o per meglio dire ai protagonisti.  Ma adesso veniamo alla ricetta del giorno: ti presento un piatto di carne con aglio e salvia.

NODINI  AL SUGO DI ERBE

Ingredienti: nodini di vitello q.b.  salvia, aglio, brodo di carne, un bicchiere di vino bianco, un cucchiaino di farina, patate, prezzemolo, pepe nero, olio extra vergine d’oliva, fagiolini al vapore, senape dolce.   Esecuzione:  battiamo un po’ i nodini, li rosoliamo senza grassi aggiunti, versiamo il vino, mettiamo una punta di dado fatto in casa, l’aglio intero, la salvia, infine il brodo; copriamo con il coperchio e continueremo la cottura. Nel frattempo taglieremo le patate a piccoli pezzetti possibilmente di dimensioni uguali, le mettiamo sotto il vapore poi, le trasferiremo in forno con una spruzzata di olio, a cottura avvenuta completeremo il piatto con pepe e prezzemolo finemente tagliato. ed ora è la volta dei fagiolini una volta cotti li condiremo con olio d’oliva gentile e una cremina lieve di senape. I nodini sono pronti hanno un sughetto invitante, saporito ma non salato; impiattiamo con le patate e i fagiolini. FEDERICA    Anche questo piatto sono certa che piacerà ai miei ospiti.  Vieni a pescare oggi? ELENA   Oggi no, forse domani.

14/05/2014

FEDERICA    Sei  di parola, hai messo la foto degli spaghettini al torchio.

ELENA    Voglio dirti una cosa con tutta franchezza: tutto quello che ho imparato per usare il computer l’ho appreso da chi mi ha impartito le lezioni, ovviamente cercherò di migliorare sempre, anche nelle foto; non sono un automa.  Passiamo alla cucina, ti voglio presentare delle scaloppine buonissime di tacchino.

FEDERICA    I  PESCI  HANNO ABBOCCATO!  CHISSÁ  COSA AVRANNO  CAPITO!

ELENA    GRAZIE  PER  L’INTERESSAMENTO.

SCALOPPINE  DI  TACCHINO  ALLE ERBE  E  PEPE VERDE

Ingredienti: scaloppe  di tacchino, un limone, pepe verde in grani, estragone, origano, prezzemolo e aglio. Olio extra vergine d’oliva, brandy, due foglie di alloro, per il contorno: fonduta di carciofi. Carciofi q.b. una grossa cipolla, provola, un ciuffetto di salvia, latte q.b e un cucchiaino di farina.

Esecuzione: Mettiamo le scaloppe nella farcia di erbe, olio, limone, sale e pepe. Il giorno che seguirà le togliamo dalla farcia , le metteremo sullo spiedo e curiamo la cottura e doratura. Poi,le adageremo sull’altra parte della farcia con le erbe macinate molto sottili, un filo di olio, per chi ha il colesterolo dai bassi valori potrebbe anche metterle nel burro sciolto ma non cotto. Adesso facciamo la fonduta di carciofi sciogliendo il formaggio, soffriggendo la cipolla e lessando i carciofi, poi li passeremo al passaverdure, mescoleremo il tutto aggiungendo sale, pepe, un po’ di salvia. Impiattare le scaloppine  accompagnate dalla squisita fonduta  di verdure.

FEDERICA   Meravigliose!  Ti meriti un fine giornata speciale, che fai di bello stasera?

ELENA    Andrò a visitare gli alveari di una mia amica. Buona serata anche a te!

15/6/05/2014

ELENA   Cara Fede oggi ho un piatto per te, anzi ti dedico  questo pasticcio di polenta che mesi fa hai trovato delizioso, tant’è vero che te lo sei spazzolato quasi tutto.

PASTICCIO  DI FARINA DI MAIS  CON  SCHEGGE  DI  TARTUFO  NERO

208873-17-15-0

Ingredienti: farina di mais per polenta, olio extra vergine d’oliva, briciole di tartufo, una cipolla grande, sale, spezie, provola, verdure miste stufate con carne bovina macinata, latte, parmigiano grattugiato.

Esecuzione: facciamo una bella polenta liscia, lo stufato di carne alle verdure è pronto,  facciamo una bella cremina con il latte e il tartufo, tagliamo la provola a piccoli dadini, ed ora che la polenta è cotta prendiamo una forma o stampo e facciamo gli strati con stracotto, sugo di cipolla con  l’aggiunta di spezie e olio, la crema al tartufo. Lasciamo riposare per circa un’ora, poi, capovolgeremo lo stampo e finiremo di decorare la polenta con sugo al tartufo e parmigiano grattugiato, o provola. Inforniamo questa bella forma per 15 minuti a 170°,  servire con un vino ideale.

