Archive for ottobre, 2018

31.10.2018

LETTERA AD UN’AMICA

Author: Elena Lasagna

31/10/2018

 

Ti dedico i colori dell’estate che tu presto andrai a vedere.

 

 

 

È bello ed è raro farsi apprezzare dagli altri non solo per ciò che fai o ciò che dici,  ma sai trasmettere intelligenza e voglia di vivere attraverso il tuo self-control.   La tua attitudine mentale è molto brillante,  ti ha portato verso una carriera importante  e impegnativa. Però il tuo nervosismo controllato,  è la causa di turbe psicosomatiche in rapporto con la malnutrizione,  l’assimilazione e l’insonnia non sono certo sintomi e disturbi di trascuratezza.  Questi sono tratti frequenti di chi svolge questa professione alla perfezione come te.  Non è facile osservare in te una certa dose di indifferenza o di stanchezza,  ma questo gioco di destrezza,  a lungo andare potrebbe nuocere molto alla tua salute psicofisica.  Dovresti impartire certi incarichi ai tuoi collaboratori,  ovviamente di fiducia. Troppe esigenze caratteriali potrebbero sfociare in guai seri;  sai a cosa mi sto riferendo,  anche se la complessità della tua natura cerebrale è particolarmente atta  alla realizzazione di progetti a lunga durata.  La tua tensione nervosa così soffocata  può anche non indisporre chi ti sta vicino,  e  quell’energia così scaricata dentro può alterare non poco non solo l’equilibrio,  ma ti aprirà la strada che porta alla depressione.  Sono fattori che arrivati a quel livello si riscontrano in molti esseri umani.  Il consiglio che mi hai chiesto ieri sera è:  parlane col medico di fiducia o prenditi una bella vacanza dove piace a te,  magari dove adesso ci sta il sole dell’estate,  quello che ti hanno rubato quest’anno. CIAO!

A quando ritornerai dalle vacanze!

 

Elena Lasagna

 

08/11/2018

 

       LETTERA PER NADIA

 

 

 

 

VI  DEDICO QUESTI FIORI PERCHÉ LA VOSTRA VITA SIA COLORATA.

 

Io credo che la timidezza di mio figlio sia dovuta al fatto che il padre lo demoralizza sempre:  in ogni sua espressione di realizzazione.  L’aggressività che sempre gli mostra si concentra tanto su di lui che lo soggioga passivamente e spesso lo vedo piangere nella sua cameretta. Ho paura che da sola non riesca a dargli quella solidità di cui ha bisogno.  Ora ha anche molta difficoltà a relazionarsi con i suoi coetanei,  vorrebbe sempre restare da solo perché si sente abbattuto e nei loro confronti esprime un sentimento di inferorità.  Come devo comportarmi con mio figlio?  Grazie.

……………………………………………………………………………………

Tuo marito sta ignorando la sensibilità e l’intelligenza di vostro figlio;  se va avanti così lo metterà sulla carreggiata della depressione,  questo glielo devi dire. Non può scaricare le sue tensioni nevrotiche sul bambino.  Il minore ha un bisogno impellente di essere amato e stimato dal padre, dai suoi genitori,  di essere apprezzato per ciò che fa,  per il suo carattere,  per il suo aspetto e per tutto ciò che lo riguarda.  Il padre non gli deve dimostrare sempre la sua contraddizione,  che lo porta al nervosismo,  così gli abbassa la sua autostima,  sai quanto è importante a quell’età?  Io credo che a lungo andare detesterà suo padre.  Tuo figlio necessita di un dialogo più aperto,  ha bisogno di approvazione per ciò che fa,  o perderà ogni interesse,  un giorno non riuscirà a staccarsi dai sogni  e non perverrà che con difficoltà anche nelle cose basali della vita di tutti i giorni e alla sicurezza materiale.  Volete crescere un figlio che risenta della mancanza di una solida base?

 

Elena  Lasagna

 

 

 

 

 

30/10/2018

 

 

Qual è la differenza tra psicopatia e psicosi?  Le persone affette da malattie mentali hanno il sostentamento dallo stato sotto forma di pensione?

