17.12.2018

I MIEI AUGURI PIU’ VERI

Autore: Elena Lasagna

17/12/2018

 

 

A tutte le persone vere che conosco e che non conosco,

sinceri auguri!  Elena  Lasagna

 

 

 

15.12.2018

LA VIGLIACCHERIA NON E’ MAI ANDATA DI MODA

Autore: Elena Lasagna

15/12/2018

 

Una persona decente quando sbaglia ha il coraggio delle sue azioni,  se questo non accade,  si scivola più in basso degli animali!   Per noi pornografia no!

 

Elena  Lasagna, e tutte le altre Elena Lasagna che sono nel Web e quelle che non ci sono;  più migliaia di persone.

14/12/2018

 

IN CUCINA CON AMORE E CON

 

FEDERICA

 

Elena   Iniziamo la pag. con una torta semplice,  molto buona,  è la torta delle rose;  io l’ho fatta alla mia maniera perché mi piace bassa,  morbida sì,  ma anche croccante.

 

 

LA TORTA DELLE ROSE DI CASA MIA

 

 

 

Elena  La seconda torta di questo articolo è fatta di creme con zabaione,  nocciole e un cuore di amarene.

 

TORTA ALLA CREMA ZABAIONE

 

  NOCCIOLA CON UN CUORE DI

 

AMARENE

 

 

 

Elena  La prossima torta è una torta  con delle sfumature di un gusto,  una delizia per tutti i palati.

 

TORTA  AL CAFFÈ DELLA CAMPANIA

 

 

Elena  Prima di chiudere voglio presentare un’altra torta al caffè,  diversa ma squisita ugualmente.

 

 

TORTA AL CAFFÈ

 

 

 

Carissimi amici,  per oggi vi saluto e vi ricordo che tutte le ricette delle mie torte le troverete nelle ricette di casa mia,  qui nel mio blog.  Ciao,  alle prossime!

 

15/12/2018

 

Elena  Oggi voglio incominciare con una torta magica, di una bontà indescrivibile davvero,  è la torta di nonna Selina.

 

 

TORTA  SELINA

 

 

Elena  Ancora una torta della fiera millenaria di Gonzaga,  eccola è quella fatta nel  settembre 2017.

 

TORTA DELLA FIERA

 

 

 

Elena   Questa è una bavarese al mandarino,  con un gusto strepitoso che non si dimentica.

 

 

BAVARESE AL MANDARINO

 

 

 

16/12/2018

 

Elena  Sto per presentarvi due torte da forno dai gusti eccellenti,  la prima è la torta paradiso,  la seconda è una torta di mele selvatiche con crema al liquore di mele,  una squisitezza.

 

 

TORTA  PARADISO

 

 

 

Ed ecco la seconda torta da forno.

 

 

TORTA ALLE MELE SELVATICHE

 

 

 

Ed ecco l’ultima torta di questo articolo,  un’altra squisitezza  fatta per festeggiare la S. Pasqua.

 

TORTA DI PASQUA

 

 

 

Le orchidee sono state realizzate con pasta di sale e poi le ho dipinte a mano.  Abbiamo terminato anche questo articolo,  alla prossima volta,  ciao.

 

14/12/2018

 

 

IN CUCINA CON AMORE E CON

 

FEDERICA

 

Elena  Dobbiamo continuare sulle orme di prima,  cioè nelle ricette non dobbiamo mettere solo gli ingredienti,  ma le persone vogliono anche l’esecuzione;  quindi,  daremo la spiegazione come se le vedessero in televisione.

 

Federica   Va bene, solo che non possiamo ripetere come si fa una sfoglia tutte le volte.

 

Elena  Se fosse necessario perché no?