FEDERICA    Dire che è squisita è poco. Sto pensando ad una ricetta per te. Ciao!

ELENA   Al prossimo articolo.

05/04/2014

IN  CUCINA  CON  FEDERICA

ELENA   E il caffè, che ne dici se parliamo del caffè? FEDERICA   Vorrei sapere a chi non piace il caffè!

IL  CAFFÈ

Il caffè è una pianta sempreverde : la Coffea arabica, appartiene alla famiglia delle ” Rubiaceae “; ed è originaria dell’Arabia, diffusa in Africa e nell’America meridionale. Questa pianta deve la sua fortuna all’infuso aromatico ed eccitante che è possibile ottenere dai suoi semi dissecati, torrefatti e macinati; è conosciuto in Europa soltanto agli inizi del 600 ma divenuto rapidamente comunissimo. La caffeina sostanza  eccitante del sistema nervoso in esso contenuta ha un’efficace azione stimolante sui centri nervosi e circolatori, elimina la sensazione di fatica e risveglia le energie, utile anche come digestivo, stimolante dell’attività mentale e fisica e della peristalsi intestinale. Ovviamente a chi soffre di disturbi nervosi non potrà abusarne o addirittura farà uso del caffè decaffeinato. La composizione chimica del caffè è molto varia nel senso che dipende dalla specie, dalle differenti condizioni pedologiche e culturali nonché dalla torrefazione; principalmente si hanno sostanze non azotate 28-31% sostanze azotate invece 12-15 %, sostanze grasse 8-13 %, pentosani  4%, acqua e zuccheri 2-3%, mentre la caffeina è presente dallo 0,7 al 2,5%. FEDERICA   Quanti dolci si possono preparare con il caffè! ELENA  Sono innumerevoli! E proprio ora te ne presento uno.

BISCOTTI  AL  CAFFÈ  RIPIENI

biscotti al caffè ripieni    Ingredienti: due caffè ristretti, caffè macinato dolce trenta g, 100 g di burro fresco, 200 g di zucchero semolato, liquore al caffè un bicchierino,  mezza bustina di lievito per dolci, 100 g. di farina di castagne, trecento g di farina doppio zero, 100 g di amido di mais, un uovo intero due tuorli, zucchero a velo. Per il ripieno crema di caffè ottenuta con zucchero, polvere di caffè, caffè ristretto e latte condensato o panna, o ricotta setacciata, zenzero. Esecuzione: facciamo la fontana con le farine, il burro, le uova, il caffè in polvere, le due tazze, il liquore, il lievito, facciamo un bel panetto morbido, lo tiriamo sulla spianatoia lo riempiremo con la crema ottenuta poi, lo copriamo faremo dei cerchi  li taglieremo con lo stampo o il tagliapasta. Andranno in forno a 180° per 15-20 minuti. Controllare la cottura, lasciarli raffreddare, cospargerli di zucchero a velo e zenzero fresco. FEDERICA   Immagino questi biscotti per una festa: tutti uguali ma tutti diversi, voglio dire con ripieni e impasti diversi; io li chiamerei  ” BISCOTTI  SORPRESA “.

06/04/2014

ELENA    Dai che presentiamo un’altra torta a base di caffè, cioccolato e noci.

FEDERICA   Buonissima!

TORTA  AL  CAFFÈ

torta  al  caffè

Ingredienti: 400 g di farina per dolci, una bustina di lievito, 120 g di caffè solubile, 50 g di cacao dolce, liquore alla vaniglia, 100 g di noci passati al mixer, 2 uova tre tuorli, 130 g di margarina vegetale senza grassi idrogenati, 250 g di zucchero semolato.  Per la decorazione: due tuorli, un uovo,  50 g di farina di riso,  un bicchierino di liquore al caffè, 100 g di farina doppio zero, due cucchiai di olio di mais, gherigli di noci q.b. zucchero a velo.