 

Franca e Roberto

 

La differenza tra questi due termini l’ho già rivelata in un altro articolo di medicina,  dovete solo sfogliare tra gli articoli de” La nostra salute”.   Ma non c’è problema a rifare la descrizione una seconda volta.

 

Iniziamo dalla psicopatia perché è un termine generico per indicare qualsiasi malattia mentale.  A volte il termine viene usato in senso più ristretto per indicare certi pazienti con patologie non ancora perfettamente diagnosticate o inquadrabili,  caratterizzati da debolezza mentale e da scarso senso della MORALITÁ.

 

lA PSICOSI è una malattia mentale grave, con alterazione profonda delle funzioni psichiche,  con incapacità di valutare in modo adeguato la realtà,  in un quadro sintomatologico vario,  secondo delle diverse forme,  che possono essere a carico della motricità,  del pensiero, dell’affettività,  ecc.  In quanto all’altra domanda io non ho competenza;  ma credo che se una persona è affetta da malattia mentale venga riconosciuta invalida,  pertanto può recepire una pensione di invalidità;  poi in che grado sia,  questo dipende dallo stadio in cui viene diagnosticata la malattia,  ma questo stabilirà lo psichiatra.

Elena Lasagna

 

05/11/2018

 

Quei depositi di tessuto adiposo sparsi qua e là in molte persone,  sono più soggette le donne o gli uomini?  Grazie!

 

Angela

 

Si tratta di una sindrome distrofica,  spesso è anche dolorosa,  caratterizzata appunto da questi depositi di tessuto adiposo,  sparsi in molte parti del corpo.  Può essere sostenuta da squilibri ormonali,  e neuroendocrini.  Questa forma circoscritta si osserva di frequente in seguito a neuriti o ad alterazioni dell’innervazione motrice in soggetti …..  Poi disturbi trofici e nervosi da disfunzione dei centri ipotalamici sostengono questa malattia,  che si chiama:  lipomatosi multipla nodulare cervicale di ” Launois-Bensaude, è una malattia ereditaria,  che si manifesta con la formazione di masse adipose ai lati del collo e colpisce specialmente soggetti maschi di giovane età. La lipomatosi viscerale, può interessare diversi organi come il fegato,  il cuore il pancreas; la lipomatosi muscolare, si osserva nella cosiddetta pseudoipertrofia muscolare, vengono considerate tesaurismosi da grassi neutri.

 

Elena Lasagna

 

06/11/2018

 

È vero che molte malattie congenite un tempo ritenute ereditarie, sono invece la conseguenza danneggiamenti subiti dall’embrione?

 

Alessandra

 

Pare proprio di sì. La tossicologia che studia le alterazioni patologiche prodotte sull’embrione da agenti chimici,  fisici,o biologici,  sono pervenute tramite la madre.  Questi studi derivano soprattutto dalla constatazione che molte malattie congenite,  un tempo ritenute ereditarie,  in realtà sono la conseguenza di precisi danneggiamenti tossici, subiti dall’embrione nel corso della vita intrauterina.  E oggi è noto che tra i potenziali embrioni tossici vi sono sostanze di largo impiego ed anche microrganismi responsabili di comuni malattie infettive. Tra i principali  agenti di embrioni tossici, vi sono: virus (rosolia,  influenza,  varicella,  poliomielite, ecc.)  Batteri listeria monocytogeniprotozoi (toxoplasma).  Agenti chimici,  tra cui alcuni farmaci antineoplastici,  antiemetici,  antibiotici,  psicofarmaci,  antidiabetici,  radioprotettori, sostanze coloranti: (Tripan blu),  l’alcool,  il tabacco,  l’ossido di carbonio,  anche vari ormoni somministrati a dosi elevate.  Lesioni embrionali possono anche derivare da alterazioni  dell’equilibrio endocrino, e vitaminico delle donne in gravidanza:  diabete, disturbi della tiroide, carenze vitaminiche,  denutrizione,  ecc.  Le embriopatie tossiche possono essere di due tipi:  cronologico e disontogenetico.  Nel primo caso si ha un mancato sviluppo dell’intero organismo, o parti di esso;  nel secondo caso consiste invece in un disturbo complesso delle modalità  evolutive dell’embrione, che alla nascita si manifesta come deformità della struttura corporea oppure con disfunzioni di determinati organi o addirittura di interi apparati.   Tipiche alterazioni disontogenetiche sono:  il labro leporino,  la spina bifida,  le malformazioni cardiache, l’opacamento della cornea, le lesioni dell’orecchio interno,  con conseguente sordomutismo,  le alterazioni dell’apparato scheletrico ma soprattutto la focomelia,  ecc.  Hanno accertato che non esistono precisi rapporti tra la natura dell’agente dell’embrione tossico e il tipo di malformazione da esso provocato.  In realtà gli effetti lesivi di un qualsiasi composto interessano principalmente gli abbozzi  embrionali più recenti dal punto di vista evolutivo.  Pertanto la conoscenza delle modalità di sviluppo dell’embrione delle varie specie animale compreso l’uomo, oggi consente di prevedere con una certa approssimazione il tipo e la localizzazione di eventuali malformazioni neonatali quando sia noto il preciso periodo in cui la donna gravida e quindi l’embrione siano venuti a contatto con l’agente lesivo.   Continua.

