24.04.2017

LE RICETTE DI CASA MIA DUECENTOVENTESIMA PARTE

Author: Elena Lasagna

24/04/2017

 

IN  CUCINA  CON  AMORE  E  CON

 

 FEDERICA

 

Federica   Ieri ho cucinato gli gnocchi di semolino con il gorgonzola;  una delle tue ricette,  erano di una bontà,  e poi sono ricchi di salute.  Oggi cosa ci presenti?

 

Elena   Oggi per voi ho un altro risotto di casa mia,  poi l’arista di maiale con prugne.  Ci sono sapori nuovi tutti da assaggiare.

 

IL  RISOTTO  DI  CASA  MIA

 

 

Ingredienti:  riso per risotti q.b.,  timo, petto di pollo a dadini stufato con verdure miste,  spezie miste,  cipollotti, olio extra vergine d’oliva gentile,  parmigiano reggiano,  due cucchiai di formaggio di montagna alla genzianella da fondere,  brodo vegetale,  mezzo bicchiere di prosecco.

 

Esecuzione:  facciamo soffriggere la cipolla fresca con il riso,  poi aggiungeremo il pollo a dadini, le spezie, il timo,  spruzziamo col vino  e incorporiamo il brodo sufficiente per la cottura per ottenere un risotto morbido;  a fine cottura  aggiungiamo il formaggio fuso, infine  mantechiamo con il parmigiano e per ultimare il piatto faremo un giro di olio (un cucchiaio per ogni piatto).

Federica   Bello e buono!

Elena  Sì,  e adesso il secondo piatto,  eccolo!

 

ARISTA DI MAIALE CON PRUGNE

 

 

Ingredienti:  arista senza l’osso,  prugne scure,  aceto balsamico,  aglio,  rosmarino, cerfoglio, piselli stufati con cipolle rosate olio extra vergine d’oliva,  prosecco, brodo di gallina,  pepe in grani e un pizzico di cren.

 

Esecuzione: per prima cosa mettiamo la carne a marinare,  poi la rosoleremo per bene e la sfumiamo col vino.  Aggiungeremo l’aglio,  il rosmarino,  il cerfoglio, il brodo e mettiamo il coperchio alla casseruola,  poi la lasceremo cuocere a puntino  ma a fuoco lento.  Una volta raggiunta la cottura,  lasciamo raffreddare la carne e la metteremo in frigorifero per una notte.  il giorno seguente la taglieremo a fettine,  e aggiungeremo il cren,  il pepe in grani e la inonderemo del suo sugo di cottura.  A parte abbiamo fatto bollire le prugne nel vino rosso,  lasciate ridurre quasi senza succo e abbiamo aggiunto l’aceto balsamico;  il piatto verrà servito con i piselli stufati.

Federica  Che ricette però!  Chissà quali aromi sprigiona la tua cucina!  Qualche volta cucineremo insieme.  E adesso la barze!

Elena  La barze te la racconterò più tardi,  non vedi che è ancora mattina?

 

E adesso più che barzellette sono le osservazioni di Pallino.

 Una mattina Pallino si reca a scuola accompagnato  dalla sorella,  una bellissima ragazza dai capelli biondi e occhi neri,  ha una pelle di pesca e un filo di trucco per accentuare la sua bellezza.  Quel giorno anche Pinco arriva accompagnato da sua sorella,  però è una bellezza tutta all’opposto e cioè molto brutta.  I due bambini si corrono incontro e Pinco dice a Pallino:  ”  Che bella sorella che hai? ”  Ma Pinco non riesce a concludere la frase che sua sorella esclama:  ”  Bella quella?  Per forza è sempre truccata come se dovesse andare in maschera! ”  Allora Pallino un po’ indignato per la menzogna si rivolge alla sorella di Pinco e le dice: ”  Perché  non ti trucchi anche tu ?  Hai paura di diventare bella ?   Hai voglia!  Poi esclama un proverbio:  ”  Mangia poni che diventerai alto!”

Federica   Barzellette o no,  a me le storie di Pallino  piacciono da matti!

Elena   Allora per premiarti ti detto la ricetta di un dolce,  molto semplice e buono.

 

CORNETTI  DI  CRÊPES  AI CANDITI  CON

GELATO

 

 

Ingredienti per quattro cornetti: 110 g di farina, un uovo intero e un tuorlo, tre cucchiai di zucchero, un bicchiere di latte,  100 g di canditi misti agli agrumi,  la scorza di un limone grattugiato,  500 g di gelato ai gusti vari,  un pizzico di lievito per dolci,  liquore all’arancia o alla genzianella.