Esecuzione: lavorare insieme i tuorli con lo zucchero, il liquore, farina di noci, cacao, caffè solubile, poi, aggiungere la margarina a temperatura ambiente, le farine, e mescolare fino ad ottenere un bell’impasto liscio. A questo punto aggiungere il lievito, infine gli albumi montati a neve; mescolando dal basso verso l’alto per non fare ammaccare il dolce, deve rimanere soffice e gonfiato . Mettere in forno a 170° per 40 minuti, nel frattempo prepariamo la pastella sottile per la decorazione ; impastando tutti gli ingredienti insieme, sul piano da lavoro tireremo una pasta sottile che non attacchi alle dita, ritaglieremo delle piramidi che poi andremo a mettere in forno già preriscaldato per 10-15 minuti dipende dal forno. Una volta raffreddato il dolce e le piramidi le pennelliamo leggermente con il miele, mettiamo le noci e polverizziamo con  zucchero a velo.

FEDERICA   Dev’essere di un  gusto da sogno!

07/0472014

ELENA   Eccoti  le focacce soffici soffici da consumare sia con il dolce che con il salato.

FOCACCE  SOFFICI

focacce  soffici

INGREDIENTI : UN KG di pasta per il pane, zucchero a velo, fragole. Per gustare le focacce con il salato : invece dello zucchero a velo ovviamente metteremo dell’origano, o basilico o aglio e prezzemolo, con acciughe, capperi e olive oppure dei pomodorini in salsa, oppure le possiamo gustare con una pennellata di olio di oliva zenzero e  foglioline di timo. Un’ altra variante sarebbe di consumare le focacce con bacon o prosciutto e scalogni.

Esecuzione: tiriamo col mattarello delle frittelline di mezzo cm circa, le pennelliamo con l’olio, poi, le inforniamo a 200 ° per 10 minuti. Le focacce si gonfieranno fino a diventare doppie di volume, eccole nella foto sopra, deliziose!

FEDERICA   DELIZIOSE  DAVVERO!  IL SALATO CON LO ZUCCHERO A VELO E LE FRAGOLE!

08/04/2014

ELENA   Ti va di sentire una ricetta a base di pollo? Diciamo una minestra di pollo.

MINESTRA  DI  POLLO

Ingredienti: un petto di pollo (gallina), 100 g di porcini secchi, sale e pepe, basilico, due chiodi di garofano, prezzemolo, uno scalogno, uno spicchio di aglio e una costa di sedano, vino bianco, farina di riso, olio, parmigiano. Esecuzione: per prima cosa faremo un brodino leggero con la gallina, il sedano, l’aglio. Nel frattempo facciamo un soffritto con lo scalogno, aggiungeremo poi una spruzzata di vino, i funghi ammollati e tagliati finemente, i due chiodi di garofano, basilico e prezzemolo, lasciamo cuocere aggiungendo un poco di acqua dei funghi. I funghi sono pronti, adesso frulliamo un poco di carne di pollo mentre la restante carne la taglieremo a dadini piccoli, incorporiamo il tutto ai funghi aggiungendo il brodo un litro circa. Facciamo bollire ancora per 15 minuti, vediamo già una minestra con una leggera densità; ora prendiamo un misurino o un cucchiaio colmo di farina di riso, la stemperiamo in poco brodo per non fare grumi, e la metteremo nella minestra. Ancora uno o due bollori, poi spegneremo il fuoco, aggiustiamo di sale e pepe, la versiamo nei piatti con un filo di olio extra vergine d’oliva e una piccola dose di parmigiano grattugiato. FEDERICA   Mi sembra di sentire già il profumo! ELENA   Pensa,  piace molto anche ai bimbi.  Ed ora la dovrai fare,   così ti dirò se sei stata brava! FEDERICA   Non credo che sarà così buona! ELENA  Lo sarà molto di più! FEDERICA   Vorrei dedicarti tutte le canzoni e la musica soft che esiste, ce ne sono di belle! ELENA   Ma che donnina allegra!  Che immorale!

09/04/2014

ELENA   Diamo una ricetta per la festa di Pasqua?

FEDERICA   Facciamo l’anatra contornata di polpettine al paté o ai fegatini e durelli.