07/11/2018

 

Ad esempio:  quando un fattore tossico colpisce l’embrione di 4-8 settimane sono prevedibili malformazioni neonatalia carico degli occhi.  Tra la quinta e la decima settimana è compreso il periodo critico  dell’abbozzo cardiaco embrionale, tra la settima e la decima quello delle strutture nervose dell’udito e della statica.  Il sovrapporsi di più periodi di ipersensibilità embrionale spiega la frequenza di malformazioni multiple nel neonato.  Oltre che l’esposizione della donna gravida a determinati agenti tossici per l’embrione, vi sono altri fattori che concorrono a determinare le probabilità delle lesioni malformative.  Tra questi hanno anche importanza lo stato di salute della donna gravida,  la concentrazione raggiunta della sostanza dannosa nei tessuti dell’embrione,  il tempo di permanenza in esso.  Lesioni nonda meno prodotte dagli agenti chimici,  biologici, si possono evidenziare nei neonati  di madri esposte durante il primo periodo della gestazione alle radiazioni ionizzanti:  Pertanto l’impiego diagnostico e terapeutico di raggi X andrebbe evitato durante la gravidanza;  così come andrebbe ridotto l’assunzione di farmaci e di altri agenti chimici di cui non si conosce esattamente l’azione che potrebbe avere sull’embrione.

 

Elena Lasagna

 

09/11/2018

 

Read the rest of this entry »

29.10.2018

NON LASCIARE IL SITO, NON ASCOLTARE I MALVAGI

Author: Elena Lasagna

30/10/2018

 

Non lasciare il tuo sito,  non fare il gioco di persone piene di malvagità!  Siamo certi che qualcuno di grande rilievo si occuperà di questa cosa.  Tieni duro! Vedrai che la verità uscirà presto!  Se qualcuno dice che non sei nessuno,  è perché in realtà vali molto!

 

I tuoi amici e Parenti e migliaia di persone

che ti seguono fedelmente da molti anni!

 

Dott.  Robert

 

03/11/2018

 

Posso dire una cosa con tutta la sincerità di questo mondo.  Durante il percorso della mia vita che non è stata facile,  ho conosciuto gente bella dentro,  anzi meravigliosa,  che mi ha fatto dimenticare i torti subiti da persone perfide. In questi ultimi anni ne  ho conosciute altre di belle persone,  e le ringrazio per la loro stima;  persone intelligenti,  grandi,  di una semplicità incredibile.   Altre invece che avrebbero dovuto essere migliori sono state le peggiori che abbia mai conosciuto in vita mia;  gente bestiale,  infame che sa dire solo menzogne e sa fare solo del male al suo prossimo;   gente senza più un’anima,  che mente, finge sempre in ogni circostanza credendo di essere superiore,  in realtà è molto ignorante nelle cose che contano davvero e ti mette alla prova sempre cercando il pelo nell’uovo senza voler sapere la verità!  A loro non interessa la verità ma solo la loro di verità!  Non avrei mai pensato che potesse esistere gente del genere!  Qui siamo a livelli molto ma molto bassi,  sinceramente sono stanca di guardare in basso!