 

 

PETTO DI CAPPONE IN UN LETTO DI

 

MELANZANE  CON CATALOGNA

 

STUFATA

 

 

 

 

Ingredienti:  petto di cappone,  sale,  pepe,  un lime,  un’arancia,  un pompelmo rosa,  rosmarino,  salvia,  estragone,  parmigiano reggiano, pangrattato misto,  due uova,  farina q.b.,  olio per friggere (quello che preferiamo),  listarelle di melanzane,  catalogna,  una noce di burro,  latte.

 

Esecuzione:  battiamo la carne,  poi la saliamo e la mettiamo a marinare in una bacinella con la spremuta di agrumi.  La lasciamo a marinare per una notte,  e la mattina seguente la cucineremo in cotolette fragranti,  saporite e morbide.  Abbiamo già messo la catalogna a cuocere in pochissima acqua,  poi l’abbiamo strizzata bene,  e abbiamo terminato la cottura con un bicchiere di latte,  per finire l’abbiamo completata con una noce di burro e una spolverata di parmigiano.  Adesso impiattiamo le listarelle di melanzane che abbiamo passato in forno con un cucchiaio di olio, e formaggio grattugiato;  ora  ci mettiamo  sopra  le cotolettine di cappone e serviremo con la catalogna.

 

Federica   Un bel piatto saporito,  non c’è nulla da aggiungere,  ci invita a tavola.

 

17/12/2018

 

Elena  Un primo già presentato in molte occasioni,  ma con gusti diversi e una diversa cremosità.

 

 

RISOTTO  ALLA CREMA DI ZUCCA

 

 

Ingredienti: riso q.b.,  zucca,  uno scalogno, erba luisa,  noce moscata,  sale,  rafano,  amaretto,  un cucchiaio di panna,  parmigiano reggiano,  olio extra vergine d’oliva,  brodo vegetale.

 

Esecuzione:  mettiamo a tostare lo scalogno e il riso con un filo di olio,  poi,  aggiungiamo la noce moscata,  il rafano,  e la zucca tagliata a dadini,  adesso aggiungiamo il brodo (poco per volta),  poi a fine cottura che dovrà essere al dente incorporiamo la crema di zucca che abbiamo preparato in precedenza già mescolata alla panna.  Un tocco di parmigiano,  e due cucchiai di amaretto. Decoriamo con filini di erba luisa e  fiori di zucca.

 

Federica   Anche questo è un piatto davvero elegante,  e buono.  La tua cucina elegante e raffinata non merita di essere messa nei siti delle prostitute.  Quelli sono solo dei delinquenti come lo sono quelli che li assecondano! A questo mondo basta che una persona sia leale e brava,  che se rifiuta di entrare nel giro,  gli invidiosi e gli imbecilli ci saltano addosso come le mosche sul miele.  Che strazio certi esseri umani!

 

18/12/2018

 

Elena   La ricetta di oggi è gustosa ma io non posso assaggiarla perchè è fatta con la carne di cavallo,  non potrei mangiare il cavallo.

 

POLPETTE DI CAVALLO

 

 

 

Ingredienti:  carne macinata da polpette,  concia di erbe e spezie,  olio extra vergine d’oliva,  vino bianco secco,  parmigiano reggiano,  erbe aromatiche,  lime,  aglio e prezzemolo peperoncino,  pepe, zucchine in umido,  fagiolini in besciamella e pepe,  pangrattato fine.

 

Esecuzione:  mettiamo la concia nella carne macinata di cavallo, aggiungiamo il parmigiano grattugiato, aglio e prezzemolo tritati,  le lavoriamo e poi le passeremo nel pangrattato,  Adesso facciamo il soffritto con lo scalogno,  il vino,  e adagiamo le polpette,  le giriamo  le rigiriamo,  lasciando evaporare il vino,  poi le faremo leggermente dorare e le serviamo con le verdure sopra elencate.

 

Federica  Gustose come sono se non sapessi che sono di cavallo le mangeresti?

 

Elena   Certamente,  non ho problemi con le altre carni.