ANATRA  DELLA  PASQUA

Ingredienti: un’anatra,  2 cipolle rosate, sedano e carote, sale e pepe, due chiodi di garofano , un rametto di dragoncello, 10 durelli di pollo, 4 fegatini, parmigiano e pane grattugiati, aglio prezzemolo, vino bianco o rosato, salvia, un peperone. Esecuzione: pulire l’anatra dal grasso e dalla pelle. Lavarla, metterla a bagno con il succo d’arancia per mezz’ora, prendere la casseruola, farla dorare, poi spruzzare il vino, e salare al punto ideale. Ora abbiamo pronte le verdure tutte tagliate a piccoli pezzetti, compresi i durelli e i fegatini, aggiungiamo un po’ di brodo, q.b. perché l’anatra possa raggiungere la cottura senza bruciare. È tutto pronto l’anatra ha raggiunto una cottura ideale , si vedono le verdure succulente, prendiamo le frattaglie, le passiamo l tritatutto, non devono liquefarsi ma la carne deve essere come macinata fine. Facciamo delle polpettine aggiungendo alcune erbe, il pane e parmigiano poi, le cuoceremo con il vino più mezzo mestolo di brodo; a questo punto mettiamo l’anatra nel piatto da portata e tutt’intorno le polpettine  con il sugo dello stufato che abbiamo passato al mixer aggiungendo l’olio extra vergine d’oliva gentile. Servire con patate al forno e insalata mista; chi gradisce il gusto della mostarda, quella ideale sarebbe la mostarda di agrumi. FEDERICA   Devo dirti che è una gran buona ricetta!  Buona  musica soft! ELENA   Ma che dici?  DEVO  FARE  LA  “VIA  CRUCIS ” FALLA ANCHE TU, PURIFICATI!

10/04/2014

FEDERICA   Non avevo mai fatto la ” Via Crucis ” prima d’ora,  devo dirti che nelle mie riflessioni penso che l’uomo senza fede possa arrivare così in basso da compiere malvagità gratuite come quelle di sottrarre la vita a qualcuno, come hanno fatto con Gesù,  non riesco più ad essere serena .

ELENA  Da piccola lo pensavo anch’io,  quando insieme alla gente passavamo tutta la Via Crucis, per ricordare, sentivo il peso della croce sulle spalle fino ad andare a testa bassa come se fossi complice di quegli esseri immondi che l’hanno crocefisso. Ma da quando ho imparato il Vangelo e la Bibbia a farmi veramente pena sono gli uomini senza fede quelli pieni di cattiveria, io non vedo più Gesù sulla croce ma vedo loro.  Quindi cara Federica ascolta pure tutta la musica che vuoi, che nella musica esiste solo il bene e non il male!

26/03/2014

IN  CUCINA  CON  FEDERICA

ELENA   Ogni volta che mi trovo in cucina non posso dimenticarmi del cioccolato. Per questo oggi voglio parlare del cacao. Si ottiene dai semi di una pianta ( Theobroma cacao ) originaria del Messico e coltivata oggi in tutti i paesi tropicali.  I semi, che sono racchiusi in grossi frutti ovali e carnosi, ne vengono estratti a maturità e lasciati fermentare ed essicare, per utilizzare la polpa, ricca di grasso finissimo detto burro di cacao, di amidi, di zuccheri e di una sostanza eccitante, la teobromina. La polvere di cacao è ottenuta sottoponendo i semi, sbucciati e parzialmente sgrassati, alla macinazione ed a trattamenti speciali, destinati a renderla solubile. Si può così sciogliere nell’acqua e nel latte, zuccherare e servire come ottima e nutriente bevanda.  Il cacao in polvere può anche essere mescolato a zucchero, latte e a sostanze aromatizzanti, riscaldato, fuso ed impastato per formare la cioccolata.  Le tavolette e i blocchi di cioccolata costituiscono un buon alimento, molto ricco e gradito, ma non si dovrebbe esagerare in quanto può diventare irritante. Sia la polvere di cacao, sia la cioccolata si prestano a numerose falsificazioni consistenti nell’aggiunta di farina di castagne, di fecola, di cereali, di nocciole macinate ecc. La cioccolata è soggetta ad alterarsi con facilità: perciò nell’acquistarla bisogna badare che sia esente da muffe o da parassiti, profumata, omogenea, di fattura netta e compatta.

FEDERICA   Che meraviglia il cioccolato! Non dirmi che non mi detti una ricetta con la cioccolata? Adesso non puoi più tirarti indietro.

ELENA   Ho una ricetta di tortine ripiene di cioccolato e zabaione, rivestite o decorate con cioccolato fuso e granella di arachidi.