 

Elena Lasagna

 

04/11/2018

 

Alessandra mi ha appena confidato la sua verità dicendomi queste parole: Mi scuso se non ho creduto che certe persone siano coinvolte in questa orribile storia,  hai fatto centro anche sulle persone più subdole che dimostravano di essere in un modo invece sono  coinvolte come gli altri.  Scusami davvero,  hai sempre fatto centro,  è per questo che certi tuoi articoli sono stati occultati.  Vorrei essere come te!

 

Meglio di no,  stai meglio così credimi!  Tutti abbiamo bisogno di questa società,  e a volte se certe cose non si sanno  si sta devvero meglio;  ti parlo con il cuore.

 

Elena Lasagna

 

11/11/2018

 

Cosa pensi oggi dei vip?

 

Elsa e Arnaldo

 

Ieri era una parola divertente, oggi come oggi questa parola mi irrita molto per il semplice fatto che sono dei privilegiati in tutto. Mentre ci sono persone che ogni giorno rischiano la loro vita per gli altri,  altre che lavorano sodo facendo il loro dovere in silenzio senza mai alzare ciglio e se hanno bisogno del prossimo  sono ignorati solo perché non sono nella categoria dei vip.  Ed è qui che mi irrita,  ma la legge non dovrebbe essere uguale per tutti?  Perché nel mondo ci sono cittadini di prima e seconda categoria?  Spesso i non vip sono persone migliori degli altri perché sanno dare senza prendere.  Come ad esempio quello che è successo a me:  un deficiente ha deciso di usare il mio nome per arricchire i suoi maledetti siti porno e nessuno dico nessuno riesce a farglieli togliere perché non sono “vip”!  Questo è quello che mi è stato detto!  Se non sono vip non ho diritto di essere padrona del mio nome? Ecco perché continuo  a pensare che questo  sia paese di merda!

 

Elena  Lasagna

 

12/11/2018

 

Sai che cosa significa la parola “podologia”?  Questa parola è uguale a sesso.

anonimo

 

Un tale mi ha detto così,  io gli ho risposto che non solo è un deficiente ma se io fossi in lui mi sparerei subito!

 

Elena  Lasagna

 

14/11/2018

 

Noi non permetteremo più certe cose,   ti do la mia parola;  chi è coinvolto in tutto questo la pagherà cara!

 

Dott.  Robert eLinda

 

 

 

26.10.2018

QUANDO INCONTRI UN DEFICIENTE

Author: Elena Lasagna

26/10/2018

 

Se  permettete a un deficiente di prendersi gioco della cultura e insudiciare il lavoro degli altri con della pornografia,  allora non siete migliori di lui!  Il deficiente ride,  ma non sa che ride di se stesso!

 

Elena Lasagna

 

29/10/2018

 

Rubare il nome di una persona per fare di lei ciò che si vuole agli occhi della gente,  è uguale a deportare: simile a criminale!

 

Dott.  Robert

 22/10/2018

 

IN CUCINA CON AMORE E CON

 

FEDERICA

 

 

Elena   Ciao Fede,  come ti avevo promesso oggi  ricomincio con le ricette.  Tanto per iniziare in dolcezza ho pensato alla festa di Halloveen:  ecco la torta di cacki e fichi ai canditi e cioccolato.

 

TORTA DI HALLOVEEN

 

(TORTA DELL’AUTUNNO)

 

 

 

Ingredienti:  due uova intere,  duecentocinquanta g di zucchero semolato,  trecentocinquanta g di farina di castagne,  mezzo bicchierino di liquore che preferiamo,  (questo è l’elemento che personalizza la torta) du cachi grossi,  cinque fichi maturi freschi non secchi,  una bustina di lievito per dolci,  due cucchiai di cacao, cinquanta g di canditi,  settanta g di burro,  latte qb.  per formare un impasto omogeneo, centocinquanta g di cioccolato fondente dolce.  Per la decorazione  una caco mela,  e fichi verdi,  glassa bianca con zucchero a velo e caramello fatto con zucchero e spremuta di arancia.