 

 

12/12/2018

 

 

IN CUCINA CON AMORE E CON

 

FEDERICA

 

Elena  Già che siamo vicini al S. Natale incominciamo dal mio panettone.

 

 

PANETTONE FRESCO

 

 

 

Ricordo che tutte le ricette illustrate in  queste fotografie le troverete nel mio blog:  www.elenalasagna.it ricette di cucina

 

 

BRIOCHE ALLA CREMA INGLESE

 

 

 

E  Adesso ripresento una delle tante torte che ho fatto per la festa della fiera millenaria di Gonzaga.

 

TORTA SORPRESA

 

 

 

Ed ora abbiamo una buonissima torta alle creme e frutta.

 

 

TORTA ALLA FRUTTA

 

FRESCA

 

 

 

Ora vi presento la torta alla meringa.

 

 

TORTA ALLA MERINGA

 

 

 

Questa torta ha destato molto stupore per la sua bontà.

 

 

TORTA GELATO ALLE CREME E

 

FRUTTA

 

 

 

Ed ora vi saluto e proseguiremo domani,  ciao!

 

13/12/2018

 

Elena   Proseguiamo con la ripresentazione delle torte.  La prossima sarà una torta anch’essa molto gradita,  ho saputo che l’hanno già fatta in molte persone.

TORTA MANDORLATA FARCITA

 

 

 

E adesso la torta dei mille pensieri quella per festeggiare la fiera millenaria di Gonzaga del 2016.

 

 

TORTA DEI MILLE PENSIERI

 

 

 

Ed ora è la volta di una bavarese squisita.

 

BAVARESE ALLA PESCA GIALLA

 

FARCITA CON CREMA DI LAMPONI

 

 

 Ancora un’altra e poi finiremo anche questo articolo.  L’ultima torta di questo articola è la torta delizia.

 

 

TORTA DELIZIA

 

 

 

Chiudo questo articolo con questa delizia e ci rivedremo più avanti con la presentazione di altre torte e altri dolci.

Ciao!

 

01.12.2018

I MENTECATTI NON DOVREBBERO ESSERE NELLE PAGINE WEB

Autore: Elena Lasagna

01/12/2018

 

Che cosa credono di dimostrare con tutti quei siti porno a tuo nome,   hanno dimostrato che sono dei mentecatti!  Non avevo dubbi,  ma quando ho visto un sito di quel genere che per attirare l’attenzione hanno usato  anche la violenza sulle donne in  Pakistan e in Nepal,  a molte persone  sono cadute tutte le braccia;  una persona così è meno di un animale!

 

Vogliamo farti sapere che siamo tutti dalla tua parte!  Perché certe persone non segnalano questi orrori e questo degrado?  Dove sono le istituzioni?

 

MIGLIAIA  DI  PERSONE

 

Non preoccupatevi,  vedrete che il giorno giusto verrà anche per il mentecatto e per i mentecatti!

 

Elena  Lasagna

 

04/12/2018

 

Vogliamo sapere chi  è quell’uomo tra i trenta e quarant’anni che hanno arrestato in provincia di Reggio Emilia per pedopornografia!

 

Perché non hanno messo il suo nome?  Noi non vogliamo incontrarlo per la strada e fare finta che non sia successo nulla;  dico così perché se non hanno fatto il suo nome è perché lo rilasceranno presto,  vuoi scommettere?  Dicono che si deve curare,  quello in galera deve stare! Va a finire che se esce lui farà a vedere che chi ha fatto tutto è stato qualcun altro!  Per male che vada metterà il nome di un innocente!

 

Molte persone del mio paese

30.11.2018

RISPOSTE AI LETTORI QUARANTADUE SETTANTESIMA PARTE

Autore: Elena Lasagna

30/11/2018

 

 

 

Rispondo a Laura  che mi ha chiesto quando è necessario fare un trapianto del fegato per un malato affetto di epatite.

