19.03.2018

LE RICETTE DI CASA MIA DUECENTOQUARANTOTTESIMA PARTE

Author: Elena Lasagna

19/03/2018

 

IN  CUCINA  CON  AMORE  E  CON

 

FEDERICA

 

Federica   vorrei chiederti perché a volte quando condisco la pasta con il sugo dell’arrosto mi risulta un po’ amarognolo?

 

Elena  Forse perché con il sugo mescoli anche il bruciacchiato della rosolatura,  quando hai intenzione di condire la pasta devi togliere il sugo prima di dargli la doratura finale,  e poi si fa  solo con la carne di vitello;  può succedere anche se metti la parte legnosa del rosmarino e di altre erbe da fusto.  La pasta condita con il sugo di arrosto è molto buona se si rispettano certe regole due sono queste,  poi dovresti aggiungere olio e formaggio.  E adesso il piatto di oggi,  che è il pollo in una versione nuova.

 

UN’ALTRA RICETTA DI POLLO DI

 

CASA MIA

 

Ingredienti per quattro persone: un petto di circa sei hg,  sale e pepe,  rafano,  rosmarino,  salvia aglio, vino bianco secco,  brodo,  cipolle carote, sedano,  fontina,   hg cento cinquanta di prosciutto cotto,  quattro fettine di pancetta steccata,  salsa curry verde.  Contorno di cipollotti in agrodolce e patate al forno.

 

Esecuzione:  dopo aver lavato e tagliato il petto a tocchetti,  li apriremo a libro,  e li metteremo in marinatura con il curry verde fino al mattino successivo. Poi,  lo farciremo con il cotto, la fontina e lo avvolgiamo nella pancetta  (che poi si scioglierà)  rosoliamo bene senza alcun grasso aggiunto, mettiamo tutte le erbe,  sfumiamo col vino,  aggiungiamo il brodo e il coperchio.  A cottura ultimata serviremo i nostri tocchetti di pollo gustosi e morbidi con le cipolline in agrodolce e le patate rosolate al forno,  è un piatto davvero particolare perché la marinatura col curry verde un po’ agrumato dà un tocco di Oriente.

 

Federica   Mi piace molto,  anche la presentazione è meravigliosa.

 

20/03/2018

 

Federica   Ho comprato tutti gli ingredienti per la torta,  così posso vedere bene come la realizzi.

 

Elena  La tua è solo un po’ di insicurezza,  ma sono certa che ci riuscirai,  voglio che la prepari tu,  io interverrò solo se farai un passaggio sbagliato,  vedrai che ho ragione, verrà meglio della mia.  Ho preparato il pan di Spagna fresco e la pasta sfoglia.

Elena  E adesso presentiamo il pesce lesso,  ossia al vapore e poi messo in marinatura con  grandi sapori.

 

PESCE AZZURRO INCORNICIATO

 

 

Ingredienti:  un’orata grande,  erbe aromariche,  sale,  pepe, aceto di acero,  limone, cerfoglio, carciofi,  stufato di piselli con pomodoro,  scalogno, brodo di gallina, alloro,  olio extra vergine d’oliva, pangrattato fine,  besciamella leggera,  parmigiano reggiano.

 

Esecuzione:  ho sfilettato l’orata,  l’ho messa al vapore e dopo avere raggiunto la cottura ideale l’ho cosparsa di erbe,  e un’emulsione fatta con olio, sale e pepe, aceto limone. Poi ho stufato i piselli e li ho fatti al sugo e belli saporiti;  per ultimo ho lessato i carciofi, li ho passati in padella con una noce di burro,  poi ho aggiunto la besciamella leggera e il parmigiano grattugiato.

 

Federica   Diciamo che anche il pesce a vapore messo vicino a delle verdure così saporite diventa molto gustoso.

 

21/03/2018

 

Elena  Ecco cara  Fede,  te la presento oggi la pasta al sugo di arrosto,  è buona e molto saporita.

 

PACCHERI AL SUGO DI

 

ARROSTO

 

 

Ingredienti:  paccheri fatti in casa o confezionati,  sugo di arrosto, besciamella leggera (fatta con latte,  pochissima farina e crema di parmigiano), pepe, un pizzico di spezie,  brodo,   parmigiano reggiano.

 

Esecuzione:  mettiamo a cuocere i paccheri,  li toglieremo al dente,  poi li condiremo nella pirofila da forno con il sugo di arrosto,  li mescoliamo bene,  poi metteremo la besciamella,  un giro di pepe e spezie e una manciata di parmigiano reggiano.  Adesso che i sapori sono ben amalgamati li faremo gratinare in forno a 180 ° per qualche minuto,  poi il piatto sarà pronto da gustare.

 

Federica   Che bontà,  mi piace così tanto la pasta al sugo di arrosto!

 

22/04/2018

 

Elena   Ciao cara Fede,  sorpresa!  Stamane molto presto ho fatto l’anello pasquale per Linda e Robert,  quarda uno spettacolo,  poi gliel’ho  mandato ancora caldo e profumatissimo. È difficile che mi riescano male le cose che faccio per loro,  il perché è semplice:  sono persone speciali e per le persone speciali anche il cielo dà una mano!