 

Esecuzione:  facciamo una crema morbida con uova e zucchero,  uniamo la crema di burro,  due cucchiai di cacao,  la farina di castagne alternata al latte,  i cachi,  i fichi a pezzettini, i canditi e il lievito. Vuotiamo il composto nella teglia da forno,  e a metà composto aggiungeremo il cioccolato sciolto in poco latte,  (deve risultare una crema di cioccolato: né troppo liquida e nemmeno troppo densa. Ricoprire con l’altra metà dell’impasto e mettere in forno a 175° per quaranta minuti.  Controllare la cottura;  una volta raffreddata la torta faremo la decorazione.

 

Federica  Deve essere di un buono che mi fa venire l’acqualina in bocca.

 

Elena   Sì,  mi è piaciuta,  ne ho assaggiato solo un pezzetto ma era davvero squisita.

 

Federica   Mi è capitato di vedere cose dell’altro mondo  come dici tu,  ho visto delle tue ricette con il nome di altre persone,  io non riesco a crederci che esistano persone così, che si mostrano anche in televisione,  ma non hanno vergogna?

 

Elena   Sì,  ci sono uomini e donne fatti così,  sono individui abili,  capaci di trarre profitto dalle circostanze ,  da cose che persone oneste non farebbero mai!  Lavorano  in quel posto e credono che tutto  a loro sia  dovuto,  senza pensare minimamente che esistono anche gli altri, e che quelle cose e quelle ricette non le hanno fatte per loro,  ma per la gente,  le possono leggere guardare ma non hanno il diritto di cambiarne o stravolgere l’idenfità.  Comunque la figura di m…. la fanno loro!  Poi hanno quella forza  che cane non mangia cane!  Ecco perché si sentono forti.  Ciao cara Fede,  alla prossima ricetta.

 

23/10/2018

 

Elena  Ho fatto un risottino buonissimo,  ha il sapore della carbonara,  ma non lo è perché ho aggiunto altri ingredienti.

 

 

UN’ALTRA  MIA RICETTA DEL

 

RISOTTO

 

 

 

Ingredienti per quattro persone:  quattrocento g di riso,  brodo di gallina,  due etti di guanciale,  una patata,  uno spicchio di aglio,  erba gatta,  prezzemolo,  fiori di cassia,  parmigiano reggiano,  cinquanta g di formaggio spalmabile,  latte q.b.  mezzo bicchiere di vino bianco secco.

 

Esecuzione:  facciamo tostare il riso in un cucchiaio di olio extrz vergine d’oliva,  se avete le casseruole dove si cucina senza grassi meglio perché non metteremo l’olio.  Una volta  finita l’operazione,  aggiungeremo il vino fino a farlo evaporare,  poi il brodo:  qualche mestolo,  i fiori di cassia  (per dare il colore giallo), l’erba gatta.  Portiamo il riso a cottura al dente,  mantechiamo con il formaggio fuso allungato col latte,  aggiustiamo di sale,  pepe,  spegniamo il fuoco,  e aggiungeremo il parmigiano grattugiato;  poi impiattiamo e sopra mettiamo il guanciale croccante.

 

Federica   Com’è?  Dovrebbe essere buonissimo vero?

 

Elena   Non posso dirti che è buono da matti,  perché la cosa è soggettiva,  ma  dico che può piacere a molti;  sembra una carbonara solo che non ha l’uovo e poi ha altri ingredienti.  Se non fosse per il guanciale grigliato potremmo chiamare anche questo ” risotto della salute”.

 

26/10/2018

 

Federica   Io non capisco perché certe persone dicono che le uova vanno fatte con il tuorlo crudo e l’albume cotto,   per me la cottura dell’uovo è soggettiva e basta!  I gusti della gente si devono rispettare.  A me le uova piacciono ben cotte altrimenti rischio di vomitare.

 

Elena   Al giorno d’oggi basta che tu abbia un posto di potere che le regole le fanno anche gli ignoranti.

 

Elena   Voglio presentarti lo stinco di maiale cotto a vapore nel forno e rosolato in forno,  aromatizzato con erbe e spezie.