 

 

Nella forma acuta da virus epatici  che in breve tempo porta a necrosi massiva del fegato;  quando ci sono i segni di un’insufficienza epatica grave,  con tutte le sue manifestazioni.  La malattia acuta guarisce in 30-90 giorni,  nel 90% e più dei casi,  nel restante dei quali può anche portare alla morte. L’epatite acuta virale non è distinguibile nelle sue tre forme in base alla sintomatologia,  anche se il periodo di incubazione è diverso.  Nelle forme itteriche il soggetto dopo circa una settimana di astenia,  dispepsia, inappetenza, presenta una colorazione giallastra con un’intensità della cute variabile dovuta all’aumento della bilirubina nel sangue.

La diagnosi di epatite A non B viene formulata per esclusione delle altre due,  nel suo spazio sembra sia compreso più di un virus. Il contagio è diverso nelle varie forme, di tipo enterale (alimenti tossici contaminati come ad esempio frutti di mare,  alimenti e pesce avariato)  Nell’epatite A e parenterale (contaminazione con il sangue infetto, rapporti sessuali,  uso di strumenti chirurgici o odontoiatrici ecc.)  per la forma B.  Anche il periodo di incubazione è diverso.  Il rischio di contagio è molto più elevato nella forma B e non A non B,  data la presenza di portatori sani o asintomatici di virus che non riconosciuti possono trasmettere la malattia.  L’epatite cronica si manifesta con la presenza di virus nel fegato,  dove si possono determinare lesioni di vario grado,  a volte progressive. In una certa percentuale di casi,  la cronicità è attiva,  e compromette zone sempre più allargate del parenchima epatico,  dove la sostituzione di fenomeni degenerativi necrotici, con tessuto connettivo porta all’epatite cronica sclerosante e alla cirrosi epatica.  Soltanto prima si può arrivare a prevedere tempestivamente alla somministrazione di sostanze protettive la membrana epatocitaria.

 

Elena  Lasagna

 

02/12/2018

 

Mi sono sposata da poco tempo,  vorremmo dei bambini,  ma nei rapporti con mio marito avverto dolore, per me è una vera croce,  e pensare che lo amo così tanto,  ormai sono andata dal ginecologo moltissime volte senza alcun risultato.  Cosa posso fare?  Mio marito crederà che non lo amo.  Grazie!

 

Marina

 

Sei sicura che il tuo medico ginecologo non possa farci nulla?  Forse non ti sei spiegata bene? Perché  io credo che tu sia affetta da vestibolite,  ossia,  infiammazione del vestibolo ( il vestibolo è una parte ricca di ghiandole,  all’inizio del percorso vaginale.  Forse è dovuta alla trascuratezza di un fungo come la “Candida Albicans”,  oppure potresti avere un sistema immunitario debole da essere predisposta alle infezioni,  come  il ripetersi delle infezioni.  Vai ancora fiduciosa dal tuo ginecologo e parlagli come hai fatto con me,  vedrai che troverà la soluzione!  Proteggi il tuo matrimonio.

 

Elena  Lasagna

 

05/12/2018

 

Perché ci si ammala di diverticoli,  mi sono accorto che li avevo già,   ora cosa posso fare?

 

Ale.

 

La diverticolosi è un’affezione che spesso risulta asintomatica,  ma che a volte può essere la causa di emorragie importanti,  o di altri disturbi legati all’infiammazione dei diverticoli.  Perché hai fatto gli esami radiologici?  Così per paura di avere qualcosa o perché avevi dei disturbi,  o che altro?  Questa estroflessione cava a fondo cieco, appare come il prolungamento di un organo.  I diverticoli  possono anche formarsi temporaneamente,  durante lo sviluppo embrionale di un organo,   in anatomia è una malformazione di origine congenita o acquisita,  dell’apparato digerente o della vescica,  che quando dà luogo ad un’infiammazione è chiamata diverticolite,  a causa del ristagno di materiali di scarto,  ecc.  Diverticolo di Meckel,  appendice a fondo cieco annessa all’ultimo tratto dell’ileo,  che si riscontra nel trenta% della popolazione.

