15.02.2018

TU E IL 2018-19 COSA VUOI SAPERE?

Author: Elena Lasagna

15/02/2018

 

IL TUO 2018-19 FATTO CON IL

 

CUORE

 

 

 

Sono io Donatella,  nata quarantacinque anni fa sotto il segno del Cancro con ascendente Pesci.  Io non so se a questo mondo ci sia dolore più grande della perdita di una figlia giovane, è una cosa che va oltre ai confini della norma,  della realtà,  di ciò che è vero e non ci credi,  perché avviene un distacco tra il corpo e la mente che non riesci più a farla entrare e riprendere il suo posto di sempre.  Ci vuole una potenza combattiva che io non trovo più,  mi sento più morta che viva,  forse perché è l’unico modo per sentirmi vicino a lei.  Per capire se  sta bene,  sentire se ha freddo;  in quel luogo non si sa se sia per sempre o se è vero che in qualche modo si ritorni.  Io vivo come se giorno e notte fossero un tutt’uno,  e spero solo che questo non accada mai a nessun altro.  Grazie!

 

Perdere una figlia giovane è  come per un bambino perdere un genitore.  Tutti noi abbiamo perduto qualcuno che amiamo molto e anche dopo tanto tempo  il dolore resta incancellabile.  In qualche modo bisogna aggrapparsi ancora di più alla vita,  per se stessi e col tempo tutta questa nebbia fredda si farà da parte,  perché loro da lassù ci amano e non vorrebbero vederci così,  hanno bisogno di trovare la pace.  La qualità della vita può decisamente migliorare se s’incomincia a pensare davvero anche a se stessi,  addirittura il tempo  non è sempre nemico,  darà ancora la possibilità di essere non dico felici ma sereni. Bisogna liberare la vitalità,  per raggiungere l’equilibrio interiore,  mettere in primo piano la creatività e realizzare i propri sogni nel cassetto.  La buona sintonia con te stessa guarisce la mente e la qualità del quotidiano migliorerà sempre di più. Inizia da lì,  auguri di cuore!

 

Elena  Lasagna