 

STINCO  DI  MAIALE

 

 

 

Ingredienti:  stinchi che servono,  una miscela di sale, erbe e spezie fatta in casa con:  sale,  pepe,  chiodo di garofano e cannella (in minima parte),  macis o noce moscata,  un rametto di salvia,  uno di rosmarino e alloro, vino bianco o rosato e brodo vegetale.

 

Esecuzione:   La sera prima massaggiamo bene gli stinchi con la miscela che abbiamo preparato:  erbe,  sale e spezie,  li mettiamo in un recipiente e li lasciamo riposare coperti per tutta la notte.  Il mattino seguente li metteremo in una teglia da forno con sotto la casseruola  piena di brodo.  Facciamo cuocere lentamente e a cottura quasi completa li toglieremo dal vapore e li lasceremo rosolare con un po’ di farcia e vino bianco, fino alla doratura.  Gli stinchi risulteranno teneri e saporiti,  pronti da gustare con cipolle in agrodolce e fichi caramellati.

Federica   È proprio un bellissimo piatto!

Elena   Grazie!

 

27/10/2018

 

Elena  Ti presento le mie crespelle fatte con polpa di orata,  porri e funghi misti.

 

CRESPELLE  ALL’ORATA

 

 

 

Ingredienti:  cento g di farina per pasta fresca,  due uova,  scorza grattugiata di mezzo limone, parmigiano reggiano,  funghi misti trecento g,  due cipollotti,  uno scalogno,  sale, pepe,  alloro,  cerfoglio,  prezzemolo,  una noce di burro,  cento g di fontina,  latte q.b., noce moscata,  olio,  panco,   un mestolo di brodo di carne.

Esecuzione:   per prima cosa faremo l’orata al forno,  poi la puliremo da tutte le lische,  la tritiamo e la mettiamo insieme ai cipollotti rosolati in un po’ di olio extra vergine d’oliva,  uniamo i funghi trifolati,  la fontina a dadini,  un po’ di panco.  Adesso facciamo le crespelle nella maniera tradizionale aggiungendo qualche aroma per personalizzarle.  Una volta realizzati i dischetti,  faremo la farcitura,  poi li metteremo in una teglia da forno,  verseremo un mestolo di brodo con sopra il parmigiano grattugiato,  e le erbe spezzettate;  lasciamo in forno a 170 ° per venti minuti.  E adesso vi auguro buon pranzo!

 

Federica   Sai cosa ti dico?  Io ci credo!  Grazie per questa ricetta!

Elena  Credici davvero perché sono molto buone,  in quanto morbide e saporite.

 

 Federica  Le tue ricette sono fatte con il cuore,  lo ha dichiarato anche il mio insegnante di cucina.  Ma non avevo dubbi! Lascia perdere chi vuole inserirsi nella tua vita cercando di distruggerti!  C’è una concorrenza sleale da parte di chi ruba e poi  usano l’arma degli stupidi: il disprezzo per ciò che fanno gli altri!  Ma l’invidia rende la persona così meschina da fare pena!  Hai visto a cosa serviva dire che leggi il pensiero?  A rubare anche le tue ricette per rifarle in televisione da una certa persona che le ha sempre rubate.  Le tue ricette sono tutte buone!  Non dubitarne mai,  all’ inizio alcune erano sfocate,  ma non per colpa tua,  perché le tue fotografie erano limpide.  Hai protestato perché alcuni piatti li hanno messi in anteprima nei siti porno,  e allora sono diventate a far parte da cucine da incubo?  Ma cosa c’entri tu con quella gente da incubo sia nei piatti che nella disciplina! Che gente stupida e di poco valore che c’è a questo mondo!

 

29/10/2018

 

Elena  Oggi presento il filetto con una cottura come piace a noi e cioè senza sangue e ben cotto.

 

Il FILETTO IN  SALSA DI

 

MELAGRANA

 

 

Ingredienti:  filetto q.b.,  succo di melagrana,  patate,  zucca,  olio extra vergine d’oliva,  sale,  pepe, cerfoglio,  rosmarino,  salvia, aglio.