 

Elena  Lasagna

 

07/12/2018

 

Quanto è importante la serotonina per il nostro organismo?  Dove si trova?

 

Angela

 

La serotonina è molto importante per l’organismo.  Com’ è già noto,  tale sostanza determina la concentrazione della muscolatura liscia dei vasi  dell’intestino,  dei bronchi,  dell’utero e della vescica,  regola l’automatismo intestinale,  modifica la pressione arteriosa in maniera variabile ,  stimola le terminazioni sensitive dolorifiche,  interviene nei processi allergici e infiammatori,  riduce le emorragie,  determina la sintomatologia dell’emicrania, e di alcuni tumori dell’intestino tenue.  Sembra sia stato provato che la serotonina intervenga nei meccanismi di sonno-veglia,  rella regolazione centrale della temperatura corporea e in alcuni processi centrali determinanti il comportamento emotivo e l’affettività.  Le più elevate concentrazioni di serotonina si trovano nel sangue,  nelle cellule cromaffini dell’intestino tenue e anche in certe parti del cervello soprattutto nell’ipotalamo.  Ci sono farmaci che interferiscono con il metabolismo della serotonina,  specialmente quelli attivi sul sistema nervoso centrale; altri farmaci antagonizzano l’azione della serotonina entrando in competizione con essa a livello dei recettori specifici triptaminergici.  La serotonina è molto presente nel cioccolato e in altre specie vegetali.

 

Elena  Lasagna

 

10/12/2018

 

A volte mi accorgo che ho delle macchie rosse,  non sollevate, ma un rossore diffuso senza alcuna forma;  poi mi chiedo se ho mangiato o toccato qualcosa di cui soffro di allergia,  ma non  è,  non so darmi una risposta.

 

Annalisa

 

Questa cosa succede spesso a persone avanti con gli anni,  la pelle si secca,  o perché  diminuisce la secrezione ormonale,  poi con i secondi anta la pelle,  ossia il derma incomincia ad assottigliarsi,  tende a rilassarsi perché appunto tutto l’insieme diventa meno tonico e di conseguenza la pelle stessa è più soggetta alle irritazioni.  Questo con l’età,  ma tu non sei di quell’età,  quindi,  nel tuo caso è sicuramente qualcosa di cui sei allergica,  può essere un’allergia da contatto dovuta a dei cosmetici,  oppure qualcosa che ti ha irritato l’ntestino,  o ancora un’alterazione del sistema ormonale come quando avviene nel periodo premestruale.  Prova a capirlo da sola.

 

Elena  Lasagna

 

13/12/2018

 

Gli ematomi si riassorbono o sono sempre da trattare chirurgicamente?

 

Angela

 

Tutto dipende da come e dove si presenta l’ematoma,  e dalla sua gravità.  I fattori che possono determinare un ematoma sono molteplici,  i più frequenti sono i traumi,  per la loro azione contusiva.  Le complicazioni più frequenti degli ematomi,  che sia circoscritto o diffuso è la suppurazione (quel processo infiammatorio dato dalla formazione di pus).  Gli ematomi di scarsa entità guariscono spontaneamente,  mentre se sono localizzati in profondità e quelli arteriosi richiedono spesso un trattamento chirurgico.  L’ematoma sottodurale è un deposito di sangue,  più precisamente uno stravaso, dovuto a rottura  traumatica di un’arteria della dura madre che si raccoglie tra questa e il tavolato cranico.  La sintomatologia dovuta alla compressione della sostanza cerebrale,  compare solo alcune ore dopo il trauma che ha provocato l’ematoma,  questo è proprio un fatto caratteristico;  e qui la terapia è assolutamente chirurgica.

 

Elena  Lasagna

 

14/12/2018

 

Vorrei sapere se si vive bene anche senza alcune costole.  Grazie!