 

Esecuzione:  prepariamo il gelato ai vari gusti con il solito metodo;  oppure si può anche acquistare già pronto.  In una zuppiera prepariamo la pastella con le uova,  lo zucchero, il latte,  la scorza  grattugiata del limone, la farina,  il liquore:  un cucchiaio per ogni uovo,  i canditi tagliati in piccole parti infine la punta di un cucchiaio di lievito.  Procediamo per le crespelle.  Devono risultare non gommose ma belle morbide,  le lasciamo raffreddare e formiamo dei cornetti dove introdurremo due palline di gelato.

Federica   Bella e buona anche questa ricetta!  Grazie!

26/04/2017

 

Elena  Oggi vorrei completare questo articolo con altre tre ricette.

 

 

TAGLIATELLE  RIPIENE

 

 

 

Ingredienti:  uova,  farina per pasta fresca,  tre etti di cime di rapa, (si pesano già stufate)  tre etti   di  ricotta,  200 g  di parmigiano reggiano,  noce moscata,  besciamella leggera,  latte e spezie, basilico tritato, scalogno tritato, cipollotti, arancia, carciofi,  brodo di carne.

 

Esecuzione:  prepariamo subito le cime di rapa in stufato,  con scalogno tritato,  spezie e latte.  Una volta stufate le cime di rapa le mescoliamo alla ricotta,  100 g di parmigiano reggiano, noce moscata;  abbiamo creato un bell’impasto solido che useremo a fare il ripieno delle tagliatelle.  Faremmo dei cannelli, li mettiamo a cuocere in forno con la besciamella,  un giro di parmigiano, il cipollotto tritato,  il basilico e  un mestolo di brodo.  Si cuoceranno alla perfezione poi,  li taglieremo a strisce come si fa con le tagliatelle;  le serviremo con verdure a piacimento.  Ecco i cannelli nella foto sotto!

 

 

 

Federica   Che meraviglia!

Elena   Sì,  sono  buonissimi!  E adesso ho una ricetta di pesce.

 

PESCATO  DI  MARE  E  DI  LAGO

 

 

 

Ingredienti:  gamberetti,  polpo,  calamari,  triglie e  spigola di lago;  olive,  olio extra vergine d’oliva,  aceto di acero,  prezzemolo tritato,  cerfoglio,  aglio, rosmarino,  salvia,  patate,  limone,  origano fresco.

 

 Esecuzione:  prepariamo il pesce tagliato a pezzetti,  tranne le triglie e la spigola;  lo lasceremo marinare con limone, olio, aglio,  cerfoglio e prezzemolo.  Poi mettiamo le triglie e le spigole alla griglia curandoci di non cuocerle troppo.   Lessiamo il polpo,  i calamari e i crostacei li taglieremo a piccoli pezzi,  li condiremo con:  aceto di acero,  olio, prezzemolo e cerfoglio e ancora un po’ di succo di limone e origano fresco. Faremo i piatti con una triglia,  una spigoletta e il misto di mare in umido;  il contorno di patate al forno con rosmarino e salvia.

 

Federica   un piatto issimo!  Ti ricordi la ricetta del “Pot-pourri”?

Elena   Come no?  Anche perché è molto antica è quella di mia nonna,  anzi una di quelle di mia nonna!

L’ingrediente principale del pot-pourri sono i petali di rose,  si tratta di una preparazione fermentata di fiori,  erbe e spezie.

Ingredienti: 600 g di petali di rose profumate,  200 g di fiori di gelsomino,  50 g di aghi di pino freschi,  100 g di maggiorana in fiore e violette selvatiche,  50 g di  fiori di basilico, rosmarino e salvia,  50 g di erba luisa,  50 g di spezie miste in quantità uguali:  cardamomo,  curcuma,  macis.  Una volta essicati in una stanza sterile,  si mette il tutto in un vaso a chiusura ermetica,  si aggiunge un po’ di alcool o brandy e si lascia fermentare per qualche settimana aprendo ogni giorno per mescolare.  Poi una volta fermentato il pot-pourry  si versa in piccole ciotole da arredo e sprigiona un magnifico profumo che dà la sensazione di benessere.

 

Fderica   Mi piacerebbe da matti farlo,  ma  se taglio le rose a mia madre mi correrà incontro con la scopa.  Però ho sentito da te il profumo ed è davvero unico.

Quando lo farò te ne regalerò un po’,  contenta? Al prossimo articolo,  ciao!