 

Mettiamo i filetti a marinare,  poi li pennelliamo con l’olio e li mettiamo sulla pietra calda,  li giriamo e rigiriamo fino a quando la carne avrà raggiunto la cottura desiderata.  Nel frattempo taglieremo a listerelle la zucca e le patate,  le sbollentiamo un po’ e poi le metteremo in friggitrice o in forno,  Abbiamo fatto la crema con il succo di melagrana ottenuto dalla centrifugazione del frutto,  ovviamente senza la buccia e senza tutte le pellicole altrimenti risulterebbe amaro.  Poi,  abbiamo impiattato il filetto con gli stcchi di zucca e patate.

 

Federica   Questo è un bel piatto,  non ascoltare chi dice che  il filetto deve essere solo al sangue;  il filetto deve essere buono e la cottura come ogni persona comanda,  e non lo si deve mangiare come vogliono gli altri!

 

Elena  Tranquilla mia cara Fede,  io non ascolto il giudizio di certe persone che sono nate dopo di me tra l’altro superbe e disprezzanti!  E poi,  nella mia cucina c’è ordine e molta igiene  da sempre,  ed io cucino per le persone che amo e cioè con il cuore  e con tutta l’esperienza che ho acquisito in tutti questi anni!

 

31/10/2018

 

Elena  Ho una ricetta di pesce misto,  è piaciuta a molti.

 

 

CROCCHETTE  DI PESCE MISTO

 

 

Ingredienti:  un filetto di orata, san pietro, alici marinate. Panco, due uova,  uno spicchio di aglio,  limone (scorza grattugiata), pepe,  rosmarino e salvia, olio extra vergine d’oliva.  Tortino di zucca,  indivia.

 

Per la salsa: erba cipollina, prezzemolo,  rafano, sale,  pepe, crescione,  origano fresco,  olio,  un cucchiaio di panna da montare.

Federica   Mi piace da matti il contenuto,  la presentazione e tutto il resto,  grazie.

 

 

 

 

 

 

 

21.10.2018

LE MIE CREAZIONI CINQUE

Author: Elena Lasagna

21/10/2018

 

 

In questi giorni poco lieti perchè sto aspettando una risposta per la risoluzione di certi abusi fattomi così solo perché certe persone sono corte di cervello,  io non sono stata lì a piangermi addosso ma ho preferito orientarmi verso il lavoro e da queste giornate è uscito un bellissimo capo:  eccolo nella foto in basso.

 

TAILLEUR  AUTUNNO INVERNO

 

2018-19

 

 

 

Questo tailleur in broccato di lana,  dal colore verde caldo,  ha una fattura essenziale,  dal taglio e dalla realizzazione accurata,  con gonna al ginocchio,  lunga e mini;  il tutto accompagnato da una camicia in misto seta e pizzo che ne risalta la combinazione.  Con questo stato d’animo ho cercato di lavorare con assoluta precisione,  perché col passare del tempo e degli anni non nascano difficoltà relative a ogni mia realizzazione  per non  correre il rischio che il mio lavoro e la mia esperienza vengano a dir poco minimizzati.  Anche se questa non è più la mia professione attuale,  lo è stata da quando ero piccola,  e non ho nessuna intenzione di sminuirla;  come del resto tutte le altre cose per cui ho studiato e sudato per realizzarle.  Alla prossima.

 

 

 

19/10/2018

 

Ti posso solo dire questo:  io detesto gli assassini,  ma ti giuro che non esiterei un attimo a fare piazza pulita di tutte le prostitute e di chi fa siti porno,  ma sparerei in bocca a chi li ha messi a mio nome!  Volevi la verità?  Questo è il mio stato d’animo nei loro riguardi,  e non lo cambierò,  MA ANDIAMO AVANTI LO STESSO,  ALTRIMENTI FAREMO IL LORO GIOCO;  sapessi quante persone la pensano come me!

 

Elena Lasagna

16.10.2018

LA PORNOGRAFIA PER ME E’ MALATTIA MENTALE

Author: Elena Lasagna

16/10/2018

Gli animali sono migliori di certi

umani,  perché spesso riescono a

prendere iniziative belle

  importanti,  anche istintivamente

  come quello di far del bene alle

persone!