 

Anon.

 

Certo,  come saprai le costole formano la gabbia toracica,  sono di forma allungata e sono dodici per ogni lato che si dipartono dalle vertebre dorsali,  dove si articolano per unirsi anfiteriormente per unirsi allo sterno mediante una parte cartilaginea,  quella costale.  Una diretta costo-sternale si ha solo per le prime sette costole sono dette costole vere,  le tre successive sono chiamate costole false o asternali che si congiungono attraverso la propria cartilagine con la settima costola vera.  Le ultime due sono dette costole fluttuanti non hanno rapporto con lo sterno,  ma presentano un’estremità terminale libera  (quale di queste vuoi togliere e perché?  Ti chiedo troppo?) In ogni costola la parte ossea si può distinguere in un’estremità ingrossata,  in rapporto articolare con le vertebre;  un breve segmento appiattito che presenta una tuberosità, e infine un corpo appiattito che costituisce la parte maggiore della costa.  Comunque tu sai anche che la gabbia toracica ha la funzione di proteggere gli organi,  quindi,  fai bene i tuoi conti,  perché una volta segata non credo che troverai facilmente qualcuno che te la incolli di nuovo.  Spero che mi perdonerai questo mio pettegolezzo,  scusami:  ma se mi chiedessero di togliermi due o più costole,  risponderei che piùttosto farei il giro d’Italia a piedi in un mese;  forse sto esagerando, solo per dirti quanto non  farei  quell’intervento inutile.

 

Elena  Lasagna

 

 

30.11.2018

CHI SI PROSTITUISCE E’ UNO ZOMBI CHE CAMMINA

Autore: Elena Lasagna

30/11/2018

 

NON ESISTE POVERTA’  PIU’ GRANDE!

PROSTITUIRSI TI DISTRUGGE IL CORPO E L’ANIMA!

 

Elena Lasagna

 

 

29.11.2018

LE RICETTE DI CASA MIA DUECENTOSESSANTADUESIMA PARTE

Autore: Elena Lasagna

29/11/2018

 

 

 

IN CUCINA CON AMORE E CON

 

FEDERICA

 

Federica   Quanto mi dispiace per Anna,  a furia di mangiare pesce crudo specialmente le ostriche,  ora è affetta da epatite,  non so il grado,  ma so che sta molto male.  Ha avuto coliche a non finire,  dolori,  gonfiori,  poi le è stata prescritta la colonscopia,  ha preso fermenti lattici,  ma non c’è nulla che la faccia stare bene.  Dimmi tu se ci si può ammalare andando a mangiare al ristorante!

 

Elena  Se il ristorante fosse stato rinomato come il tuo,  nel senso che usate prodotti di qualità e siete molto ma molto ordinati e puliti,  di sicuro non si beccava quell’orribile malattia.  Lì,  nel suo caso bisognerà mettere a posto l’intestino,  ossia  eliminare tutte le tossine, si chiama “idroterapia”  forse con almeno dieci sedute se non è davvero epatite all’ultimo stadio,  credo che riuscirà a guarire. Ma adesso torniamo alle ricette,  a lei che piace il pesce le dedichiamo il baccalà al forno.

 

RICETTA NUOVA DI BACCALÁ AL

 

FORNO

 

 

 

Ingredienti:  acquistiamo il baccalà che ci serve,  lo metteremo a bagno per due giorni in acqua intercambiabile,  poi,  va lasciato in frigorifero fino al momento di essere cucinato. Rosmarino,  cipolla bianca,  latte,  panco,  un po’ di pepe, olio extra vergine d’oliva.  Per il contorno:  melanzane,  passato di pomodoro,  tabasco,  una manciata di pecorino,  olio extra vergine d’oliva,  vino rosso,  essenza di peperone, uno scalogno,  uno spicchio di aglio,   prezzemolo tritato poco,  aceto di ribes.