 

ANELLO PASQUALE AGRUMATO

 

 

Ingredienti:  trecento g di fecola di patate,  cento g di farina per dolci, una bustina di lievito per dolci,  duecento g di canditi al cedro e lime, due cucchiai di rum,  buccia di cedro grattugiata, centocinquanta ml di olio di mais,  duecentosettanta g di zucchero semolato e venti g di zucchero a velo con vaniglia,  quattro uova e un tuorlo, due cucchiai di succo di lime e tre di succo di cedro, cento g di cioccolato bianco a scaglie.

 

Esecuzione:  Sbattiamo le uova con lo zucchero,  aggiungiamo l’olio a filo, poi il rum, la buccia grattugiata del cedro,  i succhi di agrumi,  poi,  incorporiamo le farine adagio,  a pioggia,  ma con ritmo seguente.  Giriamo bene il tutto ripetutamente,  infine incorporiamo i canditi,  il cioccolato bianco a scaglie e il lievito.  Mettiamo in forno a centosettanta° per quarantacinque minuti,  laciamo raffreddare il dolce e lo spolverizziamo con un velo di zucchero vanigliato,  solo un velo per non coprire la sua bellezza.

Federica  Immagino tutti i sapori e il profumo che sprigiona!  Io voglio farlo lì da te,  a casa mia mi diventa tutto schiacciato come una frittella.

Elena  Se non ti è riuscito una volta,  non è detto che se ci riprovi poi ti venga male!  Mettici tutta la passione che hai,  lo sai che il guaio è tutto lì.  Ciao.

 

24/03/2018

 

Elena  voglio presentarti l’agnello con i funghi,  è squisito!  Sono ritagli di carne di agnello, messe a marinare per qualche ora e poi fatte in stufato.

 

Federica  Prima di incominciare con la ricetta vorrei farti una domanda:  come vorresti che fosse la ragazza e il ragazzo ideale per i tuoi figli?  Grazie!

 

Elena   L’hai già pronunciata la parola,  hai detto “ideale”;  a parte tutto, li vorrei come voi due,  tu e  Alessandro:  leali,  sinceri,  onesti con se stessi e con il prossimo, poi tutto il resto per me va bene.  Dico così perché ho visto dei giovani molto brillanti e per bene che sono una gioia solo a vederli;  mentre altri ed altre sono bugiardi,  meschini,  per invidia accusano  persone innocenti di reati che hanno commesso loro,  e sono così anche con i loro genitori.  Che tristezza”

 

Federica   Probabilmente sono così anche i loro famigliari!

Elena   Probabilmente sì.  Ma torniamo alle nostre ricette.

 

AGNELLO COI FUNGHI

 

Ingredienti: sfilacci di agnello,  funghi misti e porcini,  olio extra vergine d’oliva,  un pizzico di cannella, mezzo porro,   un chiodo di garofano, alloro, cumino, cipolle rosate o due scalogni,  un bicchierino di brandy,  una noce di burro,  un mestolo di buon brodo,  sale e pepe.  Per il contorno:  radicchi misti,  polenta abbrustolita.

 

Esecuzione:  Ho tagliato la carne  a piccoli pezzetti,  poi l’ho messa a marinare,  poi in una casseruola ho rosolato la carne e gli scalogni,  ho sfumato col brandy e ho aggiunto sale e pepe, le erbe e ho messo il coperchio. Nel frattempo ho cucinato i funghi,  li ho caramellati un po’ e poi li ho aggiunti alla carne per  insaporirli. Una volta terminata la cottura,  ho aggiunto l’olio extra vergine gentile, una noce di burro;  ho mescolato bene ed ho lasciato riposare il tutto per dieci minuti.  Poi ho servito lo stufato con la polenta e radicchio.

Federica   Non si può dire che non sia squisito,  non posso proprio!  Ciao, la prossima volta la  racconterai la barzelletta?  Ciao.

 

26/03/2018

 

Elena   Ti presento ancora delle tagliatelle che però sono sempre condite in maniera diversa.  Queste sono ai sapori di cacciatora,  con frammenti di carne.

 

TAGLIATELLE AL SUGO DI

 

SAPORI

 

 

Ingredienti:  anatra,  vino rosato secco,  scorza di agrumi,  spezie miste:  sale,  pepe, cumino, aglio,  chiodo di garofano, cannella,  noce moscata,  tre scalogni,  brodo vegetale,  olio extra vergine d’oliva gentile, salvia, tagliatelle fatte inn casa,  una salsiccia.

 

Esecuzione:  mettiamo la carne a marinare per una notte nel vino e spezie.  Il mattino seguente la rosoliamo senza alcun grassoaggiunto,  sfumiamo col vino (un bicchiere) poi aggiungeremo le spezie,  gli scalogni e il brodo,  mettismo il coperchio e lasciamo cuocere.  A parte facciamo grigliare la salsiccia, e quasi a cottura ultimata dell’anatra l’aggiungeremo al composto.Facciamo cuocere il tutto insieme per mezz’ora circa,  poi togliamo la carne dalla casseruola,   la triteremo tutta compresa la salsiccia,  faremo il ripieno per i cappelletti che presenterò più avanti e teniamo il sugo e alcuni pezzetti di carne tritata per le tagliatelle.  Aggiungeremo un po’ di olio e parmigiano e il piatto è risultato gustoso e leggero.

 

Federica   Sai che da quando uso le tue ricette i clienti nel ristorante sono aumentati?  Ti dovrei fare un regalo!

 

Elena  Grazie!  Ciao,  al prossimo articolo con la barze,  qui ho finito lo spazio.