 

Marco 11 anni!

15.10.2018

RISPOSTE AI LETTORI CENTOCINQUANTASETTE

Author: Elena Lasagna

15/10/2018

 

Soffri d’insonnia? Perché ci hanno detto che lavori in casa di notte.

Alessandra e Giovanni

 

Ma io dormo dalle sei alle otto ore al giorno,  senza bisogno di psicofarmaci o altro,  è il corpo che me lo chiede.  Rispondo a questa domanda perchè siete voi e vi ringrazio per avermelo chiesto. A volte lavoro di notte perché riesco meglio a percepire sensazioni più veritiere,  ed è la smania di comporre qualcosa che non mi fa dormire; anche le poesie escono meglio di notte,  poi,  per scrivere a volte preferisco il silenzio della notte per potermi ascoltare.

 

Elena Lasagna

 

Prenderesti una decisione sbagliata solo per denaro?

 

Dott.  Robert e Linda

 

No,  non l’ho mai fatto,  perché solo su una base di stima reciproca  si possono realizzare molte iniziative,  come per esempio quella di studiare medicina con voi due.  La vostra collaborazione mi ha dato molto di più della frequentazione,  io l’ho sempre considerata molto in alto perché lo è,   lo sarà sempre e non dimenticherò nulla di ciò che ho imparato e che continuerò ad imparare da voi.  Ho rifiutato sempre tutte le cose facili che mi sono capitate e anche se questo ha dato inizio a persecuzioni e ad altre cose,  sono felice perché non  devo romproverare nulla alla mia coscienza. Voi avete contribuito molto  a farmi acquisire quella forza di superare tutti i dettagli quotidiani spesso irritanti ma in un modo o nell’altro ho sempre avuto giustizia,  quella vera,  grazie!

 

Elena Lasagna

 

28/10/2018

 

Al giorno d’oggi più una persona mente,  ruba,  fa del male al prossimo,  più fa fortuna  e   sembra più furba degli altri!  Dico così per quello che è successo:  che fastidio potevi dare a gente come quella che si trova già in un posto dove pochi possono arrivare?  Eppure guarda che cosa ti hanno fatto!  E non sembrano nemmeno loro,  si comportano come se nulla  fosse successo,  e pensare che quando li guardavo capivo sempre che usavano tutto ciò che facevi per prima,  specialmente quella!   E mai nessuno li ha fermati.

Marco 11 anni

 

No Marco,  qui ti stai sbagliando,  forse può sembrare  in un primo momento ma in realtà non è così!  La gente prima o poi rivela sempre in qualche modo di che pasta è fatta e credimi le persone false non valgono tanto perché è tutta superficialità,  senza amici potenti che li affianca non sono nessuno.   Quello che conta per me è essere e non solo apparire, solo questo può dare la vera felicità!  Per carità,  ci sono solo alcuni di loro ad essere  così,  gli altri li adoro.

Elena Lasagna

 

 

 

 

14.10.2018

TOGLIERE IL LAVORO A CHI NON LO MERITA!

Author: Elena Lasagna

14/10/2018

SE AVESSI UNA GROSSA AZIENDA CON

 

 DIPENDENTI CHE NON SVOLGONO IL LORO

 

LAVORO COME SI DEVE,  FACENDOMI PRENDERE

 

MULTE SALATE DI MILIONI DI EURO,   IN PIÚ IL

 

DEGRADO DELLA MIA AZIENDA PERCHÉ

 

NON RISPETTANO I DIRITTI DI PRIVACY DELLA

 

GENTE IO LI LICENZIEREI IN TRONCO!

 

CERTE PERSONE SI MONTANO LA TESTA PERCHÉ

 

SONO STUPIDE,  CREDONO DI ESSERE IN UNA

 

BOTTE DI FERRO,    PENSANO CHE NON CI SIA

 

NESSUNO CHE LI CONTROLLI MA  NON È COSÍ;

 

  FINIRÁ ANCHE LA VOSTRA CUCCAGNA!  AUGURI!

 

ALLORA  SÍ CHE VI SGONFIERETE!

 

Elena Lasagna