 

Federica   Questa nuova salsa è deliziosa,  accompagna il pesce,  ma io la vedo anche sulle carni,  poi,  tutto dipende dai gusti.

 

01/12/2018

 

Elena  Sai Fede?  Li ho fatti i ravioli alle banane,  sono meno dolci dei tortelli con la zucca,  però io non ho messo tante  erbe  ma soltanto la salvia,  niente pepe o peperoncino ma solo un po’ di rafano nel condimento.  Sono risultati delicati,  saporiti  e non troppo unti.

 

 

 

RAVIOLI ALLE BANANE

 

 

 

Ingredienti:  banane e   ricotta 50 e 50,  parmigiano,  sale,  panco,  panna,  rafano,  olio extra vergine d’oliva gentile,  uova,  farina per pasta fresca.

 

Federica   Li farò presto,  molto presto,  grazie!

 

03/12/2018

 

Elena   Eccoci giunti alla ricetta di oggi,  o3 dicembre 2018,  ho preparato un involtino di coniglio,  mai fatto prima,  con dei sapori che uno tira l’altro.

 

INVOLTINI DI CONIGLIO

 

 

 

Ingredienti:  tranci di coniglio disossato,  fettine sottili di fesa di vitello  arrosto,  pepe,  spezie miste,  funghi porcini,  olio extra vergine d’oliva,  vino bianco,  due scalogni,  olive nere sott’olio fatte in casa,  finocchi,  salsa basciamella fatta in casa, noce moscata,  parmigiano reggiano,  tabasco.

 

Federica   Anche questa è davvero una bella ricetta,  andrebbe bene anche per il pranzo d Natale.

 

Elena  Piace molto,  è leggera ed anche piena di gusto.

 

05/12/2018

 

Elena   Vuoi un bel piatto di pasta gustoso?  Ecco i rigatoni alla cacciatora;  alla mia cacciatora.

 

 

RIGATONI ALLA CACCIATORA

 

 

 

Ingredienti:  rigatoni q.b.,  verdure miste,  erbe aromatiche preferite,  una grossa cipolla,  un pizzico di cannella,  pepe,  noce moscata  concentrato di dado di carne fatto in casa,  cannellini,  peperone,  due cucchiai di sugo di pomodoro,  un bicchiere di vino bianco,  una punta di peperoncino,  parmigiano reggiano grattugiato.

 

Federica   Il profumo che sprigionano questi sughi sembra che venga dal paradiso.

 

06/12/2018

 

Elena   il piatto di oggi è l’orata vestita a festa,  perché metà l’ho fatta con le erbe mentre l’altra metà in polpette,  il tutto circondato da una salsina piccante.

 

ORATA VESTITA A FESTA

 

 

Ingredienti:  acquistiamo le orate che ci servono, il contorno di pomodoripassati e zucca al forno,  erba luisa,  erba ruta,  salvia crescione, rosmarino,  capperi,  olive verdi,  olio extra vergine d’oliva,  limone.  Per le polpettine:  polpa di orate,  panco,  parmigiano,  aglio,  prezzemolo,  origano,  uova,  farina e olio per friggere.  Ed ecco il piatto!

 

Federica  Sicuramente buono e gustoso!

Elena   Grazie!  Sai?  Avrei tante cose da dire,  ma so che adesso non è il momento,  ci sono cose che non si possono sopportare!  Se non altro mi si rafforzano le difese,  perché sopportare queste angherie  la mia forza accresce sempre di più!  Se vogliamo prenderla alla leggera possiamo ribadire che non tutto il male vien per nuocere!  Per ora mettiamola così!

 

07/12/2018

 

Elena   Ciao,  sai che con le briciole di tartufo che mi hai dato ho fatto dei cappellacci buonissimi?  Eccoli nella foto sotto.