TORTINE  RIPIENE  AL CIOCCOLATO

Ingredienti: 100 g di margarina vegetale senza grassi idrogenati, 300 g di farina doppio zero, 150 g di zucchero semolato, 4 cucchiaini di lievito, 200 g di arachidi, 250 g di cioccolato fondente, un bicchierino di liquore 40 gradi, tre uova.

Esecuzione:  Uniamo lo zucchero al burro o alla margarina, una volta ottenuta una crema morbida incorporare  le uova una ad una , sempre mescolando aggiungere il liquore, e la farina addizionata al lievito. Adesso prendiamo le forme per tortine, le ungeremo, e versiamo un poco di composto in ognuna delle forme; abbiamo già sciolto il cioccolato a bagnomaria,  e fatto lo zabaione, ne versiamo un poco sopra l’impasto e le copriamo con il resto della crema. Inforniamo a 180° per trenta minuti, lasciamo raffreddare le tortine, poi le copriamo con il restante cioccolato, sopra metteremo della granella di arachidi e frammenti di cedro canditi.

FEDERICA   È una bella merenda anche per i bambini! Ho l’acqualina in bocca, che bontà!

27/03/2014

ELENA   Tra un dolce al cioccolato e l’altro facciamo anche un secondo piatto buono buono, diciamo che è un piatto unico ed è un saccottino di pasta di ceci ripieno di spezzatino di vitellone tonnato, vedi foto in basso.

SACCOTTINO  RIPIENO  DI SPEZZATINO  TONNATO

SACCOTTINO DI PASTA DI CECI RIPIENO DI VITELLONE TONNATO

Ingredienti per 4 persone: farina di ceci, farina doppio zero, sale, acqua minerale, latte, due uova, burro per ungere la teglia, spezzatino di vitellone, sedano, carote, cipolle rosate, spezie miste, vino bianco, tonno, maionese fresca, farina di riso, brodo vegetale , contorno di fette di zuccotto al forno.

Esecuzione: con le due farine, le uova, il latte facciamo un bell’impasto per i saccottini, una volta messo uno strato di questo impasto li toglieremo uno ad uno e li farciremo con lo spezzatino di vitellone che abbiamo prima cucinato e poi messo in crema con la maionese, latte e spezie e tonno scelto macinato. Impiattiamo con un contorno di zuccotto al forno e patate condite con olio verde  d’oliva,  insaporito con basilico e prezzemolo e aglio. Che ne dici?

FEDERICA   DICO CHE MI PIACE ANZI MI PIACE MOLTO

28/03/2014

ELENA   So che muori dalla voglia di un altro dolce al cioccolato! Ebbene ho la ricetta del torrone  casalingo al cioccolato, eccoti la ricetta, l’ho testata ed è divino!

TORRONE   AL   CIOCCOLATO

Ingredienti: 400 g di cioccolato fondente 60%, mandorle e nocciole tostate 500 g, zucchero a velo 350 g, tre uova intere, un bicchierino di liquore, 30 g di farina di riso, 100 g di cacao amaro 150 g di zucchero a velo, acqua distillata ai fiori di arancio.

Esecuzione: montiamo i tuorli con lo zucchero a velo, tritiamo la frutta secca in pezzetti disuguali non troppo grossi, ora sciogliamo il cioccolato a bagnomaria con un po’ di acqua distillata, intanto mettiamo l’altro zucchero a velo insieme agli albumi non montati a neve, mescoliamo per amalgamare e aggiungeremo poi il cacao, il liquore e la farina di riso. Adesso incominciamo a comporre il torrone: mescoliamo la frutta secca con la crema di tuorli e zucchero a velo, incorporiamo metà della cioccolata sciolta, adesso aggiungiamo la crema di albumi e cacao ecc, facciamo un bel torrone che risulterà ben sodo. Per finire lo rivestiamo con il rimanente cioccolato fuso nell’acqua ai fiori d’arancio; lo spatoliamo bene per lisciarlo, se necessario usiamo il rullo intinto in acqua di arancio. Lasciamo il torrone in frigorifero nel posto più freddo per un giorno prima del consumo, ma non nel freezer; dopo ventiquattrore il dolce si presenterà solido ma non ghiacciato come il salame freddo, croccante delizioso! Da gustare con caffè alla crema di latte!

FEDERICA   Mi cola la lingua! Lo farò per le feste di Pasqua. Grazie! Anzi ti invito a pranzo, spero tu possa venire!

ELENA   Non si può rinunciare ad un invito così! Certo che avere incontrato una famiglia così qua , si fa per dire qua, sono proprio fortunata!

FEDERICA   Perché hai lasciato le storie di tutti i giorni?

ELENA   PERCHÉ NE HO MOLTISSIME DA RACCONTARE, NON SAPREI QUALE FARE PER PRIMA PER NON FARE DIFFERENZE!

01/04/2014

ELENA   Hai mai fatto il pollo sulla brace? Non la solita griglia, io dico proprio sulla brace della stufa; e non pensare che sia cancerogeno perché non viene in contatto diretto col fuoco o con la legna.

POLLO ALLA  BRACE

POLLO  ALLA BRACE

Ingredienti: un pollo, alloro, poco sale, pepe, dragoncello, sugo al pomodoro , peperoni rossi, olio extra v. d’oliva, casseruola di coccio.

Esecuzione: laviamo e asciughiamo il pollo, mettiamo le erbe aromatiche, ungere la teglia, e mettere il pollo, poi, coprire con il coperchio. Lo faremo cuocere adagio, lentamente di tanto in tanto lo controlliamo; se sarà necessario incorporiamo anche un po’ di brodo. Una volta arrivato a cottura lo serviremo con pomodoro stufato e peperoni. È assolutamente delizioso! Diverso!

FEDERICA   Invitante! È vero che la beccaccia, la pernice, il fagiano, il tordo ecc. forniscono carni molto pregiate e nutrienti?

ELENA   È VERO Sì, ma non parlarmi di mangiare o uccidere gli uccelli, io amo molto tutti i volatili non li mangerei mai! Anche se mangio i polli. Comunque la selvaggina è poco consigliabile dal punto di vista igienico. Essa infatti contiene particolari sostanze che esercitano una azione eccitante e riscaldante la quale, unita alla eccessiva frollatura a cui si è soliti sottoporla, è piuttosto dannosa alla salute. Né la cottura prolungata, né gli intingoli complicati riescono a rendere innocui i principi tossici presenti nella selvaggina troppo frollata, di cui è dunque bene non abusare.

02/04/2014

FEDERICA   C’è un altro modo di cucinare il vitello che non sia la solita scaloppina o l’arrosto?

ELENA   CE NE  SONO MOLTI DEI MODI! Te ne detto uno quello con capperi e olive, spero ti piaccia!

VITELLO  IN  CAPPERI  E  OLIVE

Ingredienti: compriamo il vitello che ci serve, olio extra v. d’oliva, sugo di pomodoro, cipolle dorate, chiodo di garofano e prezzemolo tritato, origano fresco, sale e pepe q.b. vino bianco brodo di carne,  pinoli, capperi e olive. Se al posto dell’olio mettete il burro,   il vitello sarà più tenero ma ovviamente più grasso; tutto dipende dalla vostra salute.

Esecuzione: in una casseruola fare rosolare il vitello, aggiungere poi il vino, il chiodo di garofano, le cipolle tagliate fini, sale e pepe, origano, infine il brodo; copriamo la casseruola col coperchio e lasciamo sobbollire. Quando il vitello sarà quasi cotto incorporiamo il sugo di pomodoro, i capperi, i pinoli e le olive tagliate e denocciolate, facciamo cuocere per altri 15 minuti poi tagliamo le fettine, le lasciamo macerare nel sughetto, quando si sarà raffreddato aggiungere un poco di burro fuso o l’olio.

FEDERICA   Il tutto m’ispira parecchio, grazie!

21/03/2014

IN  CUCINA  CON  FEDERICA

ELENA   Ti voglio dare questa ricetta per domani, si tratta del risotto con asparagi e petali di calendula, ti piacerà.

Ingredienti: riso per risotti, petali di calendula, asparagi, formaggio da spalmare, scalogno, brodo,  vino bianco, parmigiano grattugiato, olio extra vergine d’oliva, sale e pepe q.b. kiwi due per 4 persone.

Esecuzione: facciamo soffriggere lo scalogno in poco olio, buttiamo il riso, ,le punte di asparagi e i petali tagliati finemente; spruzziamo con un cucchiaio di vino bianco e incorporiamo il brodo q.b. per ultimare la cottura  (il  brodo dove abbiamo cotto gli asparagi). Togliamo il riso dal fuoco, mantechiamo con formaggio tenero, poi, uniamo il kiwi sbucciato e tagliato a dadini, mescolare ancora un po’,  infine mettere una manciata di parmigiano. Impiattare, il risotto si presenterà con bellissimi colori vivaci cremoso e buonissimo.  A domani  Fede!

FEDERICA   Vi auguro una bellissima serata! Ciao, ciao!

22/03/2014

ELENA   Oggi tiriamo in ballo la frutta. La frutta è l’ alimento più antico e naturale, il più semplice, sano e gradito. E tale preferenza è ben giustificata perché le grandi quantità di acqua dal 70 al 90% , la variabile quantità di zuccheri dal 5 al 17% e le tracce di grassi e proteine in essa contenute, che, pur non sono tali da saziare l’organismo, ne fanno un cibo indispensabile per una sana ed efficace nutrizione. I suoi zuccheri sono infatti energici e facilmente assimilabili; i suoi sali minerali servono a combattere l’acidità del sangue, primo sintomo della vecchiaia, i suoi acidi organici ( acido malico, citrico, tartarico ) e le sue essenze odorose favoriscono la digestione; le sue vitamine A,  B,  C regolano le funzioni organiche, mentre la cellulosa della buccia attiva le funzioni intestinali e l’acqua della polpa quelle renali.

Vi sono frutta a polpa o carnose, più ricche di acqua, e frutta a guscio o secche, più asciutte e nutrienti. Secondo la loro composizione chimica, si distinguono poi:  Frutta acquoso-acidulo-zuccherine( uva, agrumi, mele, pere, prugne, pesche, albicocche, ciliege, fragole), zuccherine (banane, datteri, fichi), oleose (noci, nocciole, arachidi, mandorle) amidacee (castagne). La frutta cruda deve essere sana, ben lavata, matura si deve consumare con moderazione, preferibilmente a distanza dei pasti, in modo che l’organismo abbia la possibilità di utilizzarne al massimo tutti  i principi alimentari. La frutta cotta è in genere consumata da persone con disturbi di stomaco. Invece i frullati ed i succhi di frutta sono ottimi come gusto, digeribili, valore nutritivo e adatti a tutti specialmente ai bambini.

ELENA  Ti presento una ricetta di grande gusto ma allo stesso tempo molto buona e salutare.

CALZONCELLI   RIPIENI

CALZONCELLI RIPIENI

Ingredienti: arance, finocchi, capperi, olio extra v. d’oliva, bresaola,  composta di mele renette aceto balsamico, cannella, limone ( buccia grattugiata), pasta lievitata per pizza.

Esecuzione: tiriamo la pasta per fare dei piccoli calzoni, li riempiamo con la composta di mele fatta con limone grattugiato, aceto balsamico, cannella un pizzico di zucchero e sale. Ora li chiudiamo e vanno pennellati con l’olio e poi, in forno a 200° per 15 minuti. Nel frattempo facciamo l’insalata di arance e finocchi, la condiamo col succo di limone e l’olio extra v.d’o. Prepariamo il piatto da portata sforniamo i calzoncelli, sopra stendiamo la bresaola, il piatto è pronto da gustare, molto delicato e nutriente.

FEDERICA   Mi hai dato un’idea per domani sera! Grazie! Stasera vai su Marte?

ELENA  Sì, A CAVALLO DELLA PIOGGIA!

23/03/2014

ELENA   CIAO!  Sono un po’ in ritardo ma l’importante è esserci! Ti ho preparato una ricetta coi fiocchi! Si tratta di un piatto di melanzane ripiene di carne e funghi, sono di una bontà!

Ingredienti: melanzane grosse tonde, provola, macinato di vitellone scelto, spezie, funghi porcini e champignons, sale, pepe, aglio, prezzemolo, origano, olio extra v. d’oliva, parmigiano e pane grattugiati, brodo di carne, vino bianco, un bicchiere di latte. Patate in insalata di scalogno e basilico.

Esecuzione: Lavare, togliere il coperchio delle melanzane ( tagliare le melanzane a due cm dal bordo dell’attaccatura del picciolo in senso orizzontale ), svuotarle ad un cm dalla buccia, salarle e metterle capovolte sopra il piano da lavoro. Intanto facciamo trifolare i funghi, e facciamo uno stracotto con la carne macinata, con scalogno, spezie, spruzziamo col vino, poi, aggiungeremo un poco di brodo. I funghi sono già trifolati in modo perfetto con aglio, pepe e prezzemolo. Ora riempiamo le melanzane con i due sughi, e la provola tagliata a dadini, mettiamo anche il parmigiano e una manciata di pane grattugiati. Ora pennelliamo le malanzane, spruzziamo con il latte e le metteremo in forno a 180° per venti minuti, con una forchetta forare le melanzane per stabilirne la giusta cottura. Le melanzane dovranno essere ben cotte e ben gratinate. Servire con fette di patate in umido. Sono decisamente meravigliose!

FEDERICA   I tuoi piatti mi fanno venire sempre l’acqualina in bocca!

ELENA   Presto vi inviterò a cena! Ciao di nuovo!

24/03/2014

ELENA   Anticipo l’estate con una ricetta alle amarene. Sono le crêpes alle amarene. Senti questa ricetta!

CRÊPES  ALLE  AMARENE

Ingredienti: amarene fresche sciroppate, 2 uova, zucchero a velo, latte 250 ml, 120 g di farina, tre etti di ricotta vaccina, una spruzzata di liquore all’arancia o alle amarene, gelato alla crema di latte, zenzero, buccia grattugiata di cedro, cacao dolce.

Esecuzione: prepariamo le crêpes nella maniera tradizionale con l’aggiunta del cedro e il liquore. Le riempiamo con le amarene e ricotta setacciata dolcificata con lo zucchero a velo, le spruzziamo con un po’ di brandy, poi, le diamo una fiammata, ancora calde le impiattiamo con la crema di latte spolverata di cacao dolce. Che ne dici?

FEDERICA   Le vedo già e ne sento tutti i sapori! Spero di farle bene come le tue! Le ricordo le crêpes di casa tua, sono leggere ma con un gusto da non scordare!

ELENA  ADDIRITTURA! Spero sia un complimento!

FEDERICA  Lo sai, lo sai!   Senti, è da molto tempo che volevo farti questa domanda, ma non mi sembrava opportuna, del resto come non mi sembra tuttora! Ma  tu,   riusciresti a vivere con qualcuno che non ami? Ovviamente sto parlando di uomini.

ELENA  La domanda non è inopportuna, almeno per quello che mi riguarda! Anzi direi che mi piace molto;  ebbene se c’è una cosa che non riuscirei mai a fare è proprio quella! Per me sarebbe meglio la galera, ma credo per molti! Si può discutere, alzare la voce, tutto quel che vuoi, ma se non è la persona giusta è difficile viverci, anzi,  ribadisco impossibile! Tutto il resto si accomoda sempre, perché nessuno è perfetto! Sai una cosa quando sento dire che quella coppia è perfetta, per me è come se mi dicessero che è imperfetta al massimo. Credo che la perfezione in una coppia sia esasperazione e così via… La felicità è fatta anche di discussioni e battibecchi!

FEDERICA   Così sì che mi ci rivedo! Allora Alessandro è il compagno giusto per me! Anche perché lui capisce la vita e mi lascia frequentare tutte le persone che voglio senza impormi niente ed io cerco di meritarmi la sua fiducia.

ELENA   Dovrebbe essere così per tutti!

25/03/2014

FEDERICA   Sto pensando una ricetta per un cliente abituale che è alla ricerca di piatti completi, diversi , leggeri ma mette sempre in risalto il gusto.

ELENA   HO MOLTE RICETTE NUOVE , LE HO TUTTE TESTATE, SONO MERAVIGLIOSE! Però mi ci vorrà un po’ di tempo perché vorrei mettere anche le foto. Oggi potrei suggerirti scaloppine di sogliole, contornate da mais e verdurine in germogli.

FEDERICA   È UN PIATTO PERFETTO!

SCALOPPINE  DI SOGLIOLA

Ingredienti: sogliole fresche, farina doppio zero, farina di mais, sale, pepe, olio extra v. d’oliva, aghi di rosmarino,  vino bianco, germogli di aglio fresco,un limone intero. Per il contorno: germogli di crescione, di soia, di radicchio verde e radicchio rosso; mais cotto a vapore in fonduta di fontina.

Esecuzione: dopo avere lavato accuratamente il pesce tracciare i filetti, e togliere la pelle completamente. In un tegame mettiamo un po’ di olio e dopo avere fatto la pastella col vino, gli aghi di rosmarino tritati, l’aglio, sale, pepe e le due farine buttiamo le scaloppine nell’olio a giusta temperatura. Le scaloppine sono belle sode, croccanti e gustose, le impiattiamo con il mais in fonduta, e con l’insalata mista di germogli.

FEDERICA   Mi piace molto sai? Grazie!