 

CAPPELLACCI  AL  TARTUFO

 

 

 

Federica   Quante specie di ravioli hai fatto fino ad ora?  Ne ho assaggiati molti,  però ho notato che nessuno e dico nessuno,  anche se di forme uguali erano dello stesso sapore,   ma tutti ugualmente squisiti.

 

Elena   Non ho mai ripetuto la ricetta del  rpieno,  altrimenti che presentazione sarebbe?  Solo il pesto genovese, l’ho presentato con lo stesso sapore ma non fatto nella stessa maniera.

 

Ingredienti per la ricetta di oggi:  uova, farina per pasta fresca, briciole di tartufo,  crema di porcini, gorgonzola,  panco,  parmigiano reggiano,  besciamella leggera,  macis, olio extra vergine d’oliva, brodo vegetale.

 

08/12/2018

 

Alessandra  Il dolce che ci hai mandato ieri sera era di una bontà che è finito subito,  grazie!

 

Elena  Sono davvero felice,  ora lo presento.

 

 

DOLCE  AI CACHI

 

 

Ingredienti:  seicento g di polpa di cachi,  seicento g di polpa di banane,  trecento g di mascarpone,  una punta di acido ascorbico, trecento g di panna da montare, trecentocinquanta g di zucchero,  trecento g di cioccolato fondente dolce,  latte q.b.,  crema allo zabaione con liquore alla genziana,  una bacca di vaniglia.

 

Federica   Questo dolce è quello che ho mangiato a casa tua in ottobre,  come potrei dimenticare questo squisito elisir!   Cambiando argomento,  hai trovato il colpevole?

 

Elena   Non è stato difficile,  lo avrebbe capito anche un bambino piccolo.  Vedi?  In questo caso quando due o più persone si accusano a vicenda,  sono colpevoli alla stessa maniera.

 

10/12/2018

 

Elena   Ho cucinato il luccio in marinatura e poi l’ho impanato con l’origano fresco e i capperi tritati.

 

Federica   Buono!  Quand’è che mi vieni ad aiutare in cucina?

 

Elena   Verrò l’ultimo giorno dell’anno,  così poi resterò per il cenone.

 

Federica   Finalmente ti sei decisa!  Ora voglio vedere il luccio.

 

 

LUCCIO MARINATO E IMPANATO

 

 

 

Ingredienti:  tranci di luccio q.b.,  origano fresco,  capperi,  sale,  pepe, pangrattato,  uova,  farina, olio d’arachidi,  salsa di peperoni rossi,  cavolo romano in besciamella,  dadi di patate al rosmarino cotte al forno.

 

11/12/2018

 

Elena  E adesso ho delle reginelle fatte a mano squisite e leggere.

 

LE REGINELLE

 

 

 

Ingredienti:  farina per pasta fresca,  uova,  olio extra vergine d’oliva,  strcotto di funghi misti e rifilature di prosciutto, pistacchi, parmigiano reggiano,   un filo di panna,  sale e pepe,  una punta di tabasco,  brodo vegetale con dadi fatti in casa.

 

Federica   Questi sono sapori squisiti,  però io o anche tutte le altre tue ricette delle reginelle,  con la carne,  con la zucca,  ecc.  Sono tutte  squisite e ben bilanciate.  Quale sarà la prossima?

 

Elena  Chissà,  ne vuoi una vegana o una agli insetti?  Dai che scherzo!

27.11.2018

CREDERE O NON CREDERE?

Autore: Elena Lasagna

26/11/2018

 

Pensi anche tu che gli esseri umani siano i soli ad abitare nel nostro sistema solare?

 

I tuoi amici

 

Ci sono molte cose in cui non credo più,  ma, la religione, la scienza e la probabilità che esista un altro pianeta simile al pianeta Terra sono cose in cui io credo ancora;  anzi ci credo sempre di più!  Ti dirò anche che credo che alcuni esseri di aspetto uguali agli umani  siano in mezzo a noi,  molto più intelligenti e di conseguenza migliori di molti uomini della Terra.

 

Elena  